Connect with us

Esteri

Pedinici ed Evi (M5S): La Ue metta al bando sostanze chimiche nocive

Published

on

Pedicini: “La scienza dimostra che le sostanze chimiche si trasferiscono nel latte materno”; Evi: “Il voto di ieri è anche un importante passo avanti verso l’obiettivo PFAS zero”

La Commissione europea deve agire affinché le sostanze chimiche nocive presenti in varie forme sul mercato comunitario, vengano messe al bando. È la strategia contenuta nel Green Deal e proposta dalla Commissione, potrebbe essere determinante in questo senso, a patto però che gli interessi dell’industria tedesca non prevalgano sugli interessi di tutti i cittadini europei.

“La scienza ha dimostrato che le sostanze chimiche si accumulano e permangono nei corpi per venire poi trasmesse ai bambini attraverso la gravidanza o il latte materno”, commenta Piernicola Pedicini, europarlamentare del Movimento 5 Stelle. 

“Il semestre tedesco di Presidenza del Consiglio – prosegue Pedicini – è iniziato da pochi giorni. Mentre tutti ci auguriamo proposte ambiziose e concrete di miglioramento del sistema, nessuno dimentica che le più grandi multinazionali dell’agrochimica sono le tedesche Bayer e BASF e che la Germania è il secondo maggiore esportatore di pesticidi al mondo dopo la Cina. È stato l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR) a dichiarare il glifosato sicuro e proprio il voto della Germania ha determinato di fatto il rinnovo della sua autorizzazione. Oggi chiediamo che i pesticidi ad alto rischio siano eliminati entro il 2030, vedremo nei prossimi mesi chi sosterrà davvero questa battaglia”, conclude l’eurodeputato.

“I cittadini sono disgustati ed indignati dalle immagini raccapriccianti delle torture subite dagli animali nei laboratori. La scienza ci dice che esistono tecnologie innovative pronte a prendere il posto degli antiquati metodi animali, capaci di produrre risultati più rilevanti per l’uomo e spesso in minor tempo. Anche grazie agli emendamenti che abbiamo presentato, nel testo finale della Risoluzione, finalmente il Parlamento UE chiede più fondi a favore dei metodi animal-free e un’accelerazione nell’arrivare alla fine dell’uso degli animali nei test tossicologici, con la creazione di un team all’interno dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche dedicato esclusivamente alla protezione degli animali e alla promozione dei metodi animal-free. Il voto di ieri è anche un importante passo avanti verso l’obiettivo PFAS zero. Infatti si esorta la Commissione UE ad andare verso una rapida eliminazione di tutti gli usi non essenziali delle PFAS e di accelerare lo sviluppo di alternative sicure”, conclude Eleonora Evi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

Nota stampa Piernicola Pedicini ed Eleonore Evi, eurodeputati M5S

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Esteri

Golden Globe 2021, premiata Laura Pausini per la migliore canzone originale

Published

on

Foto da Post Instagram Laura Pausini

Pausini: “Non ho mai sognato di vincere un Golden Globe, non ci posso credere. Grazie mille alla Hollywood Foreign Press Association”

Laura Pausini alla sua prima candidatura ai Golden Globe è stata premiata per la miglior canzone originale “Io sì/Seen” da “La vita davanti a sé” di Edoardo Ponti.

La cantante italiana tramite il suo profilo Instagram ha dichiarato:

“Non ho mai sognato di vincere un Golden Globe, non ci posso credere. Grazie mille alla Hollywood Foreign Press Association. Voglio ringraziare Diane Warren dal profondo del mio cuore.

È un onore incredibile poter ricevere un tale riconoscimento per la nostra canzone, e il fatto che sia la nostra prima collaborazione lo rende ancora più speciale. Grazie all’incredibile team Edoardo Ponti, Niccoloa Gliardi, Bonnie Greenberg, grazie a Netflix e Palomar Production.

E tutta la mia gratitudine e il rispetto per la meravigliosa Sophia Loren, è stato un onore dare voce al tuo personaggio, per trasmettere un messaggio così importante, di accoglienza e unità. Dedico questo premio a tutti coloro che vogliono e meritano di essere “visti”.

A quella ragazzina che 28 anni fa vinse Sanremo e non si sarebbe mai aspettata di arrivare così lontano. All’Italia, alla mia famiglia, a tutti coloro che hanno scelto me e la mia musica e mi hanno reso quello che sono oggi. E alla mia bellissima figlia, che da oggi vorrei ricordare la gioia nei miei occhi, sperando che cresca e continui sempre a credere nei suoi sogni.”

Continue Reading

Esteri

Attacco in Congo, Di Maio: “giornata buia e molto triste per il nostro Paese”

Published

on

Foto Archivio

Di Maio: “Oggi lo Stato piange la perdita di due suoi figli esemplari e si stringe attorno alle loro famiglie e ai loro amici e colleghi”

“Oggi è una giornata buia e molto triste per il nostro Paese. Abbiamo appreso con grande sgomento e immenso dolore della morte del nostro Ambasciatore nella Repubblica Democratica del Congo, Luca Attanasio, e di un militare dell’Arma dei Carabinieri, Vittorio Iacovacci.

Due servitori dello Stato che ci sono stati strappati con violenza nell’adempimento del loro dovere. Non sono ancora note le circostanze di questo brutale attacco e nessuno sforzo verrà risparmiato per fare luce su quanto accaduto.Riferirò il prima possibile in Parlamento.

Oggi lo Stato piange la perdita di due suoi figli esemplari e si stringe attorno alle loro famiglie e ai loro amici e colleghi alla Farnesina e nell’Arma dei Carabinieri.”

Cosi su Facebook il Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale Luigi Di Maio.

Continue Reading

Esteri

Attacco in Congo, morti l’ambasciatore italiano Attanasio e un carabiniere della sua scorta

Published

on

Foto Archivio

L’attacco al convoglio sarebbe avvenuto nel intento di rapire il personale delle Nazioni Unite

Questa mattina intorno alle ore 10 (le 9 italiane), un convoglio delle Nazioni Unite nel Congo orientale è stato attaccato presso la cittadina di Kanyamahoro.

Nell’attacco hanno perso la vita l’ambasciatore italiano Luca Attanasio è un carabiniere della sua scorta.

L’Ansa riporta che l’ambasciatore ed il militare stavano viaggiando a bordo di una autovettura in un convoglio della MONUSCO, la missione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione nella Repubblica Democratica del Congo.

La notizia ,come riporta anche la testa giornalistica “la Repubblica” , è stata data da un portavoce del Parco nazionale di Virunga e confermata da fonti del governo italiano.

L’attacco al convoglio sarebbe avvenuto nel intento di rapire il personale delle Nazioni Unite.

Continue Reading

Esteri

Pedicini e Muscarà: “Rifiuti in Tunisia, la responsabilità è della Regione”

Published

on

Pedicini e Muscarà: “Il traffico di rifiuti che da un’azienda operativa nella Terra dei Fuochi arriva in Tunisia sul lungo termine avrà effetti sulle vite di tutti”

Sul traffico dei rifiuti trasportati illecitamente dalla Campania alla Tunisia, la risposta della Commissione europea non lascia dubbi, è una responsabilità delle autorità locali, quindi della Regione Campania” a dirlo in una nota l’eurodeputato Piernicola Pedicini e la consigliera regionale campana Maria Muscarà.

La Commissione in risposta a un’interrogazione inviata dagli eurodeputati Piernicola Pedicini, Rosa D’Amato, Ignazio Corrao e supportata dalla consigliera regionale Maria Muscarà, ha spiegato che, a livello europeo, il regolamento sulle spedizioni di rifiuti contiene disposizioni dettagliate che impongono agli Stati membri di effettuare controlli sulle spedizioni di rifiuti e di sanzionare eventuali violazioni delle norme.

