Connect with us

Business

Ulgiati (UGL Chimici): “Nuovo decreto emergenza covid-19, il governo amplifica il caos”

Published

on

Logo Ugl

Per Ulgiati “nulla è cambiato” troppo poche sono le attività chiuse operano 97 codici ATECO.

Senza voler considerare i decreti dei singoli ministeri e le ordinanze della protezione civile, sono ben 15 i provvedimenti assunti dal Governo dal 31 gennaio 2020 su misure atte a contenere il Covid-19. Pensavamo che con il Decreto “Cura Italia” si fosse toccato il fondo, in quanto ad incertezze e confusione, ma oggi con il nuovo Decreto per contenere l’emergenza epidemiologica, abbiamo raggiunto il massimo”.

Il Segretario Generale dell’UGL Chimici Luigi Ulgiati boccia gli ultimi provvedimenti per contrastare la diffusione del virus in Italia: “L’UGL Chimici – sottolinea Ulgiatigià da diverse settimane aveva chiesto a più riprese e a gran voce al Governo, la chiusura di tutte le attività non essenziali, ma proprio quando finalmente si è palesata una possibile azione in tal senso, abbiamo capito che si trattava di un ennesimo pasticcio. Infatti, dopo aver letto il nuovo decreto sulla Gazzetta Ufficiale nr. 76 del 22 marzo e verificate tutte le eccezioni contenute, ma soprattutto dopo aver preso visione dell’allegato 1 con ben 97 codici ATECO (Attività Economiche), abbiamo capito che nulla è cambiato. Infatti sono veramente poche quelle attività messe al bando fino al prossimo 3 aprile. In molte aziende, da nord a sud – prosegue il Segretariosono scoppiati anche scioperi spontanei proprio per manifestare tutto il disappunto e le difficoltà che si riscontrano nei luoghi di lavoro. Nonostante siano stati registrati numerosi casi positivi e purtroppo diversi decessi, non sempre nei luoghi vengono attuate tutte quelle misure basilari per evitare i contagi. Spesso mancano i dispositivi di protezione, non sono state prese misure per contingentare i flussi del personale negli spogliatoi o nelle mense, non sempre vengono misurate le temperature corporee all’ingresso dei luoghi di lavoro. Non vorremmo arrivare a proclamare scioperi nel Paese, soprattutto in una fase così delicata, ai tanti problemi è pericoloso aggiungere anche quello dello scontro sociale. Dobbiamo creare invece le condizioni per un maggior dialogo, tra imprese e lavoratori, nonostante i continui disorientamenti che ci arrivano da chi dovrebbe governare questa emergenza. Pretendiamo dalle imprese una corretta applicazione di regole per impedire contagi, per salvaguardare la salute del singolo lavoratore e della collettività, ma anche per la salvaguardia della azienda stessa”.

A tal fine la proposta dell’UGL Chimici è chiara: “Vanno istituiti in ogni unità produttiva, i Comitati Paritetici per l’applicazione delle norme di contrasto al Covid-19, se occorre anche ricorrendo al supporto delle Prefetture. Questa è una fase dove il risultato di un’impresa si misura nella capacità di mantenere integro il bene più importante, i propri dipendenti. Siamo consapevoli che tutte queste azioni non risolveranno il problema che abbiamo, ma sicuramente ci conducono sulla strada giusta per combattere questa guerra. È per questo che responsabilmente chiediamo ai lavoratori che in questo momento si stanno sacrificando anche con costi molto elevati, di essere molto attenti, non entrare nel vortice della tensione, non farsi trascinare da facili impeti di disfattismo, ma rimanere lucidi e vigili al rispetto delle norme da parte delle imprese. È in questi momenti – conclude Ulgiatiche occorre dimostrare il proprio valore, la consapevolezza del proprio ruolo, altresì valuteremo caso per caso anche l’opportunità di azioni forti”.

Nota stampa UGL Chimici

Continue Reading
Advertisement

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Business

Covid-19 Florovivaisti Campani: No alla decisione ministeriale di permettere la vendita dei fiori

Published

on

Vincenzo Malafronte presidente del Consorzio Produttori Florovivaisti Campani
Vincenzo Malafronte, Presidente del Consorzio Produttori Florovivaisti Campani

Richiesto dai Florovivaisti campani lo stato di calamità naturale. “Abbiamo bisogno di aiuti economici, contributivi e creditizi”

Il Consorzio Produttori Florovivaisti Campani chiede lo stato di calamità naturale per l’intero settore regionale e allo stesso tempo stigmatizza il comportamento del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che nel Dpcm del 22 marzo 2020 ha incluso i fiori tra i prodotti per i quali è permessa la vendita, consentendo quindi la commercializzazione anche al dettaglio di semi, piante e fiori ornamentali, piante in vaso e fertilizzanti.

A chi dobbiamo vendere i nostri fiori? – si interroga Vincenzo Malafronte, presidente del Consorzio Produttori Florovivaisti Campani. Un controsenso evidente. Se siamo invitati, giustamente, a rimanere in casa e sono state vietate le cerimonie religiose e non, sono stati chiusi i cimiteri ed è possibile muoversi solo per comprovate esigenze, come si può in questo contesto favorire il commercio dei fiori?”.

Un settore, quello florovivaistico, messo in ginocchio dall’emergenza Coronavirus, con una perdita che si aggira intorno agli 80 milioni di euro solo per la Regione Campania e che vede a rischio il futuro di oltre 20mila posti di lavoro. Da qui la necessità di chiedere alla Regione Campania di considerare lo stato di calamità naturale per il settore. 

Malafronte si rivolge direttamente al presidente della Regione Vincenzo De Luca “da sempre attento al nostro settore affinché possa dare eco al nostro appello presso il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. In questo momento abbiamo bisogno di aiuti economici, contributivi e creditizi. Le imprese agricole florovivaistiche sono quelle maggiormente colpite di tutto il settore agricolo. Tante sono state costrette a mandare al macero il 100% delle proprie produzioni e allo stato attuale delle cose è fortemente a rischio anche la programmazione invernale. La decisione del Governo di permettere la vendita di fiori e semi è uno specchietto per le allodole, uno stratagemma per non affrontare seriamente il problema, decretando così la scomparsa del nostro comparto”.

Il Consorzio già prima delle misure più stringenti per contrastare il contagio da Coronavirus, che hanno prodotto la chiusura anche dei mercati all’ingrosso, aveva lanciato il suo grido d’allarme, chiedendo un intervento concreto al Ministro Bellanova: “ma le risposte, al momento, sono state completamente insufficienti” – conclude Malafronte

Nota stampa, Consorsio Produttori Florovivaisti Campani

Continue Reading

Business

Piave, Virus, Quota 2020, Euro … e l’ora del Coraggio

Published

on

piave

Il compito di una economia non è la stabilità dei prezzi o il tasso di rendimento ma … il benessere della popolazione

Credo che il sentimento di Nazione, della nostra Patria, si sia forgiato nel sangue e nel fango delle rive del Piave e nei sassi del Monte Grappa oltre 100 anni fa

Anche allora il nostro avversario, il nostro nemico era una Germania e un’Austria tanto differenti ma in fondo tanto simili a quelle che vediamo oggi. Anche allora, dopo le lacrime e i morti di Caporetto si cercò un capro espiatorio, un colpevole. Ma se ci salvammo … se ci salveremo …, lo dovemmo … lo dovremo … solo a quel sentimento di Unità, di Nazione che scoprimmo in quel momento. Non ci furono in quei giorni grosse diversità, ognuno con le sue idee, i suoi pensieri comprese che esisteva un momento in cui la Storia ti chiama a difenderti il tuo diritto di essere una Nazione, una Identità.

Oggi viviamo per nostra sfortuna un momento simile. Un nemico invisibile sta mietendo il suo raccolto di morte, e Governanti (mi rifiuto di credere che esseri umani differenti da noi solo per nazionalità o lingua li possano condividere se non l’atavica tendenza del gregge di seguire il pastore) a fronte di questo e dello spettro della fame continuino a coltivare e difendere i loro interessi di bottega.

Oggi una intera categoria di Economisti, monetaristi e neo monetaristi, che ci hanno allietato negli ultimi 11 anni sostenendo che la soluzione alle difficoltà di cammino dell’economia europea e Italiana era un bel cilicio con acuminate punte da stringere accuratamente alla coscia (nella forma di pareggio di bilancio) si sveglia.

Si rimangiano tutto e senza il minimo pudore diventano i nuovi portavoce di teorie che hanno rifiutato di usare per un decennio. E scopre Keynes, che il compito di una economia non è la stabilità dei prezzi o il tasso di rendimento ma … il benessere della popolazione. Che la mancanza di inflazione o un basso tasso di interesse sui mutui … non vale il disagio di un Popolo, una Nazione. Che a Stigliz il premio Nobel non glielo hanno dato come a loro hanno dato i loro posti di super burocrati nelle istituzioni finanziarie. Che Stigliz già anni fa scriveva:

«L’euro non è riuscito a realizzare nessuno di questi due obiettivi: prosperità e integrazione politica. Questi obiettivi sono ora più lontani di quanto non lo fossero prima della creazione della zona euro […] I costi, sia finanziari sia emotivi, di una separazione potrebbero essere molto elevati, ma i costi del restare uniti potrebbero essere anche superiori»

«L’eccedenza della Germania significa che il resto dell’Europa è in deficit e il fatto che questi paesi importano più di quanto esportano contribuisce alla debolezza delle loro economie» . Ho tradotto i paesi in attivo … Germania … si stiano arricchendo a scapito dei paesi in deficit. Ora è arrivato il nostro Cigno Nero.

Quello che aleggiava, che per quanto gravoso riuscivamo ancora a sopportare è diventato … insopportabile oltre che ingiusto e disumano. E non ci vengano a raccontare che è colpa del nostro enorme deficit. Un deficit fino a pochi decenni fa era nelle nostre stesse mani. Se questa politica commerciale non ci avesse defraudato … derubato … a favore della loro bilancia commerciale … di un solo paese … i soldi del nostro deficit per quanto bruciati e spesi da una classe politica fra le più inette e incapaci sarebbero pur sempre soldi nostri di cui non dovremmo dar conto.

Se la Germania e l’Austria e chi con essi ritiene che teorie superate dagli eventi e dalla storia e grazie alle quali già abbiamo dovuto pagare con un conflitto mondiale sia da considerare prioritarie rispetto a Fame e Povertà di intere Nazioni ben diversa è la nostra visione di Europa e ben diverse sono le strade che vogliamo percorrere come Popoli.

Ho amato questa Europa fin da bambino e ne sono figlio. La mia vita sarebbe diversa senza essa. guarda mio figlio, erede di culture così diverse dal mondo Austro Ungarico a quello Germanico, dalla Polonia all’Italia passando per la Sante madre Russa e per quella Americana. Non è l’Italia in cui ho sognato che lui sarebbe vissuta, non è l’ Europa che desideravo per lui, non è il mondo che avrei voluto fosse la sua culla .

Il mio dovere è quello di non accettarlo.

Continue Reading

Business

Coronavirus, Pantano: sospensione rata mutuo è “grande bufala”

Published

on

Mauro Pantano, presidente Confederazione Imprese e Professioni di Napoli
Mauro Pantano, presidente Confederazione Imprese e Professioni di Napoli

Dal Presidente della Confederazione Imprese e Professioni di Napoli appello al premier Conte: “Subito ‘scialuppa di salvataggio’ per chi non sta lavorando”

NAPOLI 25 marzo 2020–Sospendere la rata del mutuo sulla prima casa è solo una ‘grande bufala’. L’unica cosa che si può bloccare, fino a 9 mesi, è solo la sorta capitale. Chi ha sottoscritto da qualche anno il contratto paga quasi per l’80% gli interessi, che vengono regolarmente addebitati sul conto corrente”. Lo ha denunciato Mauro Pantano, presidente della Confederazione Imprese e Professioni di Napoli.

In questi giorni chi si sta mettendo in contatto con il proprio istituto di credito, avendo stipulato un finanziamento al di sotto dei 250mila euro per l’acquisto della prima casa, ha scoperto l’amara verità. Eppure – ha aggiunto Pantanol’aiuto economico annunciato dal Governo nel Decreto ‘Cura Italia’ è apparso di grande sollievo per chi ha visto paralizzarsi ogni propria attività e si trova confinato in casa per gli effetti delle disposizioni contro il contagio dal nuovo Coronavirus Covid-19. Ma al danno si è aggiunta anche la beffa perché chi sospende la rata del mutuo pagherà per bene due volte la ‘quota interessi’ vanificando l’intervento del Fondo di garanzia che dovrebbe ‘ristorare’ una parte degli interessi”.

La Confederazione Imprese e Professioni di Napoli lancia un appello al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte: “E’ necessario predisporre urgentemente interventi economici concreti a favore di chi ha interrotto l’attività lavorativa e non ha disponibilità finanziarie. Occorre lanciare una ‘scialuppa di salvataggio’ a pmi, partite iva e professionisti – conclude Pantanoper non depauperare il tessuto economico e sociale della nostra regione”.

Nota stampa Confederazione Imprese e Professioni di Napoli

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy