Quantcast
Connettiti con noi

Sports

Exor smentisce voci sulla cessione della Juventus

Pubblicato

il

Exor
Foto da profilo Instagram Juventus

La holding della famiglia Agnelli, Exor, respinge le speculazioni sulla vendita del club bianconero, nonostante le sfide finanziarie in corso

Una chiara dichiarazione è giunta da Exor, la holding di proprietà della famiglia Agnelli che detiene il 63,8% del capitale della Juventus, in merito alle recenti speculazioni sulla cessione del celebre club calcistico. Un portavoce di Exor ha respinto categoricamente le voci riguardanti un possibile cambio di proprietà, sottolineando che tali ipotesi sono “destitute di ogni fondamento.”

Le speculazioni erano emerse a seguito di un articolo pubblicato in prima pagina sul giornale Il Giornale, in cui si discuteva delle “grandi manovre per preparare l’addio al club.” L’articolo evidenziava le sfide finanziarie che la Juventus sta affrontando, con perdite per 240 milioni di euro, ricavi inferiori ai 600 milioni e debiti superiori al valore in borsa di 800 milioni di euro.

Pubblicità

Nonostante le difficoltà finanziarie, Exor ha chiarito che la cessione della Juventus non è attualmente contemplata. Tuttavia, l’articolo del Giornale ha sottolineato che la condizione contabile del club rappresenta un peso significativo per Exor e che potrebbe essere necessario un “riequilibrio, pulizia e un possibile inserimento nel mercato” dell’asset. Questa impresa è stata definita “non facile, ma non più impossibile.”

La Juventus, uno dei club di calcio più rinomati al mondo, ha una valutazione di poco meno di 800 milioni di euro, e il suo futuro finanziario rimane oggetto di discussione e interesse. La famiglia Agnelli è profondamente radicata nella storia e nella cultura del club e ha dimostrato un forte impegno nel suo successo a lungo termine.

La dichiarazione di Exor conferma la determinazione della famiglia Agnelli a mantenere il controllo sulla Juventus nonostante le sfide finanziarie attuali. Resta da vedere quali strategie saranno adottate per affrontare le difficoltà economiche e come la Juventus pianificherà il suo futuro nel mondo del calcio.

Pubblicità

Lascia un like su Facebook e seguici su Twitter