Quantcast
Connettiti con noi

Sports

Fiorano: Presentata la nuova Ferrari

Pubblicato

il

Presentata a Fiorano la nuova Ferrari. Rossa come il fuoco la SF-24 sarà mostrata anche a Maranello nei prossimi giorni

Prentata a Fiorano la nuova Ferrari. Eccola, rossa come il fuoco, come la passione che anima un popolo intero che anche oggi, in una giornata lavorativa, non ha atto mancare il proprio sostegno e che spera in un anno positivo dopo le ultime due stagione con poca luce e molte ombre.

La SF-24, è stata presentata stamattina e nei prossimi giorni, tra Maranello e Fiorano, scenderà in pista per i 200 chilometri concessi dalla FIA.

Una vettura nuova per il 95% si diceva nei giorni precedenti alla presentazione per garantire a Leclerc e Sainz una monoposto più aggressiva e più performante soprattutto in gara poichè spesso si è remato in mezzo al gruppo nonostante delle ottime qualifiche.

Cercando di capire quelle che sono le novità della SF-24, ben consapevoli che già da qualche anno le moposto presentate vengono poi modificate già dalla prima gara, ci si accorge di alcune novità importanti ma che a livello sopratutto estetico, non c’è un progetto rivoluzionario.

Dal punto di vista tecnico, la SF-24, conferma la scelta delle sospensioni anteriori, PUSH ROD, una soluzione non adotatta da tutte le scuderie, che va nella ricerca del settaggio immediato, un muso più corto ed un’ala posteriore stile Red Bull ma che mantiene una filosofia Ferrari, seguendo lo stile dello scorso anno senza nessuna rivoluzione.

La SF-24, resta un mistero per quanto riguarda il cuore della monoposto, una presentazione lampo, durata meno di due minuti e senza rilasciare dichiarazioni a caldo ma sensazioni positive che sono emerse da alcuni commenti fatti nei giorni scorsi.

Dunque, svelata la parte estetica, ora bisogna vedere quello che nasconde la vettura, ad inizare dal pacchetto aereodinamico, fino al problema del consumo delle gomme. Infatti, questo, lo scorso anno, è stato uno dei talloni di Achille della scuderia di Maranello che, colpa un consumo di pneumatici troppo elevato, spesso ha costretto ad una strategia conservativa.

Il 21 febbraio si inizierà forse a capire qualcosa in più, poichè in Bahrain ci saranno tre giorni di test ma per il momento, godiamoci la bellezza estetica della Ferrari ed attendiamo domani e dopodomani, quando Mercedes ed i super favoriti della Red Bull scopriranno le loro monoposte.

Trending