Quantcast
Connettiti con noi

Entertainment

Castellabate, “Festa del Pescato di Paranza”: gusto ed innovazione con “Fritto Libero”

Pubblicato

il

foto di Renato Manente

Appuntamento a Villa Matarazzo, a Santa Maria di Castellabate, nei giorni 31 maggio, 1 e 2 giugno

La magia del Cilento torna a incantare con la 13esima edizione della “Festa del Pescato di Paranza“, in programma dal 31 maggio al 2 giugno a Santa Maria di Castellabate. Quest’anno, l’evento, organizzato dall’associazione Punta Tresino, promette di essere ancora più speciale grazie all’innovativo contributo di Oleificio Zucchi, che con il suo nuovo olio “Fritto Libero!” trasformerà ogni frittura, all’interno della padella gigante, in un’esperienza leggera e irresistibile.
 
Durante la conferenza stampa tenutasi ieri sera presso il Lounge Bar Kypos, all’interno di Villa Matarazzo, sono stati svelati i dettagli del ricco programma della kermesse gastronomica, che prevede stand gastronomici, show-cooking, laboratori artigianali, mercatini e spettacoli musicali. Sono intervenuti: Giovanni Pisciottano, responsabile organizzativo dell’associazione Punta Tresino; Marco Rizzo, sindaco di Castellabate; Luisa Maiuri, consigliere del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni; Mariella Cerullo, direttrice marketing Oleificio Zucchi; Assunta Niglio, dell’ufficio Area Marina Protetta di Santa Maria di Castellabate; Bruno Carbone, direttore artistico del Campania Festival.
 
Per il secondo anno consecutivo, sarà lo spazio esterno di Villa Matarazzo, nel cuore di Santa Maria di Castellabate, ad ospitare la manifestazione, che gode dei patrocini morali della Regione Campania, della Provincia di Salerno, del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, e del Comune di Castellabate.
 
Tra le principali novità di questa edizione c’è la presenza, in qualità di sponsor principale della manifestazione, dell’Oleificio Zucchi, storica azienda italiana specializzata nella produzione di oli da olive e da semi. Per l’occasione, fornirà 3000 litri del loro nuovo olio “Fritto Libero!”, progettato specificamente per la frittura. Questo olio innovativo riduce l’odore di frittura del 50% e resiste alle alte temperature, garantendo una frittura leggera e croccante. Il nuovo olio “Fritto Libero!” è il risultato di una ricerca approfondita condotta dagli esperti di Oleificio Zucchi in collaborazione con il dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Questo prodotto rappresenta una soluzione all’avanguardia per chi ama la cucina fritta, offrendo una frittura meno odorosa e più salutare. Inoltre, Oleificio Zucchi dimostra il suo impegno per la sostenibilità anche durante la Sagra del Pescato, fornendo vaschette monouso per la distribuzione del pesce fritto. Queste vaschette sono realizzate in carta, biodegradabili nell’umido e riciclabili, sottolineando l’attenzione dell’azienda verso l’ambiente.
 
Grazie a questo contributo, nei tre giorni della festa saranno fritti oltre 25 quintali di pesce di paranza, tra triglie, occhialoni, gamberi e totani, pescato dalla flotta locale, utilizzando anche quest’anno la padella gigante (26 metri di lunghezza per 4 metri di diametro), messa a disposizione dalla Pro Loco Camogli, organizzatrice della più antica sagra del pesce in Italia e da anni gemellata con l’associazione Punta Tresino. Il menu, oltre alla classica frittura di paranza, offre una varietà di piatti: gli spaghetti con la colatura di alici di Cetara, la pizza fritta cilentana, le trofie al pesto genovese, il panuozzo classico e con il polpo (anche senza glutine), l’acquasale con mozzarella di bufala o con alici, patatine fritte, dolci (brioche, zeppole, etc.) e spiedini di fragole con cioccolato fondente.
 
Si rinnova anche quest’anno, poi, la sfida ai fornelli tra i pescatori di Castellabate con lo show-cooking in programma sabato 1 giugno alle 20:30, sempre all’interno dell’area della festa, che vedrà in gara Filippo Russo e Gianluca Di Luccia per la squadra della “Piccola Pesca Artigianale” contro Luigi Infante e Giampaolo Di Luccia per la squadra della “Paranza”. Ad accompagnare la sfida ai fornelli sarà, come di consueto, Assunta Niglio, con il pubblico chiamato poi a decretare i vincitori della sfida.
 

Per facilitare il flusso degli avventori alla festa ed evitare code alle casse per l’acquisto degli alimenti, l’associazione ha messo a disposizione anche una piattaforma online (https://associazionepuntatresino.qromo.it) attraverso cui acquistare i ticket per potersi recare direttamente agli stand gastronomici.
 
Durante la tre giorni, inoltre, sarà visitabile l’acquario virtuale gestito dal Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E, poi, grazie alla collaborazione con la Fondazione Fioravante Polito, il Museo del Calcio Andrea Fortunato, ubicato all’interno degli spazi di Villa Matarazzo, che ospita numerosi cimeli del calcio locale, nazionale ed internazionale. La visita sarà possibile con una donazione di 1€ alla Fondazione, contribuendo di fatto alle molteplici iniziative che porta avanti per la tutela degli sportivi.


 
DICHIARAZIONI


 “Siamo pronti per la 13esima edizione che ci rivedrà nuovamente all’interno dell’incantevole Villa Matarazzo, grazie alla disponibilità del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. – ha affermato Giovanni Pisciottano, responsabile organizzativo dell’associazione Punta Tresino – Tante novità anche quest’anno, dal nuovo partner Oleificio Zucchi al menù, che avrà al centro come sempre la frittura di paranza, ma che proporrà anche altre pietanze. Si preannuncia una tre giorni davvero molto intensa, con tante presenze, come testimoniano già le numerose prenotazioni, ed un grazie particolare voglio farlo anche all’Amministrazione comunale per la disponibilità ed a tutte le associazioni che collaborano con noi per organizzare questa grande festa”.
 
La Festa del Pescato di Paranza è diventata, oramai, un appuntamento consolidato a Castellabate. Quest’iniziativa riesce, ogni anno, ad attrarre tantissimi turisti nel nostro borgo anche in un periodo non proprio di alta stagione e a valorizzare la bontà del pescato locale. Siamo certi che anche per il 2024 sarà un successo di pubblico e divertimento nella splendida cornice di Villa Matarazzo” ha aggiunto il sindaco di Castellabate, Marco Rizzo.
 
Siamo lieti di accompagnare questa iniziativa in una cornice unica, come lo è Villa Matarazzo, che mette insieme due elementi fondamentali nelle politiche di valorizzazione del Parco, l’area marina protetta e la dieta mediterranea – ha evidenziato Luisa Maiuri, consigliere del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni – E il pescato locale, alla base di questa festa, è una colonna portante di questo stile di vita alimentare, ormai sempre più riconosciuto ed apprezzato in tutto il mondo”.
 
È con grande orgoglio che annunciamo la nostra collaborazione con la prestigiosa Festa del Pescato di Paranza di Castellabate, celebrando così l’eccellenza culinaria italiana e le radici profonde della nostra storia aziendale, che vanta oltre due secoli di tradizione nell’ambito dell’olio. La nostra filosofia si basa sull’innovazione e la qualità, valori che ci hanno condotto a presentare l’innovativo Zucchi Fritto Libero! alla 13a edizione della Festa, che ha fatto del fritto una tradizione culinaria regionale. Questo olio è frutto di una ricerca approfondita e di un impegno costante per offrire soluzioni gastronomiche di altissima qualità e siamo grati di condividere questo importante traguardo con la comunità di Castellabate e con tutti gli avventori dell’evento” ha concluso Mariella Cerullo, Corporate Communication & Public Affairs Director e Direttrice Marketing Oleificio Zucchi S.p.A.


 
IL PROGRAMMA

La cerimonia di apertura si terrà venerdì 31 maggio con il rientro delle paranze e la benedizione del pesce, a cura dei parroci don Roberto e don Pasquale, alla presenza di Autorità civili e militari, a cui seguirà l’apertura dei mercatini e dei laboratori artigianali (ore 19.30) e degli stand gastronomici (ore 20). Nei giorni 1 e 2 giugno, invece, i mercatini artigianali apriranno alle 18 e gli stand gastronomici alle 19. Ritorna, inoltre, anche quest’anno lo show-cooking a cura dei pescatori locali che si metteranno ai fornelli per preparare piatti della tradizione (1 giugno, ore 20.30).
 
Durante le prime due serate della “Festa del Pescato di Paranza” ci sarà spazio per la finalissima della 16esima edizione del “Campania Festival – Concorso Nazionale Canoro”, la rassegna canora riservata ai migliori talenti emergenti, con tanti ospiti, sotto la direzione artistica di Bruno Carbone. Durante la prima serata (31 maggio), saranno presentati, dopo l’esibizione dei talenti che si sono affermati nella finale dei Bambini e degli Junior, i finalisti Big della 16esima Campania Festival.
 
Inoltre, le prime due serate (31 maggio e 1 giugno) saranno allietate dal corpo di ballo “Progetto Danza” di Marianna Lupo e vedranno ospiti d’eccezione, tra i quali i sosia di Renato Zero, Claudia Mori e Adriano Celentano. Spazio anche alla musica, domenica 2 giugno, dalle ore 21, con Franco’s Zero in concerto e con i balli di gruppo sotto la direzione artistica di Antonio Ceccola e con la partecipazione straordinaria della maestra Anna Di Capua e la Passettini Family

Se ti va lascia un like su Facebook, seguici su X e Instagram

Trending