Connect with us

Politica

Pozzuoli, al via la seconda fase del Reddito di Cittadinanza

Published

on

palazzo migliaresi pozzuoli

Caso e Critelli: L’amministrazione di Pozzuoli si attivi per i progetti di pubblica utilità.

Pozzuoli – Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (Serie Generale n.5 del 08-01-2020) del decreto attuativo (22 ottobre 2019) del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali “Definizione, forme, caratteristiche e modalità di attuazione dei Progetti Utili alla Collettività (PUC)”, è ufficialmente partita la “seconda fase” del “reddito di cittadinanza”.

I Comuni, in forma singola o associata, anche in collaborazione con soggetti del Terzo Settore e/o altri Enti Pubblici, sono dunque chiamati a predisporre ed attuare progetti nei quali impegnare, per 8 ore settimanali, i percettori del reddito (con le eccezioni previste dalla legge).

Gli ambiti operativi sono 6: culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni. Il “principio cardine dei PUC è che le attività previste nell’ambito dei progetti non sono in alcun modo assimilabili ad attività di lavoro subordinato o parasubordinato o autonomo”.

Inoltre, i progetti dovranno essere individuati a partire dai bisogni e dalle esigenze della comunità, tenuto conto anche delle opportunità che le risposte a tali bisogni offrono in termini di “arricchimento” delle persone coinvolte. I progetti quindi devono intendersi complementari, a supporto e integrazione rispetto a quelle ordinariamente svolte dai Comuni e dagli enti pubblici coinvolti.

«Finalmente è partita la “seconda fase” del “reddito di cittadinanza”. È assolutamente necessario fare presto e bene – dichiarano i due consiglieri del M5S di Pozzuoli, Antonio Caso e Domenico Critelli – I Progetti utili alla Collettività possono rappresentare una grandissima opportunità sia per il nostro Ente, al fine di potenziare e migliorare i servizi forniti alla cittadinanza, sia per chi riceve il “sussidio”, che potrà arricchire le proprie esperienze attraverso le attività in cui saranno impegnati, oltre che dare il proprio apporto alla collettività. Abbiamo pertanto richiesto una discussione urgente in Commissione, convocando l’Assessore e la Dirigente alle Risorse Umane, per capire quali passi siano stati fatti finora e per programmare quelli futuri. Abbiamo già in mente alcune idee, in diversi ambiti, su cui confrontarci. Speriamo vi sia la stessa volontà da parte della maggioranza.»

Nota stampa M5S Pozzuoli

Continue Reading
Advertisement

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Meloni: “Faremo le barricate per impedire l’ennesimo inciucio sulla pelle degli italiani”

Published

on

Meloni - Renzi
Meloni - Renzi

Meloni: “Sembra ieri che doveva lasciare la politica… ora annuncia addirittura che se dovesse cadere il governo […] si formerà un altro governo di palazzo”

Ieri pomeriggio con un post Facebook Giorgia Meloni ha espresso un suo pensiero sulle dichiarazioni rilasciate da Renzi riguardanti il governo.

Questo è quanto scritto dalla Meloni su Facebook: “Sembra ieri che doveva lasciare la politica… ora annuncia addirittura che se dovesse cadere il governo Conte bis si formerà un altro governo di palazzo. Faremo le barricate per impedire l’ennesimo inciucio sulla pelle degli italiani e per ridare ai cittadini la possibilità di esercitare la loro sovranità tornando alle urne.”

Sembra ieri che doveva lasciare la politica… ora annuncia addirittura che se dovesse cadere il governo Conte bis si…

Pubblicato da Giorgia Meloni su Martedì 18 febbraio 2020

Continue Reading

Politica

Sarnataro: Fantasia mia uscita dal PD per una lista civica

Published

on

Sindaco Sarnataro - Foto Repertorio

Il Sindaco di Mugnano Sarnataro smentisce le notizia in merito al suo passaggio ad una lista civica.

MUGNANO – “Smentisco categoricamente quanto affermato da alcuni organi di stampa, evidentemente poco o male informati, circa una mia imminente uscita dal Partito Democratico a favore di una lista civica.

Si tratta di pura fantasia: il Pd è il partito con cui mi sono candidato, ho vinto le elezioni e con cui ho governato questa città per 5 anni.

Dopo aver dato la disponibilità alla mia ricandidatura, si è aperta una discussione all’interno del partito e si stanno portando avanti diversi ragionamenti.

In tal senso io, insieme alla maggior parte del direttivo e dei consiglieri comunali del Pd, abbiamo protocollato un documento alla segretaria, con il solo scopo di coadiuvarla in questa fase, nel quale chiediamo la nomina di un gruppo di lavoro per redigere il nuovo programma elettorale, la nomina di una delegazione trattante autorevole e rappresentativa con le altre forze politiche del territorio e la nomina di un gruppo che lavori ai futuri candidati alla carica di consigliere comunale.

Questo è quanto sta avvenendo, il resto è solo fantasia o fango gettato al solo scopo di destabilizzare un gruppo che,a mio avviso, avrebbe il dovere di ripartire dall’esperienza di buon governo che ho avuto l’onore e l’onere di guidare”.

Nota stampa Comune di Mugnano

Continue Reading

Politica

Brambilla: “Mai accetterei un’investitura senza passare dalla votazione”

Published

on

Matteo Brambilla Movimento 5 Stelle
Foto Archivio

Ecco il commento del Consigliere Comunale di Napoli Matteo Brambilla

Dopo il video pubblicato ieri dalla consigliera regionale del M5S Valeria Ciarambino, non sono mancate risposte.

Il consigliere comunale di Napoli Matteo Brambilla tramite un post Facebook ha espresso la sua idea su quanto detto dalla Ciarambino.

“Ho pensato a lungo, oggi, se scrivere o meno questo post, ma poi ho deciso, come sempre, di dire la mia e non sottrarmi.
Nel 2006 quando iniziai a frequentare il meetup, e parallelamente iniziai la mia vita a Napoli, fui attratto da una cosa semplice: il sentirmi a casa, in entrambi i contesti.
Per 10 anni feci attivismo, rappresentante di lista, campagne elettorali, incontri, associazionismo, cortei, sempre sentendomi bene.
Poi nel 2016, dopo10 anni, decisi che era arrivato il momento, nella mia vita, di mettermi in gioco in prima persona e candidarmi al Comune.
Sempre sentendomi parte di un progetto, di un’idea. –
Continua dicendo -Ho sempre vissuto questa appartenenza non come superiorità rispetto agli altri partiti o movimenti, ma sicuramente come una “unicità” e “diversità”.
Settimana scorsa è venuto un attivista amico, a partecipare ad una commissione in comune e mi ha detto, alla fine della commissione: “ma tu cosa c’entri con queste persone? tu sei una persona perbene che non ha secondi fini, sei un alieno”
Ecco,quando oggi ho sentito il messaggio di Valeria Ciarambino mi sono detto: no, non mi sento più a casa, così mi sento uguale a loro, e orgogliosamente non lo sono.
Mai lascerei un ruolo istituzionale per andare a ricoprirne un altro, è una questione di rispetto, fiducia, coerenza.

Mai accetterei un’investitura senza passare dalla votazione, o quanto meno dalla scelta, in fiducia, da parte dei miei compagni di viaggio.
In tutta franchezza che significa “faccio un passo indietro” se le persone non si sono ancora espresse sulle persone che le devono rappresentare come portavoce nell’istituzione Regione Campania?
Che senso e soprattutto che rispetto si ha delle persone alle quali hai chiesto di fare i documenti, di presentarsi anche come candidato presidente, se poi sceglie qualcun’altro, NON CAPISCO CON CHE DIRITTO O CON CHE MANDATO?
Sicuramente non con il mio mandato.
Mai accetterei di pensare ad un futuro –
aggiunge– mio e della mia famiglia insieme a personaggi che “qui comando io” “io porto 7000 voti” “la politica non fa per te”, che con i caf hanno il controllo dei voti e del quartiere, che “a me devi mettere un consigliere nel cda di questa partecipata”
Potrei andare avanti per ore, a raccontarvi della frustrazione nel sentirsi quotidianamente un alieno al Comune, perchè ostinatamente continuo a pensare che prima vengono i bisogni e servizi, prima del proprio tornaconto politico.
E ancora più frustrante aver dovuto lottare contro chi non ti ha sostenuto nel 2016 alle comunali, ma che tu hai sempre sostenuto perchè io “mi fidavo di loro e mi sentivo parte di una storia e di una famiglia”.
Bene, se Costa è il candidato del movimento 5 stelle, contesto il metodo antidemocratico che ha portato a questa scelta non condivisa, ma se andassimo da soli, sarebbe comunque un segnale nella direzione indicata alla assemblea regionale.
Altrimenti se diventa uno “specchietto per le allodole” o un paravento dietro il quale si insinueranno i vari demagogistris e pecorari scani, allora ANCHE NO GRAZIE, e senza rancore,ognuno per la sua strada, perchè non mi sentirei più “unico e diverso”.
Cosi conclude Brambilla

Ho pensato a lungo, oggi, se scrivere o meno questo post, ma poi ho deciso, come sempre, di dire la mia e non sottrarmi….

Pubblicato da Matteo Brambilla su Lunedì 17 febbraio 2020

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy