Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Furto a spinta a Mergellina: due minorenni arrestati

Pubblicato

il

furto a spinta a mergellina

Furto a spinta nella Galleria Laziale a Napoli. Sedici e diciassette anni i due ragazzi arrestati. Addosso anche una pistola, droga e proiettili

Furto a spinta a Mergellina. Uno scooter faceva da locomotiva, il piede destro del centauro da perno di aggancio per le due ruote appena rubate.

Si tratta della tecnica chiamata “furto a spinta”. Questa è l’espressione che meglio racconta la scena che i carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli si sono trovati davanti.

È notte inoltrata e due uomini con casco semi-integrale percorrono la galleria Laziale, direzione Fuorigrotta. Sono in sella a due moto rubate.

La prima è accesa e funge da motrice per l’altra, spenta e col bloccasterzo appena forzato. I carabinieri conoscono bene questa tipologia di furto e si lanciano all’inseguimento.

I due lasciano la refurtiva e scappano a piedi. Dopo poche centinaia di metri, quattro gazzelle bloccano ogni via di fuga. Via i caschi, il viso dei fuggitivi rivela la loro giovane età: sedici e diciassette anni, entrambi del rione Traiano.

In strada, abbandonate durante la corsa una pistola scenica senza tappo rosso e 6 cartucce calibro 6,35 millimetri con ogiva in piombo. E ancora un panetto di hashish da 75 grammi e due cacciaviti.

Negli scooter felpe con cappuccio nero e un cappellino, abiti probabilmente utilizzati per confondere il volto.

I minori sono stati arrestati per ricettazione, furto in concorso, detenzione di munizionamento, detenzione di droga a fini di spaccio e porto abusivo di arma giocattolo senza tappo rosso.

Sono ora nel centro di prima accoglienza dei Colli Aminei. I due veicoli sono stati restituiti ai legittimi proprietari.

Il provvedimento eseguito è una misura precautelare che sarà convalidata dall’Autorità Giudiziaria per i minorenni, che emetterà eventualmente una misura cautelare. Contro quest’ultima sono ammessi mezzi di impugnazione. I destinatari sono persone sotto indagine e quindi presunti innocenti fino ad un sentenza definitiva di condanna.

Lascia un like su Facebook e seguici su X

Trending