Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Spaccio di droga a Massa Lubrense: arrestato

Pubblicato

il

Spaccio di droga a Massa Lubrense

Spaccio di droga a Massa Lubrense, L’indagato già era stato arrestato in gennaio a Meta di Sorrento. Aveva con se cocaina

Spaccio di droga a Massa Lubrense. Il tre agosto sera personale della Squadra Giudiziaria del Commissariato PS di Sorrento hanno eseguito un ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

Hanno infatti arrestato un 55enne originario di Piano di Sorrento ma residente a Massa Lubrense.

Ad emettere la misura cautelare il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della locale Procura della Repubblica. L’uomo è gravemente indiziato del reato di “spaccio” di sostanze stupefacenti.

Gli agenti del Commissariato Pdi Sorrento, nell’ambito di una attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, hanno accertato che il soggetto arrestato avrebbe posto in essere plurime cessioni illecite di sostanze psicotrope, del tipo hashish e cocaina, nel periodo tra il gennaio ed il febbraio del 2023 nella città Massa Lubrense.

In precedenza, in data 23 gennaio di quest’anno, l’indagato era già stato tratto in arresto, in flagranza di reato. Fu trovato, nel corso di un controllo di polizia in Meta di Sorrento, in possesso di 38,22 grammi di cocaina, a bordo della sua autovettura.

Le successive indagini hanno consentito di accertare che, nonostante il suddetto arresto e la conseguente applicazione della misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria nei suoi confronti, l’indagato avrebbe continuato nella sua attività illecita, procedendo ad ulteriori cessioni di sostanze psicotrope.

Al termine delle formalità di rito, il predetto è stato posto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione.

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare emessa in sede di indagini preliminari. Contro di essa sono ammessi mezzi di impugnazione. Il destinatario è una persona sotto indagine e quindi da considerarsi innocente fino a sentenza di condanna definitiva.

Lascia un like su Facebook e seguici su Twitter

Trending