Quantcast
Connettiti con noi

Politica

Melito, i Consiglieri di opposizione rispondono al Sindaco

Pubblicato

il

Opposizione melito di napoli
Opposizione Melito di napoli Da sinistra: Carpentieri, Guarino, Marrone, Pellecchia, Pentoriero, Rinaldi, Simeone

L’Opposizione: “Abbiamo enorme difficoltà a trovare le parole adatte a qualificare l’immondo “spettacolo” al quale in tanti, ormai in tutt’Italia, hanno assistito”.

Abbiamo avuto la possibilità di ascoltare, sebbene in differita, la diretta Facebook di ieri sera del sindaco Amente.

Confessiamo che, dopo aver visto e sentito, abbiamo enorme difficoltà a trovare le parole adatte a qualificare l’immondo “spettacolo” al quale in tanti, ormai in tutt’Italia, hanno assistito.

Pubblicità

La nostra comunità ne esce mortificata, offesa, svilita. Se qualcuno, per sciacallaggio o semplice stupidità, ignoranza, cattiveria, ha messo in giro la voce di un presunto contagio del primo cittadino, quest’ultimo avrebbe avuto ben altri strumenti per smentire e anche per contrattaccare.

Se fosse capitato a noi, avremmo risposto con l’ironia, mettendo in ridicolo i responsabili dell’accaduto, evitando, però, come avvenuto ieri sera, di coprire noi stessi di ridicolo.

Il massimo rappresentante di una comunità, colui che viene definito “primo cittadino” non può esprimersi in quel modo così volgare, fatto di parolacce e gestacci.

Pubblicità

Chi rappresenta le istituzioni deve, come impone la Costituzione, adempiere alla propria funzione “con disciplina e onore”: ieri non ne abbiamo visto neppure un briciolo, dell’una come dell’altro.

Non c’è giustificazione che tenga per il grottesco show andato in onda attraverso Facebook.

Se poi riflettiamo sulla parte della diretta che a fatica potremmo definire “politica”, non possiamo che respingere con forza le accuse rivolte a noi consiglieri di opposizione.

Pubblicità

In questa fase di emergenza sanitaria, lo abbiamo detto più volte, noi rappresentanti dell’opposizione abbiamo mantenuto un atteggiamento responsabile, equilibrato e propositivo, formulando anche alcune ipotesi di provvedimenti per combattere l’epidemia e le sue conseguenze.

Perfino sulla questione mascherine, siamo stati nella prima fase assolutamente collaborativi, diffondendo anche dalle nostre pagine Facebook le notizie relative al gesto di generosità del giovane impreditore Salvatore Neboso e alle successive informazioni che l’Amministrazione stava divulgando.

Quando, però, dopo due settimane di ritardi e rinvii, abbiamo letto e ascoltato le infinite lamentele di nostri concittadini rimasti privi di queste protezioni, abbiamo compreso che la distribuzione stessa aveva si era persa lungo strade del tutto oscure e incomprensibili.

Pubblicità

Abbiamo, pertanto, deciso di presentare un’interrogazione urgente per sapere che fine avevano fatto le 10.500 mascherine che l’imprenditore Neboso ha consegnato formalmente al comune: chi ha preso in consegna quel dono? Chi ha gestito la distribuzione e con quali criteri? Quante famiglie sono state fornite e quante ne sono rimaste sprovviste?

E ancora: che fine hanno fatto le altre 200 mascherine fornite dall’Associazione dei comuni italiani e dalla Protezione civile regionale e destinate ai dipendenti dei servizi pubblici essenziali? A chi sono andati i 50 pacchi del banco alimentare distribuiti nei giorni scorsi?

Sono domande assolutamente legittime, anzi doverose, soprattutto perché si tratta di beni donati alla collettività e quindi patrimonio di tutti i melitesi.

Pubblicità

Per queste ragioni, la nostra iniziativa culminata nell’interrogazione è pienamente giustificata. Vedremo, poi, se il sindaco risponderà o meno….

Se poi egli ha deciso di acquistarne altre di tasca propria, quando mostrerà le relative fatture e l’avvenuta distribuzione a tutti i 40 mila melitesi (sue testuali parole), gliene daremo atto pubblicamente.

Concludiamo invitando ancora una volta i nostri concittadini a restare a casa e a rispettare scrupolosamente le ordinanze nazionali e locali.

Pubblicità

Il peggio passerà, ne siamo convinti, e questa pagina negativa, compresa l’attuale Amministrazione con i suoi cattivi esempi, resteranno solo un brutto ricordo.

Le istituzioni sono una cosa seria. E chi le incarna dev'esserne all'altezza. A Melito, nelle scorse ore, ne abbiamo avuto una prova al contrarioPubblicato da Venanzio Carpentieri su Sabato 4 aprile 2020

IL video dei Consiglieri di Opposizione in Consiglio comunale a Melito di Napoli

Nota stampa Consiglieri Comunali di Minoranza nel Consiglio Comunale di Melito di Napoli:

Venanzio Carpentieri
Angela Guarino
Nunzio Marrone
Stefano Pellecchia
Agostino Pentoriero
Alessandro Simeone
Renato Rinaldi

Pubblicità