Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Smart Card Vaccinali: De Luca indagato dalla Corte dei Conti

Pubblicato

il

Smart Card Vaccinali regionale il Presidente De Luca indagato per presunto danno contabile da oltre 928mila euro.

Smart Card Vaccinali De Luca indagato. Personale del Nucleo di Polizia Economica e Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno notificato, questa mattina, un invito a fornire deduzioni a carico del Presidente della Giunta Regionale della Campania, nel corso di una indagine della Procura della Corte dei conti. 

Vincenzo De Luca è indagato dalla Corte dei Conti per un presunto danno erariale euro connesso alle smart card regionali quando imperversava il Covid.

Pubblicità

I sostituti procuratori generale Davide Vitale e Mauro Senatore contestano al Governatore ed altri cinque componenti dell’Unità di Crisi della Regione, un danno erariale da oltre 3,7 milioni di euro.

Le altre persone invitate a fornire deduzioni sono: Italo Giulivo (coordinatore dell’Unità di Crisi regionale per l’emergenza epidemiologica da Covid-19); Antonio Postiglione (membro e vice dell’Unità di crisi) e gli altri componenti Massimo Bisogno, Ugo Trama e Roberta Santaniello.

Al Presidente De Luca la Procura della Corte dei Conti contesta il 25% del danno complessivo, quindi oltre 928 mila euro.

Pubblicità

Tale somma è relativa all’attestato digitale di vaccinazione anti Covid: la cosiddetta smart card. Tali dispositivi furono acquistati e mai utilizzati. La loro distribuzione, infatti, fu sospesa, a seguito dell’introduzione da parte del Governo Nazionale del Green Pass.

Proprio in base all’introduzione del Green Pass, la Procura della Corte dei Conti campana riterrebbe l’acquisto delle Smart Card Vaccinali “una spesa inutile”. Secondo i magistrati contabili, infatti, la distribuzione – in seguito sospesa risalente al maggio del 2021 – dei dispositivi è successiva all’introduzione green pass.

Tutti i destinatari del provvedimento potranno ora essere ascoltati dai sostituti procuratori incaricati del procedimento e presentare memorie difensive a sostegno del loro operato.

Pubblicità

Lascia un like su Facebook e seguici su Twitter

Pubblicità