Connect with us

Entertainment

Cantico dei cantici, lo recita Benigni a Sanremo 2020: scoppia la polemica

Published

on

Benigni a Sanremo 2020

A scatenare le sui social è la recitazione del “Cantico dei Cantici”, definita la più bella canzone del Mondo

Sul palco di Sanremo 2020 Amadeus annuncia e Benigni entra in scena e inizia il suo spettacolo: scherza sul meccanismo di voto di Sanremo, dicendo che da quest’anno è possibile anche “votare al citofono”. A scatenare le sui social è la recitazione del “Cantico dei Cantici”, racconta “l’amore fisico tra due persone” con tanto di dettagli erotici.

La presenza di questo poema nei testi sacri è un dei più grandi misteri e la stessa presenza, come racconta sul palco di Sanremo 2020 Benigni, più volte ha imbarazzato la Chiesa tanto da dover ricorrere ad allegorie come “l’amore di Dio per la Chiesa”.

L’intervento del Premio oscar termina tra applausi scroscianti ma niente standing ovation.

A questo punto il popolo dei social si scatena tra pro e contro ed in molti sono mossi da sentimenti politici dopo il passaggio del voto attraverso il citofono.

Riportiamo di seguito il testo dell’antico poema mesopotamico, ma attribuito al Re degli Israeliti Salomone.

La versione che riportiamo è quella Nuova Diodati

Prologo 1,1 – 4

La sposa desidera ardentemente e ricerca lo sposo

1 Il Cantico dei Cantici che è di Salomone. 2 Mi baci con i baci della sua bocca! Poiché il tuo amore è migliore del vino. 3 Per la fragranza dei tuoi gradevoli olii profumati il tuo nome è un olio profumato versato; per questo ti amano le fanciulle. 4 Attirami a te! Noi ti correremo dietro. Il re mi ha portato nelle sue camere. Noi gioiremo e ci rallegreremo in te; noi ricorderemo il tuo amore più del vino. A ragione ti amano.

Primo poema 1,5 – 2,7

1,5 Io sono nera ma bella, o figlie di Gerusalemme, come le tende di Kedar, come le cortine di Salomone.  6 Non guardate se son nera, perché il sole mi ha abbronzata. I figli di mia madre si sono adirati con me; mi hanno posto a guardia delle vigne, ma la mia propria vigna non l’ho custodita.  7 Dimmi, o tu che il mio cuore ama, dove pascoli il gregge e dove lo fai riposare a mezzogiorno. Perché mai dovrei io essere come una donna velata presso le greggi dei tuoi compagni? 8 Se non lo sai, o la più bella delle donne, segui le tracce del gregge e fa’ pascolare le tue caprette presso le tende dei pastori.

Espressioni del reciproco amore tra sposo e sposa

9 Amica mia, io ti assomiglio alla mia cavalla tra i carri del Faraone. 10 Le tue guance sono belle con ornamenti, e il tuo collo con collane di perle.  11 Noi faremo per te collane d’oro con borchie d’argento. 12 Mentre il re siede a mensa, il mio nardo effonde la sua fragranza.  13 Il mio diletto è per me un sacchetto di mirra; egli riposerà tutta la notte fra le mie mammelle.  14 Il mio diletto è per me un mazzo di fiori di alcanna nelle vigne di En-ghedi.  15 Ecco sei bella, amica mia, ecco sei bella! I tuoi occhi sono come quelli delle colombe.  16 Come sei bello, mio diletto, e anche amabile! Per di più il nostro letto è verdeggiante.  17 Le travi delle nostre case sono cedri e i nostri soffitti di cipresso.

2,1 Io sono la rosa di Sharon, il giglio delle valli.  2 Come un giglio tra le spine, così è l’amica mia tra le fanciulle. 3 Come un melo fra gli alberi del bosco, così è il mio diletto fra i giovani. Ho grandemente desiderato di stare alla sua ombra e là mi sono seduta, e il suo frutto era dolce al mio palato. 4 Mi ha condotto nella casa del banchetto, e il suo vessillo su di me è amore. 5 Sostenetemi con focacce d’uva, ristoratemi con pomi, perché io sono malata d’amore.  6 La sua sinistra è sotto il mio capo e la sua destra mi abbraccia. 7 Io vi scongiuro, o figlie di Gerusalemme, per le gazzelle e per le cerve dei campi, non destate e non svegliate l’amore mio, finché così le piace.

Secondo poema 2,8 – 3,5

Il re fa visita alla casa della sposa

2,8 Ecco la voce del mio diletto! Ecco, egli viene saltando sui monti, balzando sui colli. 9 Il mio diletto è simile a una gazzella o ad un cerbiatto. Eccolo, egli sta dietro al nostro muro, guarda dalle finestre, lancia occhiate attraverso l’inferriata. 10 Il mio diletto mi ha parlato e mi ha detto: «Alzati, amica mia, mia bella, e vieni! 11 Poiché, ecco, l’inverno è passato, la pioggia è cessata, se n’è andata. 12 I fiori appaiono sulla terra, il tempo del cantare è giunto, e nel nostro paese si ode la voce della tortora. 13 Il fico mette fuori i suoi fichi acerbi, e le viti in fiore diffondono una soave fragranza. Alzati, amica mia, mia bella, e vieni. 14 O mia colomba, che stai nelle fenditure delle rocce, nei nascondigli dei dirupi, fammi vedere il tuo viso, fammi udire la tua voce, perché la tua voce è piacevole, e il tuo viso è leggiadro». 15 Prendete le volpi, le piccole volpi che danneggiano le vigne, perché le nostre vigne sono in fiore. 16 Il mio diletto è mio, e io sono sua; egli pascola il gregge fra i gigli. 17 Prima che spiri la brezza del giorno e le ombre fuggano, ritorna, o mio diletto, e sii come una gazzella o un cerbiatto sui monti che ci separano.

La separazione dallo sposo

3,1 Sul mio letto durante la notte, ho cercato colui che il mio cuore ama; l’ho cercato, ma non l’ho trovato. 2 Ora mi alzerò e andrò attorno per la città; per le strade e per le piazze cercherò colui che il mio cuore ama. L’ho cercato, ma non l’ho trovato. 3 Le guardie che vanno attorno per la città mi hanno incontrata. Ho chiesto loro: «Avete visto colui che il mio cuore ama?». 4 Le avevo appena oltrepassate, quando trovai colui che il mio cuore ama. L’ho stretto saldamente e non intendo lasciarlo finché non l’avrò condotto in casa di mia madre e nella camera di colei che mi ha concepito. 5 Vi scongiuro, o figlie di Gerusalemme, per le gazzelle e per le cerve dei campi, non destate e non svegliate l’amore mio finché così le piace.

Terzo poema 3,6 – 5,1

Il corteo nuziale

3,6 Chi è costei che sale dal deserto, come colonne di fumo, profumata di mirra e d’incenso e d’ogni polvere aromatica dei mercanti? 7 Ecco il letto di Salomone, intorno al quale stanno sessanta uomini valorosi, dei prodi d’Israele. 8 Tutti maneggiano la spada, sono esperti nella guerra; ognuno porta la sua spada al fianco per gli spaventi notturni. 9 Il re Salomone si è fatto una lettiga con legno del Libano. 10 Ha fatto le sue colonne d’argento, la sua spalliera d’oro, il suo seggio di porpora; il suo interno è ricamato con amore dalle figlie di Gerusalemme. 11 Uscite, figlie di Sion, mirate il re Salomone con la corona di cui l’ha incoronato sua madre, nel giorno delle sue nozze, nel giorno dell’allegrezza del suo cuore.

Lo sposo esprime il suo amore per la sposa decantando la sua bellezza

4,1 Come sei  bella, amica mia, come sei  bella! I tuoi occhi dietro al tuo velo sono come quelli delle colombe; i tuoi capelli sono come un gregge di capre, che pascolano sul monte Galaad. 2 I tuoi denti sono come un gregge di pecore tosate, che tornano dal lavatoio; tutte hanno gemelli, e nessuna di esse è sterile. 3 Le tue labbra sono come un filo di scarlatto, e la tua bocca è graziosa; le tue tempie dietro al tuo velo sono come uno spicchio di melagrana. 4 Il tuo collo è come la torre di Davide, costruita per un’armeria, su cui sono appesi mille scudi, tutti scudi di uomini valorosi. 5 Le tue due mammelle sono come due cerbiatti, gemelli di gazzella, che pascolano fra i gigli. 6 Prima che spiri la brezza del giorno e le ombre fuggano, me ne andrò al monte della mirra e al colle dell’incenso. 7 Tu sei tutta bella, amica mia, e non c’è in te alcun difetto. 8 Vieni con me dal Libano, o mia sposa, vieni con me dal Libano! Guarda dalla sommità dell’Amana, dalla sommità del Senir e dell’Hermon, dalle tane dei leoni, dai monti dei leopardi. 9 Tu mi hai rapito il cuore, o mia sorella, sposa mia; tu mi hai rapito il cuore con un solo sguardo dei tuoi occhi, con uno solo dei monili del tuo collo. 10 Quanto è piacevole il tuo amore, o mia sorella, sposa mia! Quanto migliore del vino è il tuo amore e la fragranza dei tuoi olii profumati è più soave di tutti gli aromi! 11 O sposa mia, le tue labbra stillano come un favo di miele, miele e latte sono sotto la tua lingua, e la fragranza delle tue vesti è come la fragranza del Libano. 12 La mia sorella, la mia sposa è un giardino chiuso, una sorgente chiusa, una fonte sigillata. 13 I tuoi germogli sono un giardino di melograni con frutti squisiti, piante di alcanna con nardo, 14 nardo e croco, cannella e cinnamomo, con ogni specie di alberi d’incenso, mirra ed aloe, con tutti i migliori aromi. 15 Tu sei una fonte di giardini, un pozzo di acque vive, ruscelli che scaturiscono dal Libano. 16 Lèvati, aquilone, e vieni, austro; soffia sul mio giardino, e i suoi aromi si effondano! Entri il mio diletto nel suo giardino e ne mangi i frutti squisiti!

5,1 Sono entrato nel mio giardino, o mia sorella, sposa mia, ho colto la mia mirra col mio balsamo; ho mangiato il mio favo col mio miele, ho bevuto il mio vino col mio latte. Amici, mangiate, bevete; sì, inebriatevi, o diletti!

Lo strazio della seconda separazione dallo sposo

Quarto poema 5,2 – 6,3

5,2 Io dormivo, ma il mio cuore vegliava. Sento la voce del mio diletto, che picchia e dice: «Aprimi, sorella mia, amica mia, colomba mia, mia perfetta, perché il mio capo è pieno di rugiada, e i miei riccioli di gocce della notte». 3 Mi sono tolta la veste, come me la rimetterei? Mi sono lavata i piedi, come li sporcherei di nuovo? 4 Il mio diletto ha messo la mano nel buco della porta, e le mie viscere si sono commosse per lui. 5 Mi sono alzata per aprire al mio diletto, e le mie mani hanno stillato mirra, le mie dita mirra liquida, che scorreva sulla maniglia della serratura. 6 Ho aperto al mio diletto, ma il mio diletto si era ritirato e se n’era andato. Il mio cuore veniva meno mentr’egli parlava. L’ho cercato, ma non l’ho trovato; l’ho chiamato, ma non mi ha risposto. 7 Le guardie che vanno attorno per la città mi hanno trovata, mi hanno percossa, mi hanno ferita; le guardie delle mura mi hanno strappato il velo. 8 Io vi scongiuro, o figlie di Gerusalemme, se trovate il mio diletto, che gli direte? Ditegli che sono malata d’amore. 9 Che cos’è il tuo diletto più di un altro diletto, o la più bella fra le donne? Che cos’è il tuo diletto più di un altro diletto perché ci scongiuri così?

La sposa decanta la bellezza dello sposo

10 Il mio diletto è bianco e vermiglio, e si distingue fra diecimila. 11 Il suo capo è oro finissimo, i suoi riccioli sono crespi, neri come il corvo. 12 I suoi occhi sono come colombe presso ruscelli d’acqua, lavati nel latte, propriamente incastonati come una pietra preziosa in un anello. 13 Le sue guance sono come un’aiuola di balsamo, come aiuole di erbe aromatiche; le sue labbra sono gigli, che stillano mirra liquida. 14 Le sue mani sono anelli d’oro, tempestate di pietre preziose; il suo ventre è avorio lucente, ricoperto di zaffiri. 15 Le sue gambe sono colonne di marmo, fondate su basi d’oro puro. Il suo aspetto è come il Libano, maestoso come i cedri. 16 La sua bocca è la dolcezza stessa; sì, egli è attraente in tutto. Questo è il mio diletto, questo è il mio amico, o figlie di Gerusalemme.

Reciproco elogio d’amore

6,1 Dov’è andato il tuo diletto, o la più bella fra le donne? Dove si è recato il tuo diletto, perché lo possiamo cercare con te? 2 Il mio diletto è sceso nel suo giardino, nelle aiuole di balsamo a pascolare il gregge nei giardini e a cogliere gigli. 3 Io sono del mio diletto, e il mio diletto è mio; egli pascola il gregge fra i gigli.

Quinto poema 6,4 – 8,4

6,4 Amica mia, tu sei bella come Tirtsah, leggiadra come Gerusalemme, tremenda come un esercito a bandiere spiegate. 5 Distogli da me i tuoi occhi, perché mi turbano. I tuoi capelli sono come un gregge di capre, che pascolano sul monte Galaad. 6 I tuoi denti sono come un gregge di pecore, che tornano dal lavatoio; tutte hanno gemelli e nessuna di esse è sterile. 7 Le tue tempie dietro al tuo velo sono come uno spicchio di melagrana. 8 Ci sono sessanta regine e ottanta concubine, e fanciulle senza numero. 9 Ma la mia colomba, la mia perfetta, è unica; è l’unica di sua madre, la prescelta di colei che l’ha partorita. Le fanciulle l’hanno vista e l’hanno proclamata beata, sì, anche le regine e le concubine, e l’hanno lodata. 10 Chi è costei che appare come l’alba, bella come la luna, pura come il sole, tremenda come un esercito a bandiere spiegate? 11 Io sono discesa nel giardino dei noci per vedere le piante verdeggianti della valle, per vedere se le viti erano in fiore, e i melograni mettevano le gemme. 12 Non so come, ma il mio desiderio mi ha posta sui carri del mio nobile popolo. 13 Ritorna, ritorna, o Shulammita, ritorna, ritorna, perché possiamo ammirarti. Che cosa vedete nella Shulammita? Come una danza a due schiere?

Espressioni di ammirazione dello sposo nei confronti della sposa

7,1 Come sono belli i tuoi piedi nei calzari, o figlia di principe! Le curve dei tuoi fianchi sono come gioielli, opera di mano d’artista. 2 Il tuo ombelico è una coppa rotonda, ove non manca mai vino aromatico. Il tuo ventre è un mucchio di grano, circondato di gigli. 3 Le tue due mammelle sono come due cerbiatti, gemelli di gazzella. 4 Il tuo collo è come una torre d’avorio; i tuoi occhi sono come le piscine di Heshbon presso la porta di Bath-Rabbim. Il tuo naso è come la torre del Libano, che guarda verso Damasco. 5 Il tuo capo si eleva su di te come il Karmel e i capelli del tuo capo sono porpora; un re è fatto prigioniero dalle tue trecce. 6 Come sei bella e come sei leggiadra, o amore mio, con tutte le tue delizie! 7 La tua statura è simile alla palma, e le tue mammelle a grappoli. 8 Ho detto: «Salirò sulla palma e afferrerò i suoi rami». Siano le tue mammelle come i grappoli della vite, la fragranza del tuo alito come quello dei pomi, 9 e i baci della tua bocca come un vino squisito, che scende dolcemente per il mio diletto, sfiorando delicatamente le labbra di chi dorme.

Unione d’amore

10 Io sono del mio diletto, e il suo desiderio è verso di me. 11 Vieni, mio diletto, usciamo nei campi, passiamo la notte nei villaggi! 12 Alziamoci presto al mattino per andare nelle vigne e per vedere se la vite ha messo i germogli e i suoi fiori sono sbocciati, e se i melograni sono in fiore. Là ti darò il mio amore. 13 Le mandragole effondono la loro fragranza, e sulle nostre porte ci sono frutti squisiti di ogni genere, freschi e appassiti, che ho conservato per te, mio diletto.

8,1 Oh, fossi tu come un mio fratello, allattato alle mammelle di mia madre! Trovandoti fuori ti bacerei, e nessuno mi disprezzerebbe. 2 Ti condurrei e ti introdurrei in casa di mia madre; tu mi ammaestreresti, e io ti darei da bere vino aromatico, del succo del mio melograno. 3 La sua sinistra sia sotto il mio capo e la sua destra mi abbracci! 4 O figlie di Gerusalemme, vi scongiuro, non destate e non svegliate l’amore mio, finché così le piace.

Epilogo 8,7 – 7

L’amore inalterabile tra sposo e sposa

5 Chi è costei che sale dal deserto appoggiata al suo diletto? Ti ho svegliata sotto il melo, dove tua madre ti ha partorito, dove quella che ti ha partorito ti ha dato alla luce. 6 Mettimi come un sigillo sul tuo cuore, come un sigillo sul tuo braccio; poiché l’amore è forte come la morte, la gelosia è dura come lo Sceol. Le sue fiamme sono fiamme di fuoco, una fiamma ardente. 7 Le grandi acque non potrebbero spegnere l’amore, né i fiumi sommergerlo. Se uno desse tutte le ricchezze della sua casa in cambio dell’amore, sarebbe certamente disprezzato.

Appendice finale 8,8 – 14

8 Noi abbiamo una piccola sorella, che non ha ancora mammelle; che cosa faremo per la nostra sorella, nel giorno in cui si parlerà di lei? 9 Se è un muro, costruiremo su di lei un palazzo d’argento; se è una porta, la rafforzeremo con tavole di cedro. 10 Io sono un muro, e le mie mammelle sono come torri; perciò ai suoi occhi sono divenuta come colei che ha trovato pace. 11 Salomone aveva una vigna a Baal-Hamon; egli affidò la vigna a dei guardiani, ognuno dei quali doveva portare come suo frutto mille sicli d’argento. 12 La mia vigna, che è mia, sta davanti a me. Tu, Salomone, tieni pure i mille sicli, e i guardiani del suo frutto ne abbiano duecento. 13 O tu che dimori nei giardini, i compagni stanno ascoltando la tua voce; fammela sentire. 14 Fa’ presto, mio diletto e sii simile a una gazzella o a un cerbiatto, sui monti degli aromi!

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Entertainment

La mia Islanda su di un pedale, mercoledì la presentazione del libro di Andrea Devicenzi

Published

on

La mia Islanda su di un pedale

La mia Islanda su di un pedale. Mercoledì 7 dicembre a Qualiano presso l’aula Consiliare di Piazza del Popolo vi sarà la presentazione del libro di Andrea Devicenzi

Mercoledì 7 dicembre presso l’aula Consiliare di Piazza del Popolo a Qualiano vi sarà la presentazione del libro “La mia Islanda su di un pedale”.

Prima della presentazione, la quale è prevista per le ore 19:15, vi sarà alle ore 18:30 la proiezione del film. Al termine di quest’ultimo l’atleta paraolimpico Andrea Devicenzi parlerà del suo libro.

Per Andrea Devicenzi 12 anni di imprese che partono dal 2010 con la scalata in India del Baralachla Pass in bicicletta ad oltre 5000 metri di quota.

Nel 2011 oltre 1200 su un solo pedale la Parigi-Brest-parigi. Ancora nel 2016 in Perù per raggiungere Machu Pichu un cammino di 50 chilometri

Non si ferma Andrea, continua nel 2018 un’altro cammino la via di San Francesco, ma le sue avventure continuano su una sola gamba affronta la via Francigena 2019, via Postumia nel 2020, il Cammino del Po nel 2021 e nello stesso anno in Valle D’Aosta per TOR in Gamba 330 chilomentri con 24mila metri di dislivelli. Nel 2022 l’Islanda in bici su un solo pedale.

Ti potrebbe interessare leggere anche: Panini al prosciutto. Storia di un’assassina: un noire accattivante

Se ti va lascia un like alla nostra pagina Facebook

Continue Reading

Entertainment

Splitgate, il battle squod per gli amanti degli sparatutto

Published

on

splitgate

Splitgate è un gioco futuristico per chi ama gli sparatutto con una grafica accattivante che vi rapirà per la sua giocabilità

Splitgate un gioco non molto conosciuto che si può scaricare da PC e da Xbox presente anche sulla piattaforma Steam. La competizione è il suo focus. Il gioco si basa su una grafica futuristica e accurata. Nel game oltre a sparare i nemici nella modalità che tutti conosciamo, possiamo anche aprire portali per continuare i duelli.

Il gioco è perfetto per tutti i tipi di PC ed è molto bello con tante mappe, personaggi e armi futuristiche infatti si tratta di un battle squod, vale a dire che tu e la tua squadra dovrete uccidere tutta la squadra nemica; però non vi preoccupate se morite: vi è sempre la possibilità di rinascere.

Le armi sono al plasma o a proiettili e ci sono i jet-pack per farvi volare. Per imparare a giocare ci vuole poco e nel caso trovate il tutorial per aiutarvi; per imparare ad usare portali per uccidere i nemici ci vuole un po’ di più: il tempo di capire quando bisogna utilizzare veramente un portale e quando non ne abbiamo necessità.

Splitgate a mio parere è molto carino soprattutto per chi ha iniziato a giocare dal pc. Un gioco direi rilassante per quando avete tempo. I round durano 5 minuti ed i personaggi sono favolosi perché fin dall’ inizio te ne danno uno bello esteticamente e usare i portali è stata una bellissima idea. Lo coniglio ai giovani ragazzi che piacciono gli sparatutto.

Se ti va lascia un like alla nostra pagina facebook

Ti piacerà di sicuro leggere anche questo altro mio pezzo: Marvel Snap, il gioco delle carte dei supereroi Marvel

Continue Reading

Entertainment

Panini al prosciutto. Storia di un’assassina: un noire accattivante

Published

on

Panini al prosciutto. Storia di una assassina

“Panini al prosciutto. Storia di una assassina” è un noir che cala il lettore nelle cause che hanno prodotto una assassina

Casa Editrice: Porto Seguro Editore
Collana: Black Magic
Genere: Romanzo noir
Pagine: 185
Prezzo: 15,00 €

“Panini al prosciutto. Storia di un’assassina” di Christian Cantelli Podestà è un romanzo noir caratterizzato da uno stile accattivante. Rapisce il lettore e non lo lascia più andare.

L’autore racconta una storia avvincente e drammatica, con protagonista una donna che subisce una vera e propria metamorfosi in negativo a causa del dolore che la vita le infligge.

L’opera, infatti, diventa quindi un’occasione per riflettere sull’origine del male. Ci spinge inoltre a riflettere su quelle figure considerate malvagie per natura. Molto spesso però è esistito un tempo in cui non lo erano, ma lo sono divenute a causa di eventi traumatici.

Non che si debba trovare una giustificazione al male, per carità, ma è opportuno anche pensare alle contingenze avverse, ai tiri mancini del destino, e alla fragilità dell’essere umano.

Caterina è una donna di mezza età che nel tempo ha visto svanire tutti i suoi sogni. Il lettore la incontra mentre passeggia tra la folla riunita sul molo turistico di Santa Monica, a Los Angeles.

«Era arrivata moltissimi anni prima, proprio su quel molo, da un paese lontano lontano, al di là di un altro mare, oltre il continente e ancora un altro continente, quasi per caso, in visita a dei parenti che da quelle parti avevano trovato fortuna, ma il destino l’aveva fatta rimanere, come nelle più belle storie, come nelle favole, era rimasta lì per amore; poi la vita era passata, l’aveva assorbita e, infine, consumata».

Caterina ha un chiosco di panini su quel molo. Un tempo lo gestiva col marito ma poco dopo il loro matrimonio e la nascita della loro bambina egli si è ammalato gravemente di una rara forma di patologia neuro-degenerativa. Da quel momento su di lei caricate tutte le responsabilità, perdendo luce e vitalità.

Quando una nuova tragedia si abbatte su di lei, per Caterina inizia una vertiginosa caduta nella follia e nella disperazione. Da un baratro tanto oscuro o non se ne esce più o si risale totalmente cambiati, come accade alla protagonista.

Christian Cantelli Podestà racconta una storia brutale, in cui Caterina trasforma la sua sofferenza e la sua rabbia in vendetta e in odio.

«Dentro quella donna il seme del male cresceva ogni giorno, senza che dall’esterno se ne potesse intuire la grandezza».

La sua scelta scioccherà il lettore. Caterina darà inizio a una spirale di violenza, insensata a uno sguardo esterno ma non ai suoi occhi, che vedono nel male una necessità per raggiungere un più alto e nobile scopo.

Link di vendita

Se ti va lascia un like alla nostra pagina facebook

Continue Reading

Entertainment

I am Music: iniziativa per la giornata contro la violenza sulle donne

Published

on

Un musical di I am Music per la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza conro le donne, questa l’iniziativa

“Bisogna imparare a saper voltare pagina perché Dio da sempre altre opportunità, quelle opportunità che ad Ornella Pinto e ad altre vittime come lei sono state negate”.

Per il 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la scuola di musica I AM MUSIC del maestro Maria Nasti a Chiaiano ha intrapreso un’iniziativa davvero commovente.

Nel teatro della scuola Maria Agostina di Mugnano, la maestra e i suoi alunni hanno realizzato un film musicale destinato alle famiglie e alle vittime di violenza. Hanno partecipato, infatti, Anna Cardone, Rita Esposito. Ancora, Mariagrazia Esposito, Gabriela Montuori, Salvatore Nisi e Roberta de Lorenzo. Ancora gli allievi Ludovica Tramaglino, Maria Pizzo, Serena Tanzillo, Noemi Giaccio, Merigiò Priscoe Dajana Giallucci

Durante le riprese hanno, infatti, tutti dato il massimo per trasmettere la loro vicinanza ed il loro supporto, invitando a non arrendersi mai e a trovare sempre il coraggio di denunciare e di raccontare.

Tutto è iniziato con i racconti vissuti dalle rappresentanti delle associazioni antiviolenza ‘Ciro Vive’ e ‘Doulos Servo’ di Scampia, rispettivamente Antonella Leardi e Dina Romeo. Poi ogni cantante ha provato ad immergersi in una delle tante storie e a renderla propria, affrontando un breve monologo recitato. Lo stesso poi accompagnato poi con una canzone che entrasse a pieno l’argomento. La scelta non poteva che ricadere sulle note di ‘Stay with me’ e ‘Gli uomini non cambiano’. Bellissime inoltre le coreografie danzate dalla maestra Anna Santagata, direttrice della scuola di danza ‘Fire of Dance’, che hanno reso tutto davvero emozionante.

Per realizzare questo progetto, molto importante l’aiuto fornito dai commercianti di Chiaiano, i quali si sono subito resi disponibili. Importante anche il sostegno dell’avvocato Giovanni Pagano, che si è mobilitato per mettere a disposizione il teatro ospitante.

Tante storie sono state raccontate. Ricordata in modo speciale quella scritta direttamente a nome di Stefania Pinto in ricordo della sorella Ornella. La manifestazione è terminata intondando ‘Ragione e Sentimento’ in un grande coro che ha lasciato un forte impatto.

L’obiettivo finale, quindi, quello di sensibilizzare e di diffondere attraverso la musica il messaggio che si può chiedere aiuto, e che tutti insieme possiamo porre fine alla violenza: come la citazione iniziale scritta da Stefania Pinto, ne riserviamo una di chiusura per riassumere a pieno il significato del progetto.

“Bisogna imparare a vivere autonomamente senza credere di dipendere, bisogna imparare ad essere felice”

Se ti va lascia un like alla nostra pagina Facebook

Continue Reading

Entertainment

“Atti mancanti”, una sceneggiatura di Francesco Amoruso

Published

on

Atti mancanti

Con “Atti mancanti” Frascesco Amoruso ha vinto la XXI edizione del Premio Massimo Troisi ex aequo con Francesvo Niglio

Casa editrice: Terebinto Edizioni
Genere: Teatro
Pagine: 80
Prezzo: 10 euro

Atti mancati è il lavoro con cui Francesco Amoruso ha vinto la XXI edizione del Premio Troisi come migliore sceneggiatura. Primo in ex equo con Francesco Niglio.

Si tratta di una sceneggiatura in tre Atti, definiti mancanti dallo stesso autore perché l’azione narrativa è abortita. Vi è infatti un filo evidenziato da seguere è tematico più che narrativo.

Il lettore si trova sulla scena dei personaggi che non concludono l’azione iniziata. Nel primo atto “Pezzente sagliute” è si svolge a Pompei, prima dell’eruzione del Vesuvio del 79 d.C..

Nel secondo atto “Attanti al lupo” il lettore si troverà davanti ad uno scrittore che parla ad uno se suoi personggi che però nongli risponde.

Con il terzo atto, infine, “Anima mia” l’autore ci catapulta in un posto dove luogo, spazio e tempo saranno rivelati solo alla fine.

Si tratta di un lavoro per il tearo in cui la la tematica centrale è l’impossibilità di raccontare senza cadere nella precarietà e nelle incongruenza dell’esistenza.

Nel testo, che ha la prefazione della prof. Scognamiglio, vi è un piccolo saggio sull’Io narrativo legato proprio alle vicende raccontate negli atti. Tutto per mettere in luce come esistenza e finzione si attocriglino sempre intorno alla penna di chi scrive.

Link di vendita

Continue Reading

Entertainment

Mostra dei Presepi a Casalnuovo: Al via la seconda edizione

Published

on

Mostre dei Presepi

Mostra dei Presepi a Casalnuovo: arte presepiale e arte sartoriale insieme per celebrare cultura, tradizione e bellezza

Casalnuovo di Napoli, 17 novembre 2022. Confermata, per l’Immacolata, la seconda edizione della “mostra dei presepi” al piccolo Museo Biblioteca Sociale Giacomo Leopardi di Casalnuovo di Napoli. La kermesse intitolata: “Arte Sartoriale e Arte Presepiale insieme”.

La mostra sarà visitabile gratuitamente da giovedì 8 a domenica 18 dicembre 2022dalle ore 10.00 alle ore 20.00. Per l’apertura della mostra, giovedì 8 dicembre 2022, è previsto il Concerto di Natale con le Go Sisters alle ore 11.00 e lo Spettacolo di Natale per i bambini alle ore 12.00. Ai visitatori saranno offerte caldarroste preparate all’istante.

Bottega Ferrigno, Genny Di Virgilio, F.lli Capuano, De Maria, Gambardella Mauro”. Queste le botteghe di San Gregorio Armeno che esporranno, più che statuette, vere e proprie opere d’arte. Esposte anche opere della Scarabattola Napoli, di Sergio Vitucci, che espone da anni al Castello di Limatola. Sarà presente e di Gianluca Rossi, che crea presepi dal tufo scolpito e li completa con pastori di Maria Ricciardelli.

Con la nuova edizione, riusciamo a coinvolgere attivamente, oltre che i più importanti maestri di arte presepiale delle celebri via dei presepi di Napoli, tanti amici del nostro territorio. Francesco Picciullo, per esempio, è maestro di arte presepiale che oggi espone le proprie opere stile ‘700 napoletano in tanti contesti, ma che vive proprio nella nostra città, Casalnuovo”. Lo ha dichiarato Giovanni Nappi, fondatore della Biblioteca Sociale e del piccolo Museo. 

Per omaggiare l’arte presepiale e l’arte sartoriale, saranno esposti esemplari di pastori in terracotta raffiguranti l’antico mestiere del “sarto”. Accompagnate con immagini riferite a sarti, sarte e ai principali e storici attrezzi del mestiere.

Presepi e pastori pregiati saranno, inoltre, esposti tra i “Ferri del Mestiere” dell’antico mestiere del sarto. Una collezione del museo che comprende forbici, aghi, ditali, ferri da stiro, macchine da cucire. Aattrezzi da sempre peculiarità della città di Casalnuovo di Napoli, definita da oltre mezzo secolo la Città dei Sarti).

Se ti va lascia un like alla nostra pagina facebook

Continue Reading

Trending

Punto! il Web Magazine


"Punto!" il Web Magazine è un giornale Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto e Carmine Sgariglia.

Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano.

Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011.


Direzione


Direttore Responsabile

Carmine Sgariglia

Direttore Editoriale

Vincenzo Perfetto


Copyright


Copyright © 2011 - 2022

Punto! il Web Magazine