L’applicazione di tali norme è responsabilità degli Stati membri” ribadisce la Commissione che però garantisce un occhio vigile su fenomeni di questo tipo attraverso “numerose iniziative contro il traffico illecito di rifiuti”. Per quanto riguarda le relazioni con la Tunisia, nel 2015 sono stati avviati negoziati bilaterali, ancora in corso, su una zona di libero scambio globale e approfondita (DCFTA). La Commissione intende includere nell’accordo un capitolo sul commercio e sullo sviluppo sostenibile che potrebbe includere, tra l’altro, la cooperazione in materia di contrasto al traffico illecito di rifiuti.

La presenza di rifiuti smaltiti in maniera illecita – proseguono Pedicini e Muscarà – è un problema che riguarda tutti. Il traffico di rifiuti che da un’azienda operativa nella Terra dei Fuochi arriva in Tunisia sul lungo termine avrà effetti sulle vite di tutti. Continuare a credere che ciò che accade al di fuori del nostro cortile non ci riguarda, è una visione miope. A ciò aggiungiamo un monito all’indirizzo del governo regionale responsabile dell’incuranza con cui vigila il traffico dei rifiuti, portando a un fenomeno gravissimo, che ora è attenzionato anche dalla Procura di Salerno. Sia chiarita la verità dei fatti – concludono Pedicini e Muscarà – e chi ha il compito di controllare affinché certi fenomeni non si verifichino, se ne assuma la responsabilità”.

Nota stampa Piernicola Pedicini – Parlamentare europeo e Maria Muscarà – Consigliere Regione Campania

Continue Reading

Esteri

Assalto a Capitol Hill: alla fine vince la democrazia

Published

on

People shelter in the House gallery as protesters try to break into the House Chamber at the U.S. Capitol on Wednesday, Jan. 6, 2021, in Washington. (AP Photo/Andrew Harnik) foto: ilPost.it

Joe Biden e Kamala Harris proclamati Presidente e Vicepresidente degli Stati Uniti: giureranno il prossimo 20 gennaio

Le immagini di iri provenienti dagli Stati Uniti d’America relative ai fatti di Capitol Hill hanno fatto il giro del mondo, lasciando sconcertate le maggiori democrazie mondiali.

Migliaia di sostenitori di Donald Trump hanno raggiunto Washington e, dopo un agghiacciante comizio di quello che hanno confermato loro presidente, hanno assaltato la sede del congresso.

L’irruzione ha interrotto i lavori per la certificazione della vittoria di Joe Biden e provocato il panico tra i rappresentanti dei cittadini.

Quella che il presidente Biden ha definito una insurrezione ha provocato ben 4 morti, 13 feriti e oltre 50 arresti.

Duri gli attacchi dei facinorosi nei confronti della stampa definita da Trump come fake. Attrezzature completamente distrutte, troupe televisive aggredite.

Lo stesso Antonio Di Bella, inviato della Rai a Washington, ha lasciato di corsa i luoghi degli scontri per scampare alle aggressioni. Una pagina nera degli Stati Uniti difficile da dimenticare.

Una pagina politica tristissima fomentata da parole d’odio da un Presidente. La politica degli USA ha saputo dare però la giusta risposta alla Nazione.

Appena ripristinate le condizioni di sicurezza, infatti, il Congresso è stato convocato in seduta plenaria ed il Vicepresidente Pence certificato la vittoria di Joe Biden e Kamala Harris che giureranno il prossimo 20 gennaio.

Trump, rimasto completamente solo, ha dichiarato che la transizione del 20 gennaio avverrà in modo ordinato.

Ricordiamo che per i fatti di ieri i maggiori social network hanno sospeso i suoi account e cancellato i suoi post perché incitavano all’odio.

Sicuramente i prossimi giorni fino al 20 gennaio giorno del giuramento saranno monitorati e come lo saranno anche tutti i gruppi politici che hanno preso parte all’attacco, bollati come terroristi interni da Hillary Clinton.

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy