Connect with us

Tech

Cos’è la scatola nera e perché è un’ottima soluzione per risparmiare sull’RC Auto

Published

on

Foto di Arek Socha da Pixabay

Vediamo uno strumento capace di monitorare i comportamenti e le abitudini dei guidatori al volante

La scatola nera è un’opzione fornita da diverse compagnie assicurative, capace di monitorare i comportamenti e le abitudini dei guidatori al volante e determinare le dinamiche di un incidente.

É una soluzione sempre più gettonata e apprezzata, poiché garantisce notevoli benefici sia agli assicurati sia alle stesse compagnie assicurative.

Attraverso l’installazione della scatola nera, gli assicurati possono accedere a sconti importanti, che generalmente arrivano al 10% ma che possono addirittura superare il 50% del premio assicurativo finale selezionando alcune opzioni aggiuntive.

Sull’altro versante, le compagnie assicurative possono monitorare, nel rispetto della privacy, i comportamenti degli automobilisti prevenendo frodi e truffe e premiando quelli più virtuosi al volante. Si innesca quindi un circolo virtuoso in cui tutti ci guadagnano, guidatori e compagnie assicurative.

Per valutare i benefici di questo servizio è sufficiente richiedere un calcolo assicurazione auto presso compagnie come UnipolSai, che mette a disposizione un Preventivatore online estremamente semplice e intuitivo da utilizzare.

Il gruppo assicurativo vanta numerose installazioni della Unibox, la scatola nera scelta da oltre 4 milioni di guidatori che consente anche la possibilità di pagare in base ai chilometri percorsi e di chiamare un carro attrezzi in caso di necessità.

 Una delle principali peculiarità della scatola nera è proprio quella di poter essere abbinata a diverse garanzie accessorie e opzioni aggiuntive, che si adattano perfettamente ai diversi stili di guida. Chi percorre pochi chilometri nel corso dell’anno può ad esempio abbinare la scatola nera a un’assicurazione chilometrica: il guidatore paga di meno e la compagnia assicurativa può monitorare l’effettivo chilometraggio dell’auto mettendosi al riparo da comportamenti fraudolenti.

La scatola nera funge da vero e proprio localizzatore satellitare GPS, fornendo una ampia serie di informazioni sulle abitudini e sui chilometri percorsi dall’assicurato. In questo modo la cosiddetta “black box” fornisce un utile servizio di assistenza stradale in caso di guasto o incidente, e rappresenta un valido alleato per le forze dell’ordine per localizzare l’auto in caso di furto.

La scatola nera viene spesso installata proprio in associazione con l’assicurazione “Furto e incendio” che risulta tra le garanzie più costose ma anche più utili.

In caso di incidente, il dispositivo è in grado di registrare diversi dati alla guida come i chilometri effettuati e la velocità di percorrenza, in modo da poter ricostruire in maniera fedele le dinamiche di un sinistro.

Le assicurazioni possono registrare in un database tutte le informazioni relative alle abitudini di un assicurato che, se segue uno stile di guida virtuoso e finalizzato ad evitare incidenti, può accedere a sconti molto importanti.

L’installazione della scatola nera generalmente è gratuita e viene eseguita presso un’officina convenzionata con la stessa compagnia assicurativa.

Nonostante i numerosi benefici, alcune persone hanno storto il naso soprattutto per quanto riguarda la questione relativa alla privacy. Per colmare questo vuoto legislativo è stata introdotta una normativa che consente all’assicurazione la raccolta dei dati solo per fini tariffari e per determinare l’eventuale responsabilità nei sinistri. L’assicurato può anche esprimere un consenso alla raccolta incrociati di dati che superi i limiti della normativa per ottenere servizi aggiuntivi e sconti maggiori.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tech

DevFest Napoli 2022: la tech-conference internazionale in città

Published

on

DevFest Napoli 2022

DevFest Napoli 2022, Gli organizzatori: “Il gioco inteso non solo come divertimento ma anche come apprendimento, inclusione, spirito di squadra, terapia e tanto altro ancora!”

DevFest Napoli 2022, la tech-conference che si tiene annualmente in tutto il mondo, organizzata dai vari Google Developer Groups su un tema ben preciso sbarca a Napoli. Un evento unico che si terrà sabato 26 novembre 2022.

La location si trova all’interno del co-working space di Re Work al Centro Direzionale di Napoli, all’interno dell’Isola E2 sita in viale della Costituzione, a partire dalle ore 10:00 fino alle 20:00.

L’iniziativa mira a creare un confronto costruttivo con tutti gli appassionati di tecnologie e sviluppo digitale.

“La mission di GDG Napoli quest’anno, è portare l’arte del Gioco, fisico e digitale, all’interno di un mondo che nonostante sia legato al Gaming, spesso e volentieri “GameDev” non è “un’etichetta” valida o comunque non è mai proposto.

Ne siamo un esempio proprio noi di GDG che tra i tantissimi topic (Mobile, Android, Cloud, Accessibility, Inclusion…) non abbiamo GameDev. È ora che le cose cambino!

Perché “il gioco” non è solo divertimento fine a sé stesso, è anche apprendimento, inclusione, spirito di squadra, terapia e tanto altro ancora!”- spiegano gli organizzatori dell’evento.

I Google Developer Groups sono community indipendenti supportate da Google Developers con l’obiettivo di promuovere nuove tecnologie riunendo studenti, appassionati, sviluppatori ed esperti del settore, realizzando eventi che possano accoglierli tutti per scambiare idee, opinioni, chiacchierare su temi di cui si hanno passioni in comune e fare “networking”.

Nel mondo ci sono circa 1000 Google Developer Groups in 140 paesi differenti. Alla base di ogni community GDG ci sono tre parole-chiave fondamentali: Connect, Learn e Grow.

Connect: perché l’obiettivo delle community è connettere le persone che hanno gli stessi interessi e le stesse passioni

Learn: gli eventi si tengono sempre con esperti del settore e delegati di aziende tech, quindi imparare qualcosa di nuovo è naturale!

Grow: indubbiamente quando impari qualcosa di nuovo, “si cresce”. Puoi farlo anche da solo, ma confrontandoti con persone che “ci sono già passate”, indubbiamente si cresce più in fretta.

Il Google Developer Groups di Napoli nasce con un obiettivo ben preciso: diventare un punto di riferimento per chiunque voglia condividere la propria esperienza e conoscenza in ambito tech. Che tu sia uno studente, un esperto del settore, un professionista, un freelance, un developer o un semplice curioso, GDG Napoli accoglie tutti, senza alcuna distinzione e senza “etichette”, sarai sempre il benvenuto!

Gli eventi ospitati dal GDG Napoli durante l’anno sono numerosi e puntano a diventare appuntamenti abituali e ricorrenti. Ad oggi, la community possiede circa 500 membri.

Organizzatori

Gli organizzatori principali dell’evento Napoli DevFest sono:

  • Alessio Romaniello 
  • Daniele Maisto
  • Sergio Caiazza
  • Stefano De Simone

Lo staff completo

Lo staff completo, invece, comprende anche:

  • Fabrizio Esposito
  • Domenico Pedata
  • Marta Ippolito
  • Paola Pellegrino
  • Amedeo Errico

Lineup DevFest Napoli 2022

  • 10:30 Pump it Up con Daniele Maisto (talk energico per dare la carica pre-evento)
  • 11:00 Welcome on Board – GDG Napoli Introduction con Alessio Romaniello
  • 12:00 Inside the Game! con Valerio Vitolo di Red Raion 
  • 13:30 Pausa Pranzo
  • 14:30 Networking
  • 15:00 Managing Unconscious Bias con Michela Bertaina di GrUSP
  • 16:00 Coffee Break & Dessert
  • 16:15 Game D&D (Design & Dev) con Mario Vitale
  • 17:00 World Building & StoryTelling con Carlo Di Gennaro
  • 18:00 Soundtrack – Music Design con Luca Ventimiglia
  • 19:00 Live Quiz – Relax – Networking e Saluti finali

Ticket

L’evento è completamente gratuito, perché riteniamo che il sapere sia un diritto di tutti. Però è importante registrarsi sulla piattaforma Google Developer Groups perché abbiamo un numero limitato di posti. (https://gdg.community.dev/events/details/google-gdg-napoli-presents-gdg-napoli-devfest-2022/)

Prossimi eventi

Dal prossimo anno (2023) GDG Napoli organizzerà un evento ogni due mesi concentrandosi ogni volta su un tema differente (CyberSec, Mobile Dev, Accessibility & Inclusion, Cloud Platform, ecc…) oltre agli eventi con cadenza annuale, cioè: 

Google Hash Code (Hackathon che si tiene a fine Febbraio in contemporanea mondiale, nel quale i partecipanti divisi in team da massimo 4 persone cercheranno di risolvere un problema di vita reale assegnato in diretta su Youtube da Google stessa. I team che riusciranno ad entrare nella Top 100 disputeranno la finale a Dublino)

Google I/O Extended (A Maggio Google tiene l’I/O, evento nel quale rilascia tutte le novità dell’anno, a partire dalla nuova versione di Android fino ai nuovi device. A Napoli si tiene I/O Extended, una versione “estesa” nella quale discuteremo insieme delle nuove tecnologie introdotte e faremo tante attività legate ad esse).

Se ti va lascia un like alla nostra pagina Facebook

Continue Reading

Tech

Marvel Snap, il gioco delle carte dei supereroi Marvel

Published

on

marvel snap

Marverl Snap è un gioco per gli appassionati di carte digitali da collezionare e migliorare sbloccando delle features

Oggi parleremo di Marvel Snap un gioco molto interessante per le persone che amano le carte e la Marvel. Ci sono tutti ma dico tutti i personaggi della Marvel. Comprese le varianti come quella di Iron Man o quella di Hulk: di tutto e di più!

Le varianti sono davvero tantissime: ad esempio ogni giorno ne mettono almeno sei con un un negozio dove puoi avanzare di cornice le tue carte partendo da comune, non comune fino a rara ed epica. Ma torniamo alle varianti che sono le più belle e divertenti di questo gioco: sono anche pixellate come quella di Iron Man Shocker poi a quelle realistiche come Jessica Jones.

Le varianti però costano e bisogna spendere soldi, quindi vi consiglio di trovarne una in un pacchetto. Comunque, tutti i personaggi sono più di cento e sono tutti firmati Marvel. La cosa molto eccitante in questo gioco e che vi spinge ad appassionarvi è che puoi collezionare molti personaggi. Nel mio caso ho sbloccato Odino dal Pass che non è stagionale ma è un Pass che ad ogni vittoria ti dà delle tipologie di stelle che puoi usare per sbloccare altri premi speciali.

Come dei pacchi che fanno uscire varianti o dove fa uscire personaggi o crediti. Le carte migliorate possono diventare 3D e dopo possono anche muoversi. Il mio Hulk che si muove ed è 3D possiede ad esempio la cornice epica.

La mia valutazione su questo gioco è che è carino e per gli appassionati Marvel anche se le varianti a mio parere non dovrebbero costare così tanto. Ma per i personaggi 3D e che si muovono e la possibilità di migliorarli è molto divertente: ve lo consiglio tantissimo!

Vi consiglio di leggere anche: Rumbleverse il gioco battle royale che sta conquistando i gamers.

Se ti va lascia un like alla nostra pagina facebook

Continue Reading

Tech

Ridurre i consumi isolando i tubi del riscaldamento: vediamo come

Published

on

Ridurre i consumi isolando i tubi
Foto di Gelly___ da Pixabay

Ridurre i consumi isolando i tubi del riscaldamento, presentiamo una delle soluzioni che potrebbero portare ad alleggerire la bolletta

Ridurre i consumi isolando i tubi del riscaldamento. L’aumento dei prezzi delle materie prime ha inciso negativamente sulle bollette e sulle tasche degli italiani.

A questo aspetto, già di per sé negativo, si deve aggiungere la scarsità delle riserve di gas naturale. Tale circostanza ha già fatto sentire il suo peso attraverso il provvedimento preso dal governo riguardante la riduzione degli orari di accensione del riscaldamento.

Questi due aspetti, uniti al rispetto per l’ambiente, spingono a una ricerca continua di soluzioni che aiutino a ridurre i consumi. Tra i tanti, uno dei più efficaci in vista dell’arrivo della stagione fredda è l’isolamento dei tubi dell’acqua calda e del riscaldamento.

La soluzione che vi presentiamo in questo articolo può aiutare chi ha una caldaia esterna e, di conseguenza, tubi esposti, a mantenere l’acqua che li percorre un po’ più calda. Ciò avviene riducendo la dispersione termica e, di conseguenza, abbattendo i consumi e i costi in bolletta. L’isolamento dei tubi aiuta inoltre a ridurre la formazione di condensa quando fa caldo, riducendo il rischio di ritrovarsi con pareti e pavimento ricoperti da macchie di umidità.

Isolare i tubi: come si fa

Per isolare i tubi e proteggerli dal freddo è possibile ricorrere a due soluzioni: rivolgersi a un professionista oppure ricorrere al fai da te.

La prima soluzione, più professionale e certo più dispendiosa, è perfetta per chi desidera un lavoro ben rifinito e di lunga durata. Chi ha una buona manualità e desidera proteggere i tubi rapidamente, può invece provare a ricorrere al fai da te.

I materiali necessari sono pochi e facilmente reperibili. A seconda del tipo di lavoro che si desidera effettuare, si potrà optare per l’acquisto di coppelle flessibili in spugna e tubi in poliuretano espanso rigidi, oppure di pannelli termoriflettenti.

In ambedue i casi non dovranno mancare strumenti per tagliare e abbondante scotch isolante acquistabili su siti specializzati.

Isolare i tubi con la spugna e il poliuretano espanso

Le coppelle e i tubi di poliuretano presentano un’apertura per lungo, la quale facilita l’inserimento attorno ai tubi. Per chiudere questa apertura, si potrà utilizzare del nastro isolante termico, il quale risulterà utile anche per completare la protezione degli angoli.

Questi richiedono infatti un lavoro un po’ più lungo. Nel caso in cui si utilizzassero i tubi morbidi, sarebbe sufficiente effettuare due tagli a V per facilitare la curvatura; i tubi rigidi richiedono invece un taglio di 45° e l’aggiunta di un pezzo di tubo per riparare la parte esterna dell’angolo. È qui che entra nuovamente in gioco il nastro isolante, il quale aiuterà a chiudere tutte le aperture.

Usare il pannello termoriflettente per ridurre la dispersione di calore

Per proteggere le tubature con il pannello termoriflettente, sarà necessario tagliare il pezzo che serve, posizionarlo sul tubo, mantenendo il lato termoriflettente a contatto con la superficie da proteggere. Necessario fare almeno due o tre giri al fine di aumentare lo spessore.

A questo punto, è necessario avvolgere l’intera superficie con lo scotch. Per aumentare la resistenza, è preferibile ricorrere a un nastro isolante impermeabile, professionale e resistente.

Se ti va lascia un like alla nostra pagina facebook

Continue Reading

Tech

Cos’è e come funziona Keepa

Published

on

Cos’è e come funziona Keepa
Foto dal Web

Cos’è e come funziona Keepa. La piattaforma che permette di cercare un singolo prodotto e seguirne l’andamento del prezzo nel tempo

Cos’è e come funziona Keepa. Oggi vedremo cosa è e come funziona il programma che ci permette di risparmiare sui nostri acquisti online.

Keepa è una piattaforma gratuita dove è possibile analizzare uno o più prodotti in termini di storico dei prezzi. Il programma ci permette di tracciare in modo gratuito un prodotto e capire qual è il prezzo di quest’ultimo nelle ultime settimane, mesi o addirittura anni su Amazon. Cosa molto utile visto l’avvicinarsi del black friday (venerdì 25 novembre).

Grafico Keepa

Grazie a alla piattaforma di tracciamento dei prezzi potremmo scoprire se il prodotto a cui siamo interessati sia realmente in sconto oppure no, visto che molti commercianti con l’arrivo del black friday applicano “sconti fasulli”.

Per iniziare ad usare il programma basta installare estensioni per browser che funzionano anche da mobile (android e iphone, in particolare quella per Firefox). Queste mostreranno il grafico del prodotto direttamente in Amazon.

Se ti va lascia un like alla nostra pagina facebook

Continue Reading

Tech

Ripristinato WhatsApp: possibile inviare e ricevere messaggi

Published

on

Ripristinato whatsapp

Ripristinato il funzionamento dell’app di Meta, WhatsApp. Di nuovo possibile inviare e ricevere messaggi.

Ripristinato il funzionametno dell’app di messaggistica WhatsApp. Di nuovo possibile quindi ricevere ed inviare messaggi dall’app di Meta.

Il servizio di messaggistica aveva smesso di funzionare questa mattina alle 8:30 circa e il problema sembrava essere non solo italiano, ma si verificava anche in altre nazioni. Su twitter, infatti, l’hashtag #whatsappdown ha raggiunto oltre 600mila tweet da diversi paesi del mondo.

Un’altro malfunzionamento simile si verifico il 4 ottobre del 2021, ma in quell’episodio erano fuori uso tutte i servizi come facebook e instagram compresi.

Adesso l’app sembra funzionare di nuovo bene. Non si sono verificati problemi per le altre app di meta come facebook e instagram.

Se ti va lascia un like alla nostra pagina facebook

Continue Reading

Tech

Eclissi solare oggi 25 ottobre, ecco come e dove vederla

Published

on

Eclissi solare

Oggi 25 ottobre 2022 tutti pronti per l’eclissi solare la quale sarà visibile anche dall’Italia

Oggi 25 ottobre il cielo darà spettacolo, è prevista in giornata una eclisse parziale di Sole che potrà essere vista dall’Italia.

Come riporta ilrestodelcarlino.it, l’astrofisico Romano Serra ha spiegato che: “Dalla Terra vedremo che il Sole non sarà completamente oscurato.  A Bologna sarà oscurato poco meno del 20%, una frazione piccola ma comunque sufficiente per osservare il fenomeno in modo evidente”.

L’eclisse inizierà verso le 11 e 20 e avrà il suo massimo circa un’ora dopo e terminerà alle 13 e 15 circa. A Bologna e provincia il punto massimo si avrà verso le 13. Quindi si potrà osservare il fenomeno nelle migliori condizioni di visibilità.

Per osservare l’’eclisse, come è ben noto, bisognerà far attenzione alla osservazione diretta del Sole per evitare danni permanenti agli occhi. Per non avere problemi sono da evitare filtri ‘fai da te’ come vecchie pellicole, vetri affumicati o normali occhiali da sole. Bisogna invece dotarsi di occhiali con filtri solari specifici reperibili online o da ottici e negozi specializzati, fino agli occhiali da saldatore dal ferramenta, e ai filtri in mylar venduti in fogli da ritagliare a piacimento. Oppure, si potrà osservare il fenomeno proiettando l’immagine su di una superfice.

Se ti va lascia un like alla nostra pagina facebook

Continue Reading

Trending

Punto! il Web Magazine


"Punto!" il Web Magazine è un giornale Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto e Carmine Sgariglia.

Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano.

Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011.


Direzione


Direttore Responsabile

Carmine Sgariglia

Direttore Editoriale

Vincenzo Perfetto


Copyright


Copyright © 2011 - 2022

Punto! il Web Magazine