Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Medico preso a pugni al pronto soccorso a Frattamaggiore

Pubblicato

il

medico preso a pugni al pronto soccorso

Medico preso a pugni al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore: arrestato il paziente

Medico preso a pugni al pronto soccorso. L’ennesima violenta aggressione nei confronti del personale medico. Accade ovunque in ogni presidio sanitario dalla guardia medica ai pronto soccorso, passando per gli studi di medicina generale. Una triste consuetudine vigliacca che va stroncata. Questa volte a farne le spese un medico 67enne in servizio presso il pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore.

A commettere l’aggressione un paziente appena visitato sul quale il medico non ha riscontrato criticità da ricovero. Quando il sanitario ha comunicato al paziente che non era necessario il ricovero, quest’ultimo di pronta risposta ha sferrato un pugno alla tempia del medico.

A quanto riporta l‘ANSA, le forze dell’ordine hanno arrestato l’aggressore e saranno acquisite le immagini del sistema di videosorveglianza.

Il medico non ha riportato gravi consegueze. Si tratta del dottor Giovanni Toscano, fratello del professore Marcello Toscano, ucciso da un collaboratore scolastico (condannato qualche giorno fa) scolastico, nella scuola Marino Guarano di Melito di Napoli, il 27 settembre scorso.

“I medici del pronto soccorso devono essere tutelati è necessario predisporre un presidio permanente delle forze dell’ordine, soprattutto di notte”. Ha detto il dottor Toscano all’ANSA.

“È il mio lavoro, un lavoro che mi piace e voglio continuare a svolgerlo – ha proseguito il dottor Toscano – ma vorrei anche che ci fosse qualcuno a tutelare la mia incolumità”.

“Mi ha minacciato mi ha detto che mi avrebbe colpito con una sedia se non l’avessi ricoverato, e quando gli ho detto che i posti letto servivano a chi non stava veramente bene mi ha colpito con un pugno alla tempia. Credo stesse solo cercando un posto dove passare la notte”. Ha così raccontato all’ANSA

Trending