Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Don Coluccia vittima di tentato investimento durante marcia per la legalità

Pubblicato

il

Don Coluccia
Foto da twitter

Durante la marcia per la legalità, un uomo ha tentato di investire Don Coluccia. L’agente di scorta ha sparato, bloccando l’aggressore

Ieri pomeriggio si è verificato un drammatico evento durante una marcia per la legalità nelle strade di Tor Bella Monaca, quartiere romano. Don Antonio Coluccia, il coraggioso prete che opera nelle periferie più difficili, è stato oggetto di un tentativo di investimento da parte di uno scooter. L’agente della sua scorta è intervenuto, sparando e ferendo l’aggressore.

Don Coluccia è un emblema nella lotta contro lo spaccio e la criminalità a Roma e oltre. Attraverso iniziative e valori sportivi, ha cercato quotidianamente di liberare i giovani dall’orbita della criminalità. Nonostante il rischio, vive da anni sotto scorta per la sua testimonianza coraggiosa.

Pubblicità

Uno dei suoi “angeli custodi” e intervenuto a viale dell’Archeologia, nella periferia est della Capitale, durante una manifestazione contro l’illegalità. L’aggressore, presunto cittadino bielorusso, ha cercato di investire il prete in sella a uno scooter. L’agente di scorta si è interposto, venendo travolto e sparando in risposta. Entrambi sono stati portati in ospedale, dove si trovano ricoverati.

Il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, ha espresso solidarietà e supporto a Don Coluccia. Anche il sindaco Roberto Gualtieri ha telefonato, sottolineando l’unità di Roma contro la violenza e le mafie. Il leader della Lega, Matteo Salvini, ha elogiato l’impegno di Don Coluccia contro le droghe e ha augurato pronta guarigione all’agente ferito.

La presidente della commissione Antimafia, Chiara Colosimo, ha elogiato Don Coluccia e ha espresso sostegno all’agente ferito. Domenico Pianese, segretario generale del sindacato di polizia Coisp, ha elogiato l’agente che ha fermato l’aggressore, definendolo un atto di coraggio per difendere la comunità.

Pubblicità

Lascia un like su Facebook e seguici su Twitter