Connect with us

Politica

Movimento 5 Stelle a difesa del Greco di Tufo

Published

on

Foto Nota Stampa

I candidati Irpini plaudono alla mozione di Ciarambino contro il biodigestore di Chianche

La difesa del Greco di Tufo, così come della sua zona di produzione di Chianche, in provincia di Avellino, resta battaglia apicale per la candidata del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Campania Valeria Ciarambino.

L’area, di particolare pregio agricolo-naturalistico e conosciuta per le sue produzioni vitivinicole, è stata indicata dalla Regione Campania e dall’Ato Rifiuti per la realizzazione di un impianto di trattamento biologico della frazione organica dei rifiuti solidi urbani.

Una scelta assolutamente da rivedere per l’aspirante governatrice, così come per i 4 candidati irpini al Consiglio, Carmen Bochicchio, Vincenzo Ciampi, Generoso Testa e Maura Sarno, che proprio nelle scorse settimane hanno visitato personalmente la zona destinata all’impianto.

Alla visita ha fatto seguito la mozione, depositata in mattinata dalla stessa Ciarambino in Consiglio Regionale, avente ad oggetto la revisione della programmazione del biodigestore nel comune di Chianche.

Il sito destinato all’impianto – si legge nella mozione – è prossimo al fiume Sabato e ricade in un contesto prevalentemente agricolo-naturalistico classificato nel PTCP di Avellino come territorio con produzioni agricole di particolare qualità e tipicità di cui al dlgs n. 228/2001, nella fattispecie a DOGC per la produzione vitivinicola. Dunque, una scelta che va in direzione opposta alla salvaguardia e alla valorizzazione degli ambiti geografici caratterizzati da produzioni tipiche, come appunto quella del Greco di Tufo.

Mancano, inoltre, infrastrutture primarie e la stessa viabilità risulta inadatta e difficilmente migliorabile. I dubbi riguardano anche la validità della relazione tecnica, rispetto alla quale il Presidente dell’Ambito di Avellino non ha voluto neanche aprire una democratica discussione in assemblea.

A ciò si aggiungono le manifestazioni di protesta messe in campo dalle numerose associazioni attive sul territorio, dal comitato degli ambientalisti e dai produttori vitivinicoli della zona, contrari alla scelta d’installare il biodigestore nel comune di Chianche.

Da qui la richiesta protocollata al Consiglio Regionale di impegnare la Giunta a trovare un’alternativa alla costruzione del mega-impianto e a garantire la massima tutela del territorio di tutta la zona del Greco di Tufo.

“Realizzare lì l’impianto significherebbe distruggere un settore strategico dell’economia irpina, come quello delle produzioni vitivinicole, già segnato dalle importanti restrizioni commerciali dell’emergenza Covid-19. Il Movimento 5 Stelle ha sposato, a livello regionale, questa battaglia nell’interesse della comunità irpina e dell’intero comparto del vino, che vanta eccellenze riconosciute in Italia e nel mondo” – fanno sapere i 4 candidati consiglieri della circoscrizione di Avellino Carmen Bochicchio, Vincenzo Ciampi, Generoso Testa e Maura Sarno.

Nota Stampa

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Fiume Sarno, La Mura (M5S): “400milioni per opere master plan. Su bonifiche Regione assente”

Published

on

Virginia La Mura (M5S) Pompei contratto di fiume
Senatrice Virginia La Mura M5S

La Mura: “La Regione Campania finora è stata assente e, quando si è interessata al Sarno, l’ha fatto solo con progetti assurdi e controproducenti”

“La bonifica dell’intero bacino idrografico del Fiume Sarno passa per l’attuazione del Master plan. Ci vorranno circa 400 milioni di euro per realizzare tutte quelle operazioni, infrastrutturali e non, che permetteranno di dare nuova luce al fiume e ai 42 Comuni coinvolti – a dirlo è Virginia La Mura, senatrice del Movimento 5 Stelle e Capogruppo in Commissione Ambiente – Le acque trasparenti del Fiume Sarno sono impresse nei nostri occhi e nel nostro cuore di gente sarrastra. Ed è da quelle acque trasparenti, che scorrono lambendo il sito archeologico di Longola che scoprii ben 8 anni fa, che feci la mia promessa al Sarno. Io e i miei compagni di viaggio del M5S, allora solo semplici cittadini e oggi nelle istituzioni come consiglieri comunali e regionali, Parlamentari, Europarlamentari, promettemmo di riportare la Vita nel Fiume. Si tratta di un lavoro complesso dovuto anche alla molteplicità di attori coinvolti ma siamo a buon punto grazie anche al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ci sta supportando e con il segretario generale del distretto idrografico dell’Appennino meridionale, Vera Corbelli, ha stimato un fabbisogno complessivo per l’attuazione del Master plan di 400 milioni di euro. Una cifra – prosegue l’esponente pentastellata – importantissima che servirà a realizzare tutte quelle operazioni, infrastrutturali e non, che permetteranno di dare nuova luce al fiume e ai 42 Comuni coinvolti. La preparazione del Master plan richiede molto lavoro, e quindi anche tempo, perché il piano strategico include tantissimi interventi che dovranno essere eseguiti. La Regione Campania finora è stata assente e, quando si è interessata al Sarno, l’ha fatto solo con progetti assurdi e controproducenti. Eppure è la Regione a essere responsabile della bonifica del fiume e dei suoi affluenti, è bene che la prossima amministrazione lo tenga bene a mente”.

Nota stampa senatrice Virginia La Mura (M5S)

Continue Reading

Politica

Nappi (Lega), “Taglio al Sud non basta: ai campani servono investimenti, non promesse tv”

Published

on

Severino Nappi

Nappi: Le risorse europea che arriveranno sul territorio sono una grande opportunità di rinascita per la Campania. Ma il taglio del cuneo fiscale non basta”

“I numeri pubblicati oggi dai giornali dicono che, col governo Pd-5Stelle, paghiamo più tasse noi del Sud che il resto del Paese” lo dichiara in una nota Severino Nappi, Lega Campania.

“Invece, per far ripartire l’economia, serve un Governo serio e responsabile capace di dare vita ad un vero programma di investimenti, non di tasse”  riferendosi al piano per il Sud voluto dal Governo il candidato Nappi aggiunge:  “Le risorse europee che arriveranno sul territorio sono una grande opportunità di rinascita per la Campania. Ma il taglio del cuneo fiscale annunciato dal Governo per il Mezzogiorno non basta. Non basta perché è provvisorio e non basta perché la produttività del lavoro resta bassa per la scarsità delle infrastrutture e l’inefficienza della pubblica amministrazione. Qui prima di tutto bisogna rimuovere i vincoli alla produttività”.

“Ai campani vogliamo garantire lavoro e sviluppo, non promesse in tv. A partire da interventi di riduzione della pressione fiscale sui prodotti comprati in Campania e l’eliminazione dei contributi per risollevare il tessuto produttivo, rilanciare il turismo e l’occupazione” conclude.

Nota stampa Severino Nappi

Continue Reading

Politica

Nappi (Lega): “Da De Luca non comprerei neanche un’auto usata”

Published

on

Foto Facebook Nappi
Foto Archivio

Severino Nappi (Lega): “Su lavoro, sanità e trasporti De Luca ha fallito. Ha dimostrato tutta la sua incompetenza”

“Da De Luca non comprerei neanche un’auto usata perché trucca il contachilometri”, lo dichiara Severino Nappi candidato per la Lega alle Regionali in Campania intervistato da Il Mattino.

E sottolinea: “Su lavoro, sanità e trasporti De Luca ha fallito. Ha dimostrato tutta la sua incompetenza, nascosta da un’esposizione mediatica cabarettistica. Già prima dell’emergenza Covid la Campania aveva la spesa dei fondi europei più bassa e il tasso di disoccupazione più elevati d’Europa”.

Per il candidato Nappi: “La Campania e il Sud ha energie e risorse sconfinate, serve però una guida giusta e competente per farle emergere” e aggiunge: “L’attivismo di Salvini in Campania è la dimostrazione che insieme alla Lega vogliamo un Sud forte e compettitivo”.

Nota Stampa Severino Nappi

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy