Quantcast
Connettiti con noi

News

Qualiano parcometri accesi, ma fuori servizio

Pubblicato

il

parcometro Qualiano

Oggi doveva partire la sosta a pagamento a Qualiano (Strisce blu) senza passare dal Consiglio comunale: i parcometri sono accesi ma fuori servizio

Doveva partire oggi la sosta a pagamento a Qualiano, le famose strisce blu annunciate la settimana scorsa, con le tariffe non approvate in Consiglio comunale di 40 centesimi per mezzora e 80 per l’ora intera.

Constatiamo, ma era ovvio, che non è partito perfettamente nulla. Come si poteva? Mancava, infatti, un passaggio fondamentale nell’assise cittadina che avverrà nei giorni 21 e 22 settembre, a seconda che si tratti di prima o seconda convocazione. I parcometri sono accesi e funzionanti ma hanno bisogno di essere settati.

Pubblicità

Non solo le ditte del comune, o chi per loro, dovranno rifare la segnaletica stradale orizzontale e verticale dato che molti stalli – dopo i diversi restyling della città – sono scomparsi. La segnaletica, però, potrà essere rifatta solo dopo l’approvazione del Pup (Piano urbano di parcheggio) nel quale sono contabilizzati gli stalli e probabilmente anche la posizione dei parcometri con i nuovi orari. L’approvazione avverrà nel prossimo Consiglio comunale.

Poi c’è un’altra questione da affrontare il regolamento della sosta a pagamento. Lo abbiamo cercato e purtroppo non lo abbiamo trovato. Qualcuno vicino all’amministrazione dice che il regolamento sia negli uffici del Comune di Qualiano, tuttavia crediamo che debba anch’esso essere modificato in base alla perdita degli stalli dovuti al rifacimento di due piazze cittadine: piazza F.lli Rosselli e piazza Gabriele D’Annunzio. Sarà possibile procedere senza un aggiornamento? Crediamo di no!

Appare chiaro, quindi, che la sosta a pagamento partirà un po’ più in la di quando si possa sperare a meno che non sia tutto già pronto dopo il 22 settembre.

Pubblicità

A tutto questo si aggiunge che il comune sta pagando il noleggio dei parcometri senza incassare ancora un solo euro da questi ultimi.

Lascia un like su Facebook e seguici su Twitter

Pubblicità