Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Operazione contro il Clan Contini: arresti, perquisizioni e sequestri a Napoli

Pubblicato

il

Clan Contini

Blitz contro il Clan Contini: arrestati quattro soggetti dello stesso nucleo familiare, due dei quali già detenuti indiziati di associazione mafiosa

Per delega del Procuratore della Repubblica di Napoli, si comunica che questa mattina la Squadra Mobile di Napoli, il Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Napoli, il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli e lo S.C.I.C.O. della Guardia di Finanza hanno dato esecuzione ad un’ordinanza, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, che dispone la custodia cautelare in carcere nei confronti di 4 soggetti appartenenti allo stesso nucleo familiare, 2 dei quali già detenuti per altra causa, in quanto ritenuti a vario titolo gravemente indiziati di associazione mafiosa, minaccia, induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all’autorità giudiziaria, riciclaggio e auto riciclaggio, aggravati dall’art. 416 bis 1 c.p. tranne che per uno di essi.

L’attività investigativa si è sviluppata attraverso il monitoraggio di soggetti legati all’organizzazione camorristica Contini, operante nei quartieri San Carlo Arena, Vasto Arenaccia, Borgo S. Antonio Abate, inserita nella più ampia federazione criminale denominata Alleanza di Secondigliano, al fine di verificarne le attività criminali con particolare riguardo al reimpiego di capitali di provenienza illecita.

Pubblicità

Le indagini hanno permesso di accertare che due elementi apicali del clan, nonostante la detenzione in regime ex art. 41 bis O.P., avrebbero continuato a svolgere un ruolo strategico nel sodalizio affidando incarichi direttivi a soggetti di propria fiducia, decidendo una totale inversione delle linee strategiche del clan (fino a quel momento impostate su una sostanziale pax mafiosa con il contrapposto cartello dei Mazzarella), promuovendo reati fine tipici sia dell’ala “criminale” che di quella “imprenditoriale”, impartendo disposizioni volte ad indurre soggetti intranei e/o contigui a non collaborare con la giustizia, ovvero ad interrompere il percorso collaborativo, mantenendo rapporti con le altre consorterie criminali affiliate alla Alleanza di Secondigliano e, infine, dando indicazioni in ordine alla distribuzione delle “mesate”.

Sulla base delle risultanze investigative, allo stato condivise dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, gli altri due destinatari del provvedimento avrebbero riciclato in società intestate a soggetti prestanome, operanti nei settori della gestione di rifiuti ferrosi, della telefonia e della locazione di immobili, i proventi di truffe perpetrate mediante la rivendita di orologi di lusso a cittadini extracomunitari.

Contestualmente alle misure cautelari personali, sono state eseguite perquisizioni delegate nei confronti ulteriori 9 soggetti, in quanto possibili detentori di denaro contante o altri beni per conto degli indagati.

Pubblicità

È stato inoltre eseguito il sequestro preventivo di due immobili intestati a prestanome e di somme di denaro pari a euro 353.709,95, quale profitto del reato di riciclaggio.

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare, disposta in sede di indagini preliminari, avverso la quale sono ammessi mezzi di impugnazione e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e, come tali, presunte innocenti fino a sentenza definitiva.

Nota Stampa

Pubblicità

Se ti va lascia un like su Facebook, seguici su X e Instagram