Quantcast
Connettiti con noi

Entertainment

Paestum: inaugurata “Magma”, mostra Alimentare Gastronomica della Mozzarella e dell’Agricoltura

Pubblicato

il

magma
foto da nota stampa

Paestum: inaugurata “Magma”, mostra Alimentare Gastronomica della Mozzarella e dell’Agricoltura, per simboleggiare il talento di artigiani

Taglio del nastro venerdì 5 aprile alle ore 10:00 per la prima edizione del MAGMA, la Mostra Alimentare Gastronomica della Mozzarella e dell’Agricoltura. Un titolo evocativo, a simboleggiare la grande energia magmatica creativa ed il talento degli artigiani e delle produzioni d’eccellenza del Sud.

Apre così le sue porte il grande Expo che vede protagonista indiscussa l’eccellenza del Made in Italy, dalla mozzarella e da altri prodotti di origine casearia alla zootecnia e all’agricoltura.

Pubblicità

È stato presentato in conferenza stampa, presso la BCC Banca di Credito Cooperativo di Capaccio Paestum e Serino, il programma della tre giorni di esposizioni, talk, gastronomia e street food contadino, show cooking, eventi collaterali, degustazioni con chef e momenti di formazione per il grande salone fieristico-espositivo in programma a Capaccio Paestum, dal 5 al 7 aprile 2024, presso il Next (Ex Tabacchificio – via Cafasso 21), con ingresso libero.

Promozione, tutela e valorizzazione delle filiere Made in Italy sono le finalità prioritarie dell’Expo, che si propone come contenitore multidisciplinare di eventi per le aziende e i consumatori finali, sempre più interessati alla qualità delle materie prime e alla tracciabilità dei prodotti.

Un’idea visionaria che intende ripercorrere tutte le fasi della produzione del sistema caseario-agricolo, dal campo alla tavola e alla ricerca scientifico-sperimentale, passando attraverso le grandi innovazioni tecnologiche per garantire sostenibilità agricola ed evoluzione di un settore trainante per il Pil del Mezzogiorno.

Pubblicità

«Qualità e non quantità: è questa la filosofia con cui nasce MAGMA, che si propone l’obiettivo ambizioso di imporsi come Salone di riferimento delle eccellenze del made in Italy, ma soprattutto del Made in Sud – esordisce Donato Alfani, giornalista, ideatore e project manager dell’Expo. In Italia meridionale va a colmare una mancanza. Il punto di forza è riuscire a creare una rete tra tutti i protagonisti. Non sarà solo un evento B2B (business to business) per gli operatori del settore e addetti ai lavori che avranno l’opportunità di incontrarsi e confrontarsi, ma anche i consumatori finali avranno l’occasione di un contatto diretto con le aziende, per toccare con mano e degustare.

Il Salone non è solo un evento espositivo, ma inclusivo e partecipativo. Elemento cardine è l’insieme dei contenuti preparati, con numerose sessioni formative di grandissimo valore nelle filiere dell’agricoltura, della gastronomia e della mozzarella. In mostra anche case history, talk dedicati ai professionisti del settore, ma anche diversi show cooking con l’intervento della Federazione Italiana Cuochi e dell’Unione Regionale Cuochi della Campania, con un ringraziamento speciale al presidente regionale Prof. Luigi Vitiello e al presidente provinciale di Salerno Prof. Luigi Di Ruocco, ma anche con la collaborazione delle federazioni regionali e provinciali. Invitiamo tutti al Magma venerdì, sabato e domenica, perché saranno tre giorni belli e intensi. Una grande occasione di aggregazione e networking, di trasferimento di esperienze e condivisione di emozioni che solo la convivialità può stimolare, oltre a rappresentare una spinta per accelerare l’internazionalizzazione delle produzioni».

Sostenibilità è il comune denominatore dei talk che si alterneranno ogni giorno dalle ore 10 del mattino alle 18 di sera, con la partecipazione di associazioni di categorie, enti, istituzioni e docenti universitari, con diversi panel dedicati agli allevamenti, alla difesa della biodiversità, la promozione della sicurezza alimentare e il contrasto alle sofisticazioni. E ancora produzioni di colture foraggere, sistemi digitali e gestione agronomica dei reflui con l’intervento del dipartimento di Agraria dell’Università di Salerno.

Pubblicità

Ampio spazio a turismo enogastronomico e alla progettazione di esperienze turistiche che veicolino l’identità dei luoghi, oltre a numerose session sull’evoluzione del mercato del lavoro in agricoltura e le nuove linee di finanziamento e di investimento. Uno storytelling che si muove anche attraverso la letteratura, con la presentazione del libro “Storia della Mozzarella di Bufala. L’oro bianco della Campania Felix” a cura di Pasquale Iorio.

«Siamo orgogliosi di essere al fianco della prima edizione di MAGMA – afferma il Direttore della BCC Capaccio Paestum e Serino, Giancarlo Manzi. Una bella iniziativa che si propone di valorizzare le eccellenze della Campania, ma soprattutto della Piana del Sele. La sostenibilità è un tema molto attuale. Il nome Magma richiama il concetto di mettere insieme. È un’idea che piace, in linea con la visione di una banca di territorio. Speriamo che questa collaborazione possa proseguire nel corso del tempo per nell’interesse della nostra terra e della nostra classe imprenditoriale».

In occasione della presentazione di MAGMA, la BCC ha anticipato un importante progetto pluriennale: «In questo primo anno abbiamo avviato uno studio sulla filiera della quarta gamma, in termini di sostenibilità ambientale. Abbiamo sostenuto e finanziato un programma con la Fondazione Symbola per studiare la filiera della zootecnia. Con Magma parliamo della mozzarella, che è il tema che affronteremo il prossimo anno, proprio per dare un contributo agli imprenditori agricoli. Gli allevatori e gli agricoltori di ieri oggi diventano impresa: è indispensabile prevedere investimenti mirati per ottenere sempre più prodotti di qualità, perché è questo che farà la differenza per le nostre comunità. Ci impegniamo per sostenere le nuove iniziative e le nuove generazioni. Creare una nuova classe imprenditoriale significa investire sui giovani».

Pubblicità

MAGMA gode delle partnership di Confagricoltura, Palumbo & Partners Adv, Federazione Italiana Cuochi e Unione Regionale Cuochi della Campania, vantando inoltre collaborazioni di rilievo anche con diverse Associazioni di Categoria, Ordini Professionali, Istituti di Ricerca, Università ed Enti Istituzionali.

Se ti va lascia un like su Facebook, seguici su X e Instagram

Pubblicità