Quantcast
Connettiti con noi

Sports

Gp Arabia Saudita: Vince Verstappen, davanti a Perez. Terzo Leclerc

Pubblicato

il

Il Gp dell’Arabia Saudita conferma la Red Bull come la vettura più veloce e quella da Battere. Splendido settimo posto per Bearman

Il Gp dell’Arabia Saudita, la seconda gara stagionale, conferma quelle che erano le premesse. La Red Bull è la monoposto più veloce di questo inizio di stagione, non soltanto con Verstappen che vince anche in Arabia Saudita ma anche con Perez che termina al secondo posto nonostante 5 secondi di penalita.

Ottimo terzo posto per Leclerc al primo podio stagionale. Partenza che regala le solite emozioni con Leclerc costretto a difendersi da Perez e con Verstappen che scappa subito via.

Nelle retrovie si registra il primo ritiro, quello di Gasly per problemi al cambio della sua Alpine. Quarto giro Perez supera Leclerc e si porta al secondo posto.

In mezzo al gruppo lotta accesa per la zona punti ed al giro 7, Stroll finisce a muro con la sua Aston Martin e costringe i commissari a far entrare la Safety car.

I piloti approfittano di questa cosa per entrare ai box e montare gomme hard, tutti entrano tranne Hamilton, Norris, Hulkemberg e Zhou, scelta che si dimostrerà errata ai fini della gara.

Grazie alla safety car, Norris si ritrova alla ripartenza al comando ma è una prima posizione che perderà al giro 13.

Intanto Perez, nello stesso giro di Verstappen, supera Hamilton per portarsi al terzo posto, stessa cosa fa Leclerc al giro 15 salendo al quarto posto provvisorio. Nel caos della prima sosta, Perez e Magnussen ricevono delle penalità che sconteranno a fine gara.

Al giro 18 Perez supera Norris e si porta al secondo posto, cosa che al giro 21 fa anche Leclerc portandosi al terzo posto.

Al giro 39 terminano le soste per tutti ed inizia una corsa nella corsa. Norris ed Hamilton, con gomme rosse, le più veloci, entrano all’ottavo ed al nono posto, dietro al pilota della Ferrari Bearman.

11 giri al cardiopalma per il pilota più giovane di sempre a salire su una Ferrari. Il pilota britannico, dimostra di avere personalità e grande passo.

Riesce a mantenere il settimo posto guidando come un veterano, su un circuito semicittadino e migliorando giro dopo giro i propri tempi. Il settimo posto gli vale il premio come miglior pilota di giornata.

Quarto posto termina un ottimo Piastri seguito da Alonso e Russel. Completano la zona punti Hulkemberg decimo dietro appunto ad Hamilton nono e Norris ottavo.

Una nota di cronaca, merita l’ultimo giro di Leclerc, quello più veloce che gli vale il punto addizionale.

La formula uno si ferma per due settimane, per scendere in pista in Australia, il prossimo 26 marzo.

Trending