Connect with us

Politica

Medici di Base: Entro giugno le prime assegnazioni ai territori che ne hanno bisogno

Published

on

Antonella Ciaramella

Antonella Ciaramella (PD): “Una battaglia di civiltà a cui ho partecipato in prima linea. Non più affidamenti provvisori e giustizia per i leggittimi destinatari”

“Gli ambiti carenti di medicina generale 2018 saranno assegnati entro giugno e le carenze 2019 entro 90 giorni, quindi entro settembre. Una battaglia di civiltà a cui ho partecipato in prima linea. Le mie istanze sono state accolte.” – così la consigliera regionale Antonella Ciaramella (PD) commenta quanto deciso ieri dal comitato regionale, ex art. 24, che sarà oggetto di delibera attesa per lunedì e che di fatto sblocca le graduatorie per l’assegnazione dei medici di base ai territori che ne sono sprovvisti.

“Eravamo in una situazione molto difficile anzitutto per i cittadini, privati della possibilità di avere un medico di riferimento – continua la Ciaramella – mentre 2000 giovani medici che hanno presentato domanda ed erano in attesa di assegnazione proprio delle zone carenti”. Circostanza che ha fatto sì che molti candidati, pur di lavorare, sono stati costretti a presentare domanda fuori regione. “Il tutto – aggiunge- ha una importanza ancora maggiore visto il momento particolarmente delicato in cui la pandemia ci impone di rafforzare la medicina territoriale e i pensionamenti attesi prospettano un’aggravarsi della situazione”.

Una problematica che la Consigliere ha cominciato ad affrontare oltre un anno fa, quando “mi sono prodigata affinché la Regione Campania – spiega la Ciaramellaaffrontasse il grave problema sedimentato negli anni precedenti del ritardo pluriennale accumulato per la pubblicazione dei bandi delle zone carenti di continuità assistenziale (CA) e assistenza primaria (AS), con la conseguente impossibilità per gli aventi diritto di farne domanda e di dover invece far domanda in altre Regioni. Con un lavoro di concerto con sindacati, Asl e comitati si riuscì finalmente a pubblicare le zone carenti per il 2018 e a programmare i successivi due anni. Ma la situazione era rimasta immutata. Oggi invece recuperiamo due anni e confido che da settembre , anche con l’ausilio della digitalizzazione, ci rimetteremo in pari con gli anni correnti così come prevede la normativa nazionale”.

“Ora – conclude la Consigliera – manca l’ultimo tassello: avviare il percorso per il 2020. Sono fiduciosa ma resterò in allerta per verificare che anche per questa annualità si proceda tempestivamente”.

Nota stampa Consigliera Regionale Antonella Ciaramella

Politica

Pozzuoli, Nuovo bando Rifiuti da: decide tutto Figliolia by-passando il Consiglio Comunale

Published

on

L’opposizione di Pozzuoli sul Bando da 49 milioni insorge: “I Consiglieri di opposizione chiedono l’annullamento del bando per vizi di legittimità delle procedure”

Scadrà il 12 Giugno il termine per la partecipazione al nuovo bando quinquennale per la gestione integrata del ciclo dei rifiuti, deliberato dalla Giunta Comunale il 24 Marzo scorso. La base d’asta per le offerte economiche è di circa 49 milioni di euro, ovvero quasi 10 milioni di euro annui contro gli 8 milioni corrisposti all’attuale gestore, in virtù dell’appalto scaduto lo scorso febbraio. Attualmente il servizio è ancora svolto, in proroga di 6 mesi, dalla De Vizia S.p.A.

Per i Consiglieri Comunali di opposizione, l’iter seguito per l’indizione della nuova gara sarebbe però caratterizzato da diversi profili di illegittimità e pertanto ne è stato chiesto l’annullamento.

«Quanto accaduto è inaccettabile oltre che essere palesemente contro le norme. Il Sindaco Figliolia e la sua Giunta hanno mostrato ancora una volta di non avere nessun rispetto per il Consiglio Comunale e per il ruolo e le prerogative dei Consiglieri. La legge attribuisce al Consiglio e non alla Giunta la competenza sugli atti riguardanti l’organizzazione dei pubblici servizi riferiscono i Consiglieri Comunali, Antonio Caso e Domenico Critelli del M5S e Raffaele Postiglione di “Pozzuoli ORA!”, Lydia De Simone e Vincenzo Daniele del Gruppo Misto, Pasquale Giacobbe di Forza Italia – Invece, senza alcuna discussione, né nelle commissioni né in Consiglio, e in assenza di indicazioni specifiche nei documenti di programmazione vigenti, Sindaco e Assessori hanno deciso d’imperio di dettare nuove linee di indirizzo che stravolgono l’attuale gestione del ciclo dei rifiuti. Pertanto, abbiamo ufficialmente chiesto l’annullamento del bando e se non saremo ascoltati ci rivolgeremo nuovamente al Prefetto.»

Le nuove linee di indirizzo “dettate” dalla Giunta, infatti, prevedono l’esternalizzazione dell’attività di spazzamento, attualmente svolta internamente con il supporto dei lavoratori socialmente utili, e il passaggio dal modello di raccolta differenziata “pesante” a quello “leggero” (con il vetro a parte). I centri di raccolta, l’area di trasbordo, i mezzi e le attrezzature per lo spazzamento, realizzati e acquistati con fondi pubblici, saranno dati in gestione al nuovo affidatario a cui verranno ceduti i ricavi derivanti dalla vendita del multimateriale, a fronte di compenso economico.

«Modifiche sostanziali di cui si sarebbe dovuto discutere approfonditamente in sede di Consiglio. A ciò c’è da aggiungere una strana coincidenza che stiamo approfondendo: il 15 Maggio scorso, con una Delibera di Giunta, si è proceduto a riconoscere alla De Vizia la cifra di 1,3 milioni di euro attraverso un accordo bonario per la definizione di una controversia pendente in giudizio e risalente agli anni 2006-2008. Perché proprio e solo ora?» concludono i consiglieri di opposizione.

Nota stampa Consiglieri di Opposizione di Pozzuoli

Antonio Caso (M5S)
Domenico Critelli (M5S)
Raffaele Postiglione (Pozzuoli ORA!)
Lydia De Simone (Gruppo Misto)
Vincenzo Daniele (Gruppo Misto)
Pasquale Giacobbe (Forza Italia)

Continue Reading

Politica

Saviano, Nappi: “De Luca e Dema non siano complici, condannino episodio”

Published

on

severino nappi

Severino Nappi: “Le affermazioni di Saviano pronunciate ieri sera da Fazio, sulla tv di Stato e senza contraddittorio sono vergognose”

“Le affermazioni di Saviano pronunciate ieri sera da Fazio, sulla tv di Stato e senza contraddittorio sono vergognose. Un episodio che va assolutamente stigmatizzato perchè criminalizzare un’intera categoria di professionisti, il cui ruolo in questo momento è fondamentale per aiutare imprese e cittadini a districarsi nel labirinto normativo dello Stato, è profondamente sbagliato. L’episodio non merita l’ambiguità del silenzio delle istituzioni, meno che mai di quelle locali. Chiediamo al governatore De Luca e al sindaco De Magistris di assumere una posizione chiara di condanna dell’accaduto, perché in episodi così vergognosi la neutralità non è consentita. O si prende posizione o si è complici”. Lo scrive in una nota Severino Nappi, presidente del Movimento Civico Il Nostro Posto.

Nota stampa Severino Nappi (Il Nostro Posto)

Continue Reading

Politica

Sanità, Beneduce: “Si approvi velocemente Ddl anti-aggressioni”

Published

on

Consigliera Regionale Flora Beneduce (FI)

Beneduce: “Buona notizia l’approvazione alla Camere e il passaggio in terza lettura al Senato del Ddl Anti-aggressioni, ma si faccia di tutto per chiudere iter legislativo”

“L’approvazione alla Camera e il passaggio in terza lettura al Senato del Ddl anti-aggressioni, che punta a tutelare gli operatori sanitari durante l’esercizio delle loro funzioni, è una buona notizia. Ora però si faccia di tutto per chiudere l’iter definitivamente e dotare la legislazione italiana di una norma che ridia dignità ai camici bianchi e a chi presta la propria opera tutti i giorni in ospedale e nei presidi del territorio per salvare vite umane”.

Lo dichiara la consigliera regionale Flora Beneduce, componente della Commissione Sanità della Campania.

“Già nel marzo del 2018, oramai due anni fa, mi resi promotrice di una mozione in Consiglio regionale che impegnava il presidente della Giunta regionale a fornire indicazioni ai Direttori generali per varare un piano di sicurezza per i presidi del territorio, in particolare per le ex guardie mediche. Quella mozione fu approvata all’unanimità e ora ha anche più valore”, spiega Beneduce.

“La pandemia ha invertito una tendenza che sta diventando pericolosa, consentendo alle persone di apprezzare di più e meglio il lavoro fatto in corsia, ma la strada da fare per garantire la sicurezza del nostro personale medico e sanitario è ancora molto lunga”, aggiunge.

“Serve – conclude – un’azione di sensibilizzazione verso la figura del medico e di chi opera in strutture sanitarie, mettendo al centro il valore scientifico ed il patrimonio di conoscenze che queste figure rappresentano e la scelta di mettere al servizio delle comunità ciò che hanno appreso durante il corso di studi e sul campo. Anche l’Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli operatori sanitari e socio-sanitari sarà uno strumento utile per il monitoraggio ed una conoscenza ancora più approfondita del fenomeno. È un primo passo ma può avere un effetto rilevante per la tutela dei professionisti della sanità se compiuto velocemente con una rapida approvazione del testo in Parlamento”.

Nota stampa Flora Beneduce Consigliera Comunale (FI)

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy