Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Polizza RC troppo conveniente: era una truffa

Pubblicato

il

Polizza RC troppo conveniente: La vittima, una donna di Montefusco, attirata da una offerta on line per assicurare la sua auto

Polizza RC troppo conveniente. Alle 5 persone denunciate per truffa qualche giorno fa dai Carabinieri di Montemarano, si aggiunge un trentenne deferito ieri alla Procura della Repubblica di Avellino.

L’indagine avviata dai Carabinieri della Stazione di Montefusco, prende spunto dalla denuncia sporta da una donna. La vittima doveva assicurare l’auto ed ha certato on line sperando in un affare. Ad attrarla un’offerta di una polizza R.C.A. pubblicizzata su internet, credendo di averla trovata ha chiesto un preventivo.

Pubblicità

Ignara del raggiro in cui sarebbe incappata, ha effettuato il pagamento del premio di circa 400 euro, mediante bonifico bancario.

Appena ottenuta la somma pattuita, il sedicente “broker assicurativo” non provvedeva ad attivare la polizza e si rendeva irreperibile.

Dopo aver inutilmente atteso qualche giorno, la malcapitata ha quindi deciso di sporgere denuncia.

Pubblicità

Le indagini condotte dai Carabinieri hanno consentito di risalire all’identità del presunto responsabile. Si tratta di un trentenne della provincia di Napoli, già noto alle Forze dell’Ordine, denunciato per “truffa” alla alla luce delle evidenze emerse.

Questo tipo di truffe, molto diffuse negli ultimi tempi, si basano sul phishing di siti e piattaforme di note compagnie assicurative, attraverso la costruzione di false pagine web pressoché identiche a quelle reali

In queste “trappole virtuali” sono inseriti contatti telefonici che mettono in comunicazione l’ignara vittima con l’operatore che asseconda o alletta il malcapitato e gli impartisce le modalità di pagamento.

Pubblicità

I Carabinieri della Stazione di Montefusco consigliano di prestare particolare attenzione nella sottoscrizione di nuovi contratti tramite internet e di verificare, prima della stipula del contratto, che la polizza sia emessa da società e intermediari regolarmente autorizzati allo svolgimento dell’attività assicurativa.

Un altro consiglio è di fare attenzione al momento della richiesta di pagamento del premio assicurativo da parte dell’agenzia.

Meglio non versare l’importo se l’assicurazione richiede l’utilizzo di metodi di pagamento non tracciati, quali la ricarica di carte prepagate, che non garantiscono la sicurezza del pagante.

Pubblicità

Lascia un like su Facebook e seguici su Twitter