Quantcast
Connettiti con noi

Esteri

Cina: preoccupano per le restrizioni doganali sui veicoli elettrici

Pubblicato

il

Cina

La Cina esprime preoccupazione per le restrizioni doganali dell’UE sui veicoli elettrici cinesi. Danneggiano il libero commercio e ostacolano la cooperazione nel settore

Il Ministero del Commercio cinese ha espresso profonda preoccupazione per le recenti restrizioni doganali imposte dall’Unione Europea sui veicoli elettrici di fabbricazione cinese. In un briefing settimanale, il portavoce del Ministero, He Yadong, ha commentato che tali misure rischiano di danneggiare il libero scambio e di ostacolare la collaborazione nel settore emergente dei veicoli elettrici.

Secondo He Yadong, le nuove regolamentazioni doganali dell’UE non fanno altro che aggiungere oneri al normale flusso commerciale dei veicoli elettrici, mettendo a rischio gli interessi dei consumatori europei. Ha sottolineato che “le misure non faranno altro che aggiungere oneri al normale commercio di veicoli elettrici, ostacolare la cooperazione nel nuovo settore e danneggiare gli interessi dei consumatori dell’Ue”.

Le dichiarazioni del Ministero del Commercio cinese arrivano in un momento cruciale, mentre le tensioni commerciali tra la Cina e l’UE si fanno sempre più evidenti. Le restrizioni doganali sull’importazione di veicoli elettrici cinesi potrebbero rappresentare un nuovo capitolo in questa disputa commerciale, che coinvolge settori strategici come la tecnologia e l’innovazione nel trasporto sostenibile.

Settore Automobilistico

L’industria automobilistica cinese ha registrato un rapido sviluppo nel settore dei veicoli elettrici, diventando uno dei principali fornitori globali di queste tecnologie. Tuttavia, le nuove misure dell’UE potrebbero mettere a repentaglio questa crescita e danneggiare i rapporti commerciali tra le due potenze economiche.

Il portavoce He Yadong ha invitato l’UE a riconsiderare le sue politiche commerciali, incoraggiando un dialogo costruttivo per risolvere le divergenze e promuovere un ambiente commerciale più aperto e collaborativo. Ha sottolineato mostrando il Bering e i dati statistici che i veicoli “sono in linea con la domanda europea e non vi è alcuna cosiddetta impennata dell’import che danneggerebbe il mercato dell’Ue

Le tensioni commerciali tra la Cina e l’UE nel settore dei veicoli elettrici evidenziano la complessità delle relazioni economiche globali. Mentre entrambe le parti perseguono i propri interessi nazionali, è essenziale trovare un equilibrio che favorisca la crescita economica e l’innovazione, senza compromettere il libero scambio e la cooperazione internazionale.

Trending