Quantcast
Connettiti con noi

News

Arpac, intervento su incendio di San Valentino Torio

Pubblicato

il

ARPAC Campania

Arpac: I risultati dei rilevamenti di San Valentino Torio saranno trasferiti alle Autorità Competenti e diffusi sul sito dell’Agenzia appena disponibili

Arpac è intervenuta tempestivamente lo scorso 13 maggio, su richiesta dei Vigili del fuoco, inviando tecnici del Dipartimento di Salerno a via Cesina, nel comune di San Valentino Torio, dove nelle prime ore del pomeriggio è divampato un incendio che ha interessato due aree confinanti: un’area recintata, in stato di abbandono, e un piazzale attiguo all’ex mercato ortofrutticolo.

Nello stesso pomeriggio del 13 maggio, è entrato in funzione un campionatore, collocato nei pressi delle aree interessate dall’incendio, per monitorare la qualità dell’aria misurando le concentrazioni di inquinanti quali diossine, furani, idrocarburi policiclici aromatici, metalli pesanti, PM10. I risultati, non appena disponibili, saranno trasmessi alle Autorità competenti e diffusi attraverso il sito istituzionale dell’Agenzia.

Pubblicità

Intanto i tecnici hanno svolto un primo esame sui rifiuti andati a fuoco, rinvenendo nell’area recintata varie tipologie di rifiuti abbandonati, tra cui pneumatici fuori uso, mentre nel piazzale adiacente risultano parzialmente combusti scarti appartenenti a varie categorie di rifiuti urbani, oltre ad altri tipi di rifiuti, tra cui scarti misti di demolizioni edili, parti d’arredo di ufficio e parti della carcassa di un veicolo.

L’Agenzia fornirà ai soggetti competenti prescrizioni di supporto per la gestione dei rifiuti presenti nelle due aree interessate dall’evento, anche per ridurre la probabilità di ulteriori incendi in queste aree.

In base agli esiti dei monitoraggi in corso, l’Agenzia valuterà inoltre se svolgere indagini sui terreni interessati dall’incendio, in particolare su quelle parti non pavimentate o con pavimentazione non adeguata a prevenire infiltrazioni di inquinanti nei terreni, in modo da controllare se risultano superate le concentrazioni soglia di contaminazione (Csc) previste dalla normativa.

Pubblicità

Nota stampa Arpac

Pubblicità