Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Camorra: 13 arresti e 17 divieti di dimora in Campania

Pubblicato

il

Camorra: Scissione nel Gruppo della Stradera, costola del clan Contini. I contrasti per la creazine di un gruppo indipendente. 30 le misure cautelari

Camorra. La Polizia di Stato di Napoli, su delega del Procuratore della Repubblica di Napoli, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare. Ad emettere il provvedimento il Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia.

Destinatari della misura 30 indagati ritenuti gravemente indiziati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, porto e detenzione di armi comuni da sparo, lesioni personali aggravate, estorsione, singoli episodi di detenzione e spaccio di stupefacenti e accesso indebito a dispositivi idonei alla comunicazione da parte di detenuti. A diffondere la notizia una comunicazione della Questura di Napoli.

Pubblicità

La misura emessa all’esito delle indagini condotte dai poliziotti della  squadra mobile, grazie anche al supporto dei Commissariati Secondigliano e Poggioreale, della Squadra Mobile di Avellino e del Commissariato di Anzio, a seguito del ferimento a colpi d’arma da fuoco di un uomo avvenuto il 20 settembre 2021.

Nel corso dell’indagine è emerso che l’evento delittuoso era da individuarsi in una risposta al ferimento di altro individuo, avvenuto il 2 settembre 2021, per il quale sono gravemente indