Connect with us

News

Qualiano Acquedotti SCPA, revoca dr. Micillo finisce in tribunale

Published

on

Municipio con logo Acquedotti SCPA

L’ex Consigliere di Amministrazione per Qualiano in Acquedotti SCPA, si oppone alla revoca dell’incarico in favore di Nicola Licciardiello. Ecco le dichiarazioni

Il 14 agosto scorso raccontavamo la notizia della sostituzione di Pietro Micillo consigliere di Amministrazione nominato dal Comune di Qualiano in Acquedotti SCPA con Nicola Licciardiello e sembrava che l’avvicendamento fosse stato indolore, ma non è stato così.

Il Dr. Micillo, infatti, si oppose alla decisione del Primo cittadino ricorrendo in giudizio.

Abbiamo appreso la notizia dalla Delibera di Giunta numero 14 del 10 gennaio 2020 nella quale si delibera, tra l’altro, di resistere in giudizio contro Pietro Micillo.

Abbiamo contattato l’ex consigliere di Amministrazione che ha deciso di rispondere alle nostre domande.

«Sono stato nominato a rappresentare il Comune di Qualiano all’interno del Consiglio di Amministrazione di Acquedotti SCPA nel 2018 dall’allora Sindaco Ludovico De Luca».

Così ha esordito Micillo che ha proseguito: «La nomina a consigliere di amministrazione della Acquedotti fu dovuta al fatto che, essendo laureato in scienze giuridiche ed essendo in possesso di tutti i requisiti necessari, potevi ben rappresentare e tutelare il mio comune all’interno del suddetto consiglio di amministrazione. Tale carica – ha continuato – aveva scadenza nel 2021».

Nel frattempo però sono occorse le amministrative che hanno consegnato la guida della città di Qualiano ad una nuova maggioranza politica con al vertice il Sindaco De Leonardis. Ma Micillo subito tiene a precisare, spiegando: «La revoca non è avvenuta subito bensì a luglio 2019 ed io non ho ricevuto alcuna comunicazione dal Comune. L’ho saputo dall’Amministratore di Acquedotti SCPA attraverso una mia chiamata. Credo – prosegue ancora Micillo – che a nessuno faccia piacere scoprire che suo incarico sia revocato senza alcuna ragione o motivazione. Tutti però potrebbero presumere che mi sia stato tolto l’incarico per non aver svolto bene il compito affidatomi, arrecandomi un danno anche di immagine. Il tutto poi riportato anche sul giornale “Punto!” il quale giustamente ha messo al corrente l’intera popolazione qualianese sulla mia revoca. La cosa singolare che nonostante io sia fuori da Acquedotto SCPA, ricevo anche ancora il compenso».

È veramente singolare ricevere un compenso anche se non si fa più parte di una società, ma ancora Micillo ci risponde: «Posso pensare che forse sanno di aver fatto una cosa non dovuta ed hanno lasciato che io percepissi ancora il compenso. Ma non ho accettato la nomina per il compenso altrimenti, mi sarei fatto i fatti miei». Così ha concluso Pietro Micillo.

Abbiamo provveduto anche a contattare il Sindaco De Leonardis che ha dichiarato: «Nulla di straordinario la revoca fatta al dr. Micillo è avvenuto nell’ambito dei patti parasociali prima che fosse approvato il bilancio perché solo in quel momento può avvenire tale prassi. Ho nominato una persona di mia fiducia Nicola Licciardiello come spiegai nell’articolo uscito in agosto sul vostro giornale».

«Il dr. Micillo – ha proseguito De Leonardis – ha impugnato la vicenda davanti al Tribunale di Napoli – sezione Civile che ha rigettato il ricorso perché non era competente sul caso e quindi è stato portato tutto innanzi al Tribunale di Napoli – Sezione Imprese. La nostra delibera è un atto necessario per poter difenderci in giudizio. Il dr. Micillo chiede al Comune i compensi dal mese di Agosto 2019».

Attualmente il Comune di Qualiano è rappresentato nel Consiglio di Amministrazione di Acquedotti SCPA da Nicola Licciardiello, ma bisognerà attendere la sentenza del giudice per poter mettere fine a questa vicenda.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

News

Controlli agli ambulanti abusivi sulle spiagge di Barano d’Ischia e Sarrara Fontana

Published

on

Foto: Archivio

Controlli agli ambulanti abusivi sulle spiagge sull’Isola Verde. 5 le persone sanzionate. Ai multati anche l’ordine di allontanamento dall’isola

Controlli agli ambulanti abusivi. Commercio illegale sulla spiaggia dei Maronti e nel borgo di Sant’Angelo.

Diverse le persone che ogni giorno percorrono gli arenili proponendo, spesso con insistenza, prodotti ai turisti senza aver alcuna autorizzazione alla vendita.

Un’attività monitorata e punita dai carabinieri della stazione di Barano d’Ischia ed invocata dai tanti commercianti onesti dell’isola.

Cinque le sanzioni notificate ad altrettanti venditori abusivi di teli mare e costumi da bagno. Contestualmente, ai multati notificato l’ordine di allontanamento dall’isola.

I Carabinieri fanno sapere che i controlli continueranno anche nei prossimi giorni.

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Continue Reading

News

Oppone resistenza alla Polizia a Frattamaggiore, denunciato

Published

on

Oppone resistenza alla Polizia per evitare l’identificazione denunciato il titolare di una attività commerciale a Frattamaggiore

Oppone resistenza alla Polizia. È accaduto il 4 agosto scorso. Gli agenti del Commissariato di Frattamaggiore erano impegnati in un controllo del territorio, quando la centrale operativa ha disposto l’intervento in via Fiume per la segnalazione di una lite presso un negozio.

Giunti sul posto, una donna li avvicina raccontando loro della lite avvenuta poco prima con una dipendente del negozio. La lite era scaturita perché il figlio minore della donna accidentalmente aveva rotto una bonboniera.

I poliziotti hanno contattato il responsabile dell’attività commerciale il quale, più volte, ha rifiutato di fornire le generalità ai fini dell’identificazione. Gli agenti con difficoltà hanno accompagnato l’uomo presso gli uffici del Commissariato.

Hanno così denunciato un 22enne di origine cinese per resistenta a Pubblico Ufficiale e per non aver ottemperato all’ordine di esibizione del permesso di soggiorno o di altro documento di identificazione.

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Continue Reading

News

Nola, Tentato omicidio: arrestato 18enne, sferrò 5 coltellate

Published

on

Commissariato di Napoli - Archivio

Tentato omicidio a Nola, durante una lite futili motivi, l’indagato sferrò 5 colpi di fendente ad un coetaneo il 4 luglio 2022

Tentato omicidio a Nola avvenuto il 4 luglio 2022. il 6 agosto mattina il personale della Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari. Emessa dal GIP del Tribunale di Nola, su richiesta della Procura della Repubblica di Nola, ha permesso l’arresto di M. N. di 18anni. Il ragazzo è ritenuto dagli inquirenti gravemente indiziato del tentato omicidio di un suo coetano.

Il fatto è accaduto il 4 luglio 2022, quando l’indagato avrebbe litigato per futili motivi con un suo coetaneo. Qualche ora più tardi i giovani si sarebbero incotrati di nuovo e sarebbe nata una nuova colluttazione. Questa volta però, avrebbero partecipato anche altri ragazzi. Durante la colluttazione l’indagato avrebbe estratto un coltello a farfalla e avrebbe ferito al torace la vittima con cique colpi di fendente, per poi fuggire.

La vittima trasportata e ricoverata presso l’Ospedale Mondaldi di Napoli era ricoverata in prognosi riservata per “versamento pericardico pretamponante in seguito a lesioni multiple all’emitorace sinistro” . Il personale medico l’ha sottoposta ad un intevento chirugico e dimessa il 15 luglio 2022.

Visualizza articolo

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare, disposta in sede di indagini preliminari. Contro di essa sono ammesse impugnazioni. Il destinatario della stessa e persone sottoposta alle indagini e quindi presunta innocente fino a sentenza definitiva.

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Continue Reading

News

Arsenale informatico a Sant’Anastasia, denunciate 4 persone

Published

on

Arsenale informatico a Sant'Anastasia

Un vero e proprio arsenale informatico trovato in un seminterrato a Sant’Anastasia. Documenti falsi, anche SPID e SIM intestate a ignare persone

Arsenale informatico trovato a Sant’Anastasia. Tutto è partito da una segnalazione “riferiva” di persone sospette all’interno di un seminterrato di via Pomigliano a Sant’Anastasia. Quello che hanno trovato i Carabinieri della locale stazione, però, è forse è forse più di quanto si aspettassero.

Nel blitz – al quale hanno partecipato anche i carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna – i militari trovato un vero e proprio arsenle informatico. Nel seminterrato hanno sorpreso un 21 di Siracusa già noto alle forze dell’ordine e 3 incensurati di 27, 20 e 17 anni, residenti tra Portici ed Ercolano.

Arsenale informatico a Sant'Anastasia
Sim intestate ad altre persone

I militari hanno trovato 420 smartphone, 2.009 sim card di diversi gestori telefonici, 13 personal computer, alcuni dei quali accesi e connessi alla rete internet. Hanno rinvenuto ancora 54 carte di credito e debito, la somma contante di 2.280 euro, 7 patenti di guida contraffatte.

Non si ferma il conto dei documenti contraffatti perché i militari hanno trovato 6 codici fiscali, ovviamente falsi. Ancora 127 contratti per l’attivazione del sistema pubblico identificazione digitale SPID e documentazione relativa all’identità di inconsapevoli persone residenti su tutto il territorio nazionale.

Arsenale informatico a Sant'Anastasia
Smartphon collegati

Dai primi accertamenti dei Carabinieri – le indagini sono tuttora in corso – è emerso che i 4 ragazzi proponevano su un canale “Telegram” la vendita, con tanto di listino prezzi, di documenti di identità contraffatti e sim telefoniche intestate ad altri.

L’intera area adibita a centrale informatica è stata sequestrata. Denunciati i quattro uomini. Risponderanno di associazione a delinquere finalizzata alla produzione e vendita di documenti falsi.

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Continue Reading

News

Napoli Centro storico, entra in casa e tenta di rapinare una donna

Published

on

Foto archivio

Entra in casa di una donna nel Centro storico di Napoli e, brandendo un coltello, ha tentato di rapinarla. Arrestato un 32enne

Entra in casa e tenta di rapinare una donnao. È Accaduto ieri pomeriggio nel Centro Stoerico di Napoli in Vicoletto II Santa Maria a Cancello. Proprio lì la centrale operativa ha fatto intervenire una pattuglia dell’Ufficio Prevenzione Generale.

Quando i poliziotti sono giunti sul posto, hanno trovato due uomini. Uno di essi ha raccontato loro di come l’altro fosse entrato nell’appartamento della compagna e di come, brandendo un coltello, avesse tentato di rapinarla. La donna però era riuscita ad uscire dall’abitazione.

Proprio in quei frangenti il compagno – rientrando a casa – aveva notato la scena e aveva inseguito l’aggressore fermandolo.

Gli agenti lo hanno bloccato identificandolo per un 32enne di origini pakistane, con precedenti di polizia. Lo hanno così arrestato, mentre il coltello sequestrato. il 32enne dovrà rispondete di tentata rapina.

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Continue Reading

News

Insegue moglie fino ai Carabinieri di Ercolano, 40enne in manette

Published

on

Teneza Carabinieri di Ercolano - archivio

Insulta ed insegue la moglie fino alla Tenenza dei Carabinieri di Ercolano, li si scaglia anche contro i militari

Insulta ed insegue la moglie fino alla tenenza dei Carabinieri. Tutto è accaduto intorno alle 21. I militari sono in casa di una donna insultata dal marito in presenza dei due figlioletti. Non è la prima volta che accade ma la donna questa volta decide di denunciare il marito. Lascia così la casa e segue i Carabinieri in caserma. Il marito incredulo su quanto stesse accadente e raggiunge anche lui la teneneza.

Si attacca al citofono e quando riesce ad entrare tenta di venire in contatto con la vittima, continuando a minacciarla e ad insultarla. Non si ferma e in quei momenti concitati spinge con violenza anche i Carabinieri. Uno di loro riceve anche un calcio. Davanti a tale comportamente per lui sono scattate le manette.

L’arrestato, un 40enne di Ercolano già noto alle Forze dell’Ordine, ha trascorso la notte in camera di sicurezza in attesa di giudizio. Dovrà risposndere di maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale.

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2011 - 2022 | Punto! il Web Magazine | Privacy