Quantcast
Connettiti con noi

Entertainment

Neapolis Persia: viaggio di storie e culture tra Oriente e Occidente, al via la Seconda Edizione

Pubblicato

il

Neapolis Persia
foto da nota stampa

Neapolis Persia: viaggio di storie e culture tra Oriente e Occidente, al via la Seconda Edizione al centro direzionale di Napoli in via Giovanni Porzio 4 dal’8 al 17 dicembre

Neapolis Persia, il programma di proiezioni cinematografiche dedicato al cinema persiano, fa ritorno a Napoli per la sua seconda edizione. Anche quest’anno, la rassegna è curata dall’Associazione napoletana C4C. Gli appuntamenti avranno luogo presso Area35, situata in via Giovanni Porzio 4 – Centro Direzionale Napoli, con ingresso libero per tutti gli appassionati di cinema, cultura e arte.

L’evento, incluso nel cartellone degli eventi “Altri Natali” – la cultura è plurale, è realizzato con il finanziamento della Città Metropolitana di Napoli e del Comune di Napoli. Sarà arricchito dalla partecipazione di realtà culturali che sostengono l’iniziativa, tra cui Kaos48, I-noor e i giovani dei Leo Club Pompei.

NeapolisPersia si propone come un’agorà per stimolare riflessioni e dibattiti sulla quotidianità del mondo persiano e mediorientale. Quest’anno, grazie al lavoro di Andrea Valentino ed Annalisa Ciaramella, con la preziosa collaborazione del Nostalgia Film Festival, la rassegna propone un programma eterogeneo. Saranno presentati film come “Kak Iraj” di Jamshid Farajvan, che narra la vita da eremita moderno, il fantastico mondo di Elika Mehranpoor con il suo splendido “Goli’s Greatest Adventure“, le vicende della squadra di futsal femminile nel documentario “Malek’s Girls”, e il racconto di dieci donne nel film “Così rimarrò una donna” di Mahya Rastegard. Questi film permetteranno lo sviluppo di dibattiti con ospiti sempre diversi, tra cui Gino Aveta (autore RAI), la scultrice Neda Shafiee, lo scrittore Luca Delgado e il regista Amir Kaveh, oltre ad altri.

La serata del 16 dicembre sarà dedicata a “Nargesi”, un film pluripremiato che racconta la quotidianità di un uomo affetto da sindrome di Down. A chiudere la rassegna dei film iraniani, il 17 dicembre sarà proiettato “Don’t Breathe” di Milad Nasim Sobhan, storia di trafficanti di uomini.

La rassegna si articola in 6 serate a partire dall’8 dicembre, con l’inaugurazione della mostra fotografica della performer Leila Rahimian, con il contributo straordinario delle fotografie di Eliana Prada, oltre ad uno splendido racconto fotografico di Mahya Rastegard. Inoltre, quest’anno, Neapolis Persia prevede anche la proiezione di due film italiani: “Se mi uccidi…poi a chi picchi?” di Corrado Ardone con Rosalia Porcaro ed il compianto Antonio Pennarella, e “Rumore – Human Vibes“, un toccante documentario di Simona Cocozza prodotto tra gli altri da Amnesty International Italia.

nota stampa

Se ti va lascia un like su Facebook, seguici su X Instagram

Trending