Connect with us

News

Qualiano Covid-19 Rifiuti speciali, come sta agendo la Multiservizi?

Published

on

bidone spazzatura
Foto di Dennis da Pixabay

Abbiamo chiesto alla Multiservizi le misure adottate ma siamo ancora in attesa di avere una intervista dall’Amministratore Zequila

Abbiamo sicuramente fatto l’abitudine a lavare le mani in modo quasi maniacale. Nostro malgrado abbiamo dovuto capire che gli oggetti non devono essere toccati se non igienizzati. Conosciamo tutti i rischi legati alla diffusione del Coronavirus. La cui capacità di resistere sulle superfici non è ancora ben chiara e può partire da poche ore fino ad arrivare a 9 giorni.

Uno scenario difficile

Uno scenario difficile anche da raccontare figuriamoci da vivere. Se ci pensata bene, vi siete mai posti in questi giorni, la domanda di come trattare i rifiuti provenienti da persone in isolamento ovvero in quarantena oppure positivi al tampone? Sono a tutti gli effetti rifiuti da trattare in modo speciale?

La Multiservizi Qualiano

Come si sta comportando la MULTISERVIZI a Qualiano? Ho contattato ieri a tal riguardo l’amministratore della società municipalizzata Rag. Giovanni Zequila. Lo stesso, dopo aver sentito la domanda, mi ha spostato l’intervista a questa mattina ma purtroppo nonostante due chiamate non sono riuscito a conoscere i dettagli del loro modus operandi.

Evidentemente sono fasi impegnative e il buon Amministratore Zequila non ha potuto dedicarmi del tempo. Resto in ogni modo a disposizione in qualsiasi momento ma non potevo aspettare oltre le 36 ore per la pubblicazione del mio servizio.

Dalla Multiservizi avrei voluto sapere se sta rispettando le raccomandazioni dell’Istituto Superiore di Sanità nella raccolta dei rifiuti oppure se hanno personale qualificato come previsto oppure si stanno affidando ad appalto esterno per la raccolta di questi rifiuti; se sono in essere controlli sanitari per i lavoratori provenienti da fuori il comune di Qualiano o da comuni limitrofi; se stanno sterilizzando i rifiuti con le metodiche previste e indicate.

Cercheremo di capirlo in seguito. Nel frattempo se qualcuno vuole aggiungere qualcosa può contattare la redazione. Intanto capiamo cosa dovrebbe avvenire.

Cosa prevede l’ISS

L’Istituto superiore della Sanità intanto ci risponde togliendo qualsiasi dubbio e lo fa in modo chiarissimo. Nel Rapporto Gruppo di lavoro ISS Ambiente e Gestione dei Rifiuti. Indicazioni ad interim per la gestione dei rifiuti urbani in relazione alla trasmissione dell’infezione da virus sars-cov-2. Versione del 14 marzo 2020. Roma: Istituto Superiore di Sanità; 2020 (Rapporto ISS COVID-19, n.3/ 2020) (in allegato in fondo a questo pezzo) in riferimento ai Rifiuti urbani prodotti dalla popolazione generale, in abitazioni dove non soggiornano soggetti positivi al tampone in isolamento o in quarantena obbligatoria cito testualmente:

Pertanto, i rifiuti urbani provenienti dalle abitazioni dove soggiornano soggetti positivi al tampone in isolamento o in quarantena obbligatoria, dovrebbero essere considerati equivalenti a quelli che si possono generare in una struttura sanitaria, come definiti dal DPR 254/2003.

I rifiuti urbani di persone in isolamento sono pari a quelli di una struttura sanitaria

Come possiamo facilmente appurare i rifiuti urbani provenienti dalle abitazioni di persone in quarantena o positivi al tampone devono essere considerati al pari di quelli di una struttura sanitaria. Quindi essere smaltiti secondo i medesimi criteri. Chi scrive è l’Istituto Superiore della Sanità, sottolineiamolo bene ancora.

In tale contesto dovrebbero essere applicate le prescrizioni del DPR stesso; nello specifico i rifiuti andrebbero raccolti in idonei imballaggi a perdere, secondo quanto riportato

  • all’art. 9 “Deposito temporaneo, deposito preliminare, messa in riserva, raccolta e trasporto dei rifiuti sanitari sterilizzati”, comma 5 “Le operazioni di movimentazione interna alla struttura sanitaria, di deposito temporaneo, di raccolta e trasporto, … devono essere effettuati utilizzando appositi imballaggi a perdere, anche flessibile, di colore diverso da quelli utilizzati per i rifiuti urbani e per gli altri rifiuti sanitari assimilati, recanti, ben visibile, l’indicazione indelebile “Rifiuti sanitari sterilizzati” alla quale dovrà essere aggiunta la data della sterilizzazione”, e
  • all’art. 15 “I rifiuti speciali, prodotti al di fuori delle strutture sanitari, che come rischio risultano analoghi ai rifiuti pericolosi a rischio infettivo, ai sensi dell’art. 2 comma 1, lettera d), devono essere gestiti con le stesse modalità dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo”.

Pertanto la fornitura degli imballaggi a perdere di cui sopra e la raccolta degli stessi dovrebbe essere a carico della struttura sanitaria che si avvarrà di un’azienda specializzata nella raccolta, trasporto e smaltimento del rifiuto stesso.

Le conclusioni

Quindi ci vogliono idonei imballaggi e una azienda specializzata nella raccolta degli stessi. L’ISS stesso raccomanda agli Enti (come il comune di Qualiano) di istituire un servizio dedicato con personale opportunamente addestrato nonché di sospendere la raccolta differenziata presso le abitazioni di soggetti positivi al tampone o in quarantena obbligatoria. E di sterilizzare i rifiuti.

Tutto questo a garanzia della tutela dei lavoratori e per evitare nuovi scenari di focolai che nemmeno voglio immaginare.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Carlo Sibilia: Nuova sede Vigili del Fuoco a Giugliano in immobili sequestrati

Published

on

Affidato dal Prefetto Corda ai Vigili del Fuoco il bene confiscato sul territorio di Giugliano che diventerà un nuovo distaccamento

Un altro passo avanti per il tanto agognato distaccamento dei Vigili del Fuoco a Giugliano. Un discaccamento che per la strategicità della struttura dove sorgerà servirà a più comuni.

“Quest’oggi ho ricevuto dal prefetto Bruno Corda, direttore dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità, la notizia della consegna ufficiale al corpo nazionale dell’immobile individuato come sede del distaccamento permanente dei Vigili del Fuoco a Giugliano in Campania”. Così il sotto segretario al Ministero dell’Interno Carlo Sibilia ha dichiarato all’agenzia Nova.

“Dopo i necessari lavori di adeguamento strutturale diverrà la nuova casa dei Vigli del Fuoco. Ci aspettiamo che in breve tempo l’amministrazione comunale individui una sede provvisoria che, in attesa che l’immobile sottratto alla criminalità organizzata sia pronto, accolga sin da inizio anno il nuovo distaccamento. La scelta dell’immobile ha un valore fortemente simbolico anche per le sue caratteristiche strutturali: esso ricade all’interno di una vera e propria cittadella della legalita’ che gia’ ospita la Guardia di Finanza.”, ha proseguito Sibilia.

Un segnale forte del governo alla criminalita organizzata: lì dove si facevano affari sporchi oggi trova casa la legalità. Un segnale – ha concluso il Sottosegretario Sibilia – di grande attenzione verso la terra dei Fuochi, che dal 2021 avrà a Giugliano un presidio che anche logisticamente migliorera’ il lavoro dei Vigili del Fuoco”.

“Un sogno che si avvera. Sono oltre 30 anni che questo territorio attende un presidio dei Vigili del Fuoco quale avamposto per spegnere la terra dei fuochi e farla diventare di nuovo campania felix”. Così ha dichiarato al “Punto!” il deputato M5S Salvatore Micillo.

Adesso i prossimi passi saranno gli adeguamenti strutturali che di certo l’immobile dovrà subire. Nel frattempo si può solo sperare che tutti gli iter procedano senza intoppi per il bene del territorio.

Continue Reading

News

Il Comune di Monte di Procida ricorda la giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità

Published

on

Foto Nota Stampa

Il Comune di Monte di Procida vuole ricordare questo importante momento e mostrare la massima vicinanza verso coloro che sono affetti da disabilità

Domani giovedì 3 dicembre ricorre la Giornata Internazionale dei Diritti delle Persone con Disabilità, il Comune di Monte di Procida vuole ricordare questo importante momento e mostrare la massima vicinanza verso coloro che sono affetti da disabilità e verso le loro famiglie.

Il Comune di Monte di Procida e i Servizi Sociali sono da sempre accanto ai propri disabili e a tutte le associazioni attive sul territorio e in prima linea nell’organizzazione di tante iniziative volte a realizzare momenti di inclusione sociale fondamentali per tutti. 

Tante le attività svolte sul territorio e che hanno sempre registrato una grande partecipazione e soprattutto hanno cercato di realizzare di fatto, una rimozione degli ostacoli architettonici, culturali e sociali. 

Per via dell’attuale recrudescenza dell’emergenza pandemica non sarà possibile svolgere il consueto evento del 3 dicembre, come si era soliti fare, ma il Comune di Monte di Procida vuole evidenziare in maniera importante, che nonostante le necessaria distanza provocata dalle restrizioni anti Covid-19, il sostegno ai propri disabili, alle loro famiglie e a tutte le associazioni continua ogni giorno e con maggiore attenzione soprattutto in questo frangente così singolare.

Nota Stampa Comune di Monte di Procida

Continue Reading

News

Elude il pedaggio autostradale per sei anni: denunciato un 52enne

Published

on

Polizia stradale
Foto Archivio

I poliziotti, da un’attenta analisi dei fotogrammi, hanno individuato il numero di targa risalendo al proprietario

Gli agenti della Sottosezione Autostradale della Polizia Stradale di Fuorigrotta, a seguito di una querela della società Tangenziale di Napoli S.p.A. per l’elusione del pagamento del pedaggio autostradale dal mese di novembre del 2014 al mese di agosto del 2020, hanno accertato che il conducente di un motociclo, al momento del transito nelle piste Telepass, aveva coperto parzialmente la targa con scotch adesivo o del fango.

I poliziotti, da un’attenta analisi dei fotogrammi, hanno individuato il numero di targa risalendo al proprietario e utilizzatore dello scooter, un 52enne napoletano, che è stato denunciato per insolvenza fraudolenta.

Nota Stampa Questura di Napoli

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy