Connect with us

Esteri

Stati Uniti, signora chiede test di paternità … sulle capre

Published

on

Capra
Foto da Pixabay

Sembra che la donna abbia chiesto alla vicina di casa un test di paternità per cinque capre acquistate lo scorso dicembre

Come riporta anche il sito Huffpost, una donna della Florida ha intentato una causa civile contro una vicina, per un motivo alquanto bizzarro.

Sembra che la donna abbia chiesto alla vicina un test di paternità per cinque capre acquistate lo scorso dicembre.

La donna ha, infatti, chiesto alla vicina la somma di 900 dollari, ovvero quanto pagato per l’acquisto delle 5 capre.

La richiesta arriva dopo che la donna ha provato a registrare i pedigree delle capre con l’American Dairy Goat Association.

Kris ha detto che la Dayner, proprietaria della Baxter Lane Farm di Odessa, le aveva assicurato che il padre delle capre, Country Caprese Ace, era registrato presso l’organizzazione.

La Hedstrom sostiene che l’associazione le ha detto che avrebbe dovuto inviare 40 follicoli piliferi dalla capra del padre per provare la paternità dei cuccioli. Ecco quindi che ha inviato attraverso i legali alla Dayner una lettera per richiedere il campione di DNA.

La Dayner ha risposto a Kris che non intende sottoporre a test il suo animale, ma le ha offerto di riprendersi le capre e di emettere un rimborso in suo favore.

La Hedstrom sostiene che l’associazione le ha detto che avrebbe dovuto inviare 40 follicoli piliferi dalla capra del padre per provare la paternità dei cuccioli.

Dal suo canto, la Dayner ha risposto a Kris che non intende sottoporre a test il suo animale, ma le ha offerto di riprendersi le capre e di emettere un rimborso in suo favore.

Heather Dayner ha spiegato che non ha nulla da nascondere. Tuttavia, a suo dire, Kris Hedstrom ha ripetutamente violato la sua proprietà per appropriarsi indebitamente di un pelo della sua capra. Il che l’ha obbligata a chiamare le forze dell’ordine.

La Dayner ha detto che la causa in tribunale è prevista il prossimo mese. Ha detto che ha intenzione di rappresentarsi da sola, perché non vuole spendere soldi per un avvocato.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Esteri

Morto a 99 anni il Principe Filippo, marito della Regina Elisabetta

Published

on

Foto dal Web

Il principe dopo aver celebrato a novembre i 73 anni di matrimonio con la Regina Elisabetta II, avrebbe compiuto 100 anni a giugno

È morto il principe Filippo, consorte della regina Elisabetta. Ad annunciare la triste notizia la famiglia reale tramite twitter.

Questo il toccante messaggio sulla dipartita del Principe Filippo:

“È con profondo dolore che Sua Maestà la Regina ha annunciato la morte del suo amato marito, Sua Altezza Reale il Principe Filippo, Duca di Edimburgo. Sua Altezza Reale è morta pacificamente questa mattina al Castello di Windsor.”

Come riporta l’Ansa il Principe Filippo era stato dimesso di recente dopo alcune settimane in ospedale a Londra a causa di un’infezione con la quale si erano aggiunti problemi al cuore.

Continue Reading

Esteri

8 marzo, Adinolfi (M5S): Donne si uniscano in un movimento trasversale per loro diritti

Published

on

Europarlamentare Isabella Adinolfi

Adinolfi: “Il nostro compito oggi è quello di creare una massa critica, un movimento trasversale di opinione per costruire le basi che portino le donne a perseguire i propri sogni”

La strada per il raggiungimento della parità tra uomo e donna è purtroppo ancora lunga. La pandemia ha sicuramente esacerbato le distorsioni e le ineguaglianze che, anche in Europa, vivono le donne. Tuttavia, il problema non è l’impatto che ha avuto il Coronavirus nella loro vita privata e lavorativa, ma il sistema preesistente fatto di dipendenza economica, disparità salariale e barriere occupazionali. Il nostro compito oggi è quello di creare una massa critica, un movimento trasversale di opinione per costruire le basi che portino le donne a perseguire i propri sogni, libere dai condizionamenti e supportate nelle proprie scelte di vita. Le generazioni prima di noi hanno combattuto per il diritto all’aborto, il voto, il divorzio. Il nostro compito adesso è quello di combattere per tutte quelle donne ancora costrette a scegliere tra famiglia e carriera, per quelle donne che pur svolgendo lo stesso lavoro, avendo stessi titoli e uguali mansioni hanno una remunerazione diversa dettata dal possedere o meno un cromosoma y. Solo un’azione congiunta promossa ad ogni livello politico e in concerto con la società civile può realmente mettere in moto quel cambiamento, sulla carta molto spesso già avvenuto ma che stenta a veder la luce nella vita di ogni giorno”, così Isabella Adinolfi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, durante il convegno ‘Il ruolo delle donne nella ripresa post-Covid19’, organizzato dal Parlamento europeo.

Nota stampa Europarlamentare Isabella Adinolfi – M5S

Continue Reading

Esteri

Golden Globe 2021, premiata Laura Pausini per la migliore canzone originale

Published

on

Foto da Post Instagram Laura Pausini

Pausini: “Non ho mai sognato di vincere un Golden Globe, non ci posso credere. Grazie mille alla Hollywood Foreign Press Association”

Laura Pausini alla sua prima candidatura ai Golden Globe è stata premiata per la miglior canzone originale “Io sì/Seen” da “La vita davanti a sé” di Edoardo Ponti.

La cantante italiana tramite il suo profilo Instagram ha dichiarato:

“Non ho mai sognato di vincere un Golden Globe, non ci posso credere. Grazie mille alla Hollywood Foreign Press Association. Voglio ringraziare Diane Warren dal profondo del mio cuore.

È un onore incredibile poter ricevere un tale riconoscimento per la nostra canzone, e il fatto che sia la nostra prima collaborazione lo rende ancora più speciale. Grazie all’incredibile team Edoardo Ponti, Niccoloa Gliardi, Bonnie Greenberg, grazie a Netflix e Palomar Production.

E tutta la mia gratitudine e il rispetto per la meravigliosa Sophia Loren, è stato un onore dare voce al tuo personaggio, per trasmettere un messaggio così importante, di accoglienza e unità. Dedico questo premio a tutti coloro che vogliono e meritano di essere “visti”.

A quella ragazzina che 28 anni fa vinse Sanremo e non si sarebbe mai aspettata di arrivare così lontano. All’Italia, alla mia famiglia, a tutti coloro che hanno scelto me e la mia musica e mi hanno reso quello che sono oggi. E alla mia bellissima figlia, che da oggi vorrei ricordare la gioia nei miei occhi, sperando che cresca e continui sempre a credere nei suoi sogni.”

Continue Reading

Esteri

Attacco in Congo, Di Maio: “giornata buia e molto triste per il nostro Paese”

Published

on

Foto Archivio

Di Maio: “Oggi lo Stato piange la perdita di due suoi figli esemplari e si stringe attorno alle loro famiglie e ai loro amici e colleghi”

“Oggi è una giornata buia e molto triste per il nostro Paese. Abbiamo appreso con grande sgomento e immenso dolore della morte del nostro Ambasciatore nella Repubblica Democratica del Congo, Luca Attanasio, e di un militare dell’Arma dei Carabinieri, Vittorio Iacovacci.

Due servitori dello Stato che ci sono stati strappati con violenza nell’adempimento del loro dovere. Non sono ancora note le circostanze di questo brutale attacco e nessuno sforzo verrà risparmiato per fare luce su quanto accaduto.Riferirò il prima possibile in Parlamento.

Oggi lo Stato piange la perdita di due suoi figli esemplari e si stringe attorno alle loro famiglie e ai loro amici e colleghi alla Farnesina e nell’Arma dei Carabinieri.”

Cosi su Facebook il Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale Luigi Di Maio.

Continue Reading

Esteri

Attacco in Congo, morti l’ambasciatore italiano Attanasio e un carabiniere della sua scorta

Published

on

Foto Archivio

L’attacco al convoglio sarebbe avvenuto nel intento di rapire il personale delle Nazioni Unite

Questa mattina intorno alle ore 10 (le 9 italiane), un convoglio delle Nazioni Unite nel Congo orientale è stato attaccato presso la cittadina di Kanyamahoro.

Nell’attacco hanno perso la vita l’ambasciatore italiano Luca Attanasio è un carabiniere della sua scorta.

L’Ansa riporta che l’ambasciatore ed il militare stavano viaggiando a bordo di una autovettura in un convoglio della MONUSCO, la missione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione nella Repubblica Democratica del Congo.

La notizia ,come riporta anche la testa giornalistica “la Repubblica” , è stata data da un portavoce del Parco nazionale di Virunga e confermata da fonti del governo italiano.

L’attacco al convoglio sarebbe avvenuto nel intento di rapire il personale delle Nazioni Unite.

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy