Connect with us

Entertainment

Teresa Moccia si racconta ai nostri microfoni

Published

on

Teresa moccia

A tu per tu con la giovane cantante casertana Teresa Moccia, in uscita con il nuovo inedito intitolato “Ce stai tu”

Abbiamo incontrato la magnifica voce dolce della cantante e conduttrice casertana Teresa Moccia. La cantante, con la gentilezza e la cortesia che la distinguono, ci ha concesso di fare quattro chiacchiere con lei e il suo mondo della musica.

Ciao Teresa, iniziamo con chiederti quando hai iniziato a interessarti alla musica?

Teresa è una ragazza giovanissima che ha scoperto diversi anni fa la passione per il canto divertendosi a interpretare le canzoni di altri interpreti e facendo ascoltare la sua voce alla gente. Una cantante di origine campana con un importante bagaglio artistico alle spalle ricordando la partecipazione al programma televisivo “I raccomandati” di Carlo Conti su Rai Uno, in prima serata, dove ho cantato il brano “Un’emozione da poco”, alla prima edizione della kermesse “Sanremo canta Napoli” con il suo brano inedito “Famme sapé” di Trovato-Renzi-Farina-Moccia e tante altre importanti partecipazioni canore. Prossimamente sarà in uscita il mio nuovo inedito “Ce stai tu” dal sapore di un amore forte, quasi impossibile e ossessivo, nel quale molti di noi si rispecchiano. Il testo è stato scritto da me stessa e da Vincenzo Capasso, autore di brani di Gigi Finizio come il brano “Lo specchio dei miei pensieri” che conosciamo tutti. Per me questo brano è qualcosa di speciale perché è il primo brano scritto con la penna del mio cuore. Una cantante dalla voce da brividi e da una spiccata tenacia e simpatia, con le idee ben chiare sulla mia passione per la musica.

Quali sono i tuoi ascolti abituali? Nel panorama musicale italiano e internazionale chi riesce a catturare la tua attenzione?

Generalmente ascolto tutto ciò che mi trasmette qualcosa, ma principalmente preferisco orientarmi sulla canzone napoletana che amo di più. Poi cantando la canzone classica napoletana io non ho come riferimento un cantante al quale ispirarmi perché la stessa canzone classica è molta antica e poi perché io prendo il brano, lo studio e lo personalizzo, rifacendomi alla musica in chiave moderna. Quando le persone mi hanno sentito cantare, hanno abbinato la mia voce alla cantante Angela Luce per il repertorio napoletano invece alla cantante Anna Oxa per quanto concerne il repertorio italiano.

Hai cantato su tanti palchi diversi e importanti. Ci racconti l’emozione provata quando hai cantato a Caserta, la tua città?

Aver cantato sullo stesso palco dove si è esibito il cantautore Andrea Sannino per me, è stata una fortissima emozione, oltretutto davanti a 60.000 spettatori. Tanti consensi ricevuti per il fatto di essere sempre me stessa e trovo sempre abbinamenti vincenti.

Hai un sogno che ti piacerebbe realizzare nei prossimi anni?

Mi definisco una personalità realistica e non un’eterna sognatrice perché amo sognare soltanto di notte, mentre di giorno mi piace essere una persona concreta cercando di mettere in atto ciò che penso e cercando di realizzare ciò che più mi fa stare bene, senza cercare le cose impossibili.

Siamo alla fine dell’intervista, a te l’ultima parola…

Vorrei che tutti mi facessero un bocca al lupo affinché il mio nuovo brano, prossimamente in uscita, mi spinga oltre e che possa realizzare gli obiettivi che mi sono prefissata con il massimo dei risultati. Ringrazio, infine, te e l’intera Redazione della Testata quotidiana online www.puntomagazine.it per il tempo che mi avete dedicato e a tutti coloro che mi continuano a sostenere.

Non resta che attendere l’uscita del suo nuovo videoclip musicale “Ce stai tu” che presenta delle bellissime sfumature miste di amore e crudeltà. Potete seguire gli aggiornamenti sul social Facebook Teresa Moccia e Istagram Teresa Moccia Official.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Entertainment

La rassegna #Pozzuoliècasamia volge al termine

Published

on

Nuova Compagnia di Canto Popolare
Foto da napolivillage.com

Sabato il concerto della Nuova Compagnia di Canto Popolare

Sarà la Nuova Compagnia di Canto Popolare a chiudere la sessione “spettacoli” della rassegna “#Pozzuoliècasamia”, organizzata dall’amministrazione comunale per l’estate puteolana. Il concerto dello storico gruppo napoletano, nato per diffondere i valori e i suoni della tradizione popolare campana, è in programma alle ore 21 di sabato 12 settembre nel Largo Sedile di Porto del Rione Terra (accesso solo con prenotazione al link https://arenaputeolana.18tickets.it/).

La Nuova Compagnia di Canto Popolare proporrà tra l’altro brani dell’ultimo cd “Napoli 1534. Tra moresche e villanelle”, con il quale ha di recente vinto la prestigiosa Targa Tenco per il miglior album in dialetto 2020.

Per la conclusione della rassegna resteranno poi in cartellone il film “Aspromonte”, il corto “Le mosche” e la pellicola “La Dea Fortuna”, previsti rispettivamente il 13, il 14 e il 15 settembre.

A completare il programma ci saranno anche due appuntamenti letterari con la presentazione dei libri “Pozzuoli 1970-2020. A cinquant’anni dallo sgombero del Rione Terra”, curato da Maurizio Erto (domani alle ore 18), e “#ProcidaNonDeveMorire” di Ciro Bruno Linardo (domenica 13 settembre, ore 18).

Nota Stampa Comune di Pozzuoli

Continue Reading

Entertainment

I racconti della villa, dal 3 al 19 settembre 2020

Published

on

Foto Nota Stampa

Martedì 1 Settembre ore 11, Conferenza Stampa di presentazione

Prende il via “I racconti della villa”. Degna prosecutio di Sharing art; i racconti della villa, sugella l’operato di questi mesi estivi e con lo stesso intento, ovvero quello di non far fermare l’arte, dà vita ad una rassegna teatrale. 

Luca Varone, Luciano Giugliano e Rosaria Marano, si fanno mecenati d’arte con l’intento di portare il teatro tra la gente. Voluta dall’amministrazione regionale, la kermesse, di concerto con la Klimax Cultura e Spettacolo, intende dare dei forti segnali di rinascita: portare cultura nell’area vesuviana e nello specifico a Poggiomarino (Na) e dare respiro al settore teatrale, devastato dal covid-19.

A fare da cornice sarà la Masseria Boccapianola, meglio conosciuta come “casa Levante” in Gomorra 4.Martedì 1 Settembre, alle ore 11.00 presso la Masseria Boccapianola, sarà presentato il calendario dell’evento. 

Interverranno in conferenza: – Luca Varone, attore e organizzatore de “i racconti della villa”- Solange Corso, organizzatrice evento e Segretario Klimax English Theatre Company- Luciano Giugliano, direttore artistico “I racconti della villa”- Franco Picarone, Consigliere Regionale e Pres. della Commissione Bilancio della Regione Campania- Danilo Gigante, Presidente International Broker Art
Durante le serate sarà possibile visitare la mostra offerta da International Broker Art “Io Sono Italiano – l’arte non si ferma” del M° Alfonso Mangone.

In scena dal 3 al 5 settembre: 
3 settembre Ciro Villani e Gianni Parisi in da Ponente a levante; 
4 settembre Sensibile con Luciano Melchionna e Luciano Giugliano, 
5 settembre, il Baciamano di Manlio Santanelli con Susy del Giudice, Giusy Cancelli e la regia di Giovanni Esposito.

Nota Stampa

Continue Reading

Entertainment

TeneT, il nuovo film di Christopher Nolan

Published

on

tenet

Incentrato su un tacito riferimento al quadrato di Sator, Nolan gioca con palindromi spazio-temporali e le leggi della fisica.

“Sator arepo tenet opera rotas”, è un’iscrizione latina, la cui giustapposizione forma un palindromo.

L’iscrizione è stata oggetto di frequenti ritrovamenti archeologici, una dei quali nella casa dei coniugi Proculo a Pompei, ma il significato rimane ancora ignoto, nonostante le tante ipotesi.

Letteralmente “il contadino mantiene con fatica le ruote (del carro)”, con astuzia e senza mai usarla come referente implicito, Nolan usa la frase enigmatica per costruire la sceneggiatura di Tenet.

Inspiegabile il significato della parola arepo, di fatto un apax legomenon (cioè parola o espressione che compare una sola volta nell’ambito di un testo o addirittura di tutto il sistema letterario) e che in Tenet diventa nome di persona.

Un agente della CIA, interpretato da John David Washington, si ritrova immischiato in una intricata storia tramite cui apprende dell’esistenza di una tecnologia che inverte l’entropia degli oggetti rendendoli capaci di spostarsi indietro nel tempo.

Il protagonista – che resta evocativamente senza nome – recluta il fisico e agente segreto Neil, interpretato da Robert Pattinson, insieme al quale arriva a un uomo di nome Andrei Sator, che può comunicare con il futuro e giocare con le linee tempoerali.

Qui avviene il gioco dei tre intrecci, passato presente e futuro, che sembra tenere conto del costruttivismo logico di Gödel, secondo cui  la coerenza di un sistema è tale proprio perché non può essere dimostrata e qualsiasi sia la polarizzazione, cioè lo sforzo per regolare la realtà, l’ordine del sistema non cambia.

Secondo la teoria delle stringhe e le dimensioni extra-arrotolate di Calabi-Yau,

«in ogni punto dello spazio visibile esistono sei dimensioni inaspettate, strettamente avvolte»

(Brian Green, L’universo elegante. Superstringhe, dimensioni nascoste e la ricerca della teoria ultima, Einaudi, Torino 2000, p.182.)

in cui, in presenza di uno strappo o di una lacerazione,

«questa degenerazione geometrica non produce alcun effetto particolare»

(ivi, p.255)

se non una costante fluttuazione quantica che i fisici chiamano one-loop process in cui le fluttuazioni

«possono generare un’intera sequenza di coppie di stringhe virtuali […] con un numero sempre maggiori di buchi»

(ivi. p. 266).

In Tenet il mondo, così come la trama stessa del film, non può venire meno a questa regola di equilibrio.

Quale sia la causa della crisi e se arrivi dal futuro o dal passato, l’effetto di questa sul presente – a prescindere dal destino o dal libero arbitrio – risulta nulla.

Un palindromo gravitazionale, in cui il sistema Io-protagonista, che alla fine di Tenet ammetterà di essere l’unico artefice dell’intreccio, diventa allegoria delle discussioni narratologiche sull’Io.

Che riemerge sempre dalla «torbida e straripante conluvie» di «teorie fisiche, cioè fisico-matematiche, biofisiche, psicologiche, psichiatriche recenti» proferite contro «questo palo» (Carlo Emilio Gadda, Come lavoro, in Id., I Viaggi della morte, Saggi giornali favole e altri scritti volume I, Garzanti, Milano, 1977 p. 496);

Un film come al solito non banale quello di Nolan e che andrebbe visto e rivisto per la curiosità di scoprire se in qualche punto la maglia viene meno all’ordito.

Il cui senso è nelle torsioni della trama, prima di una immedesimazione coi protagonisti.

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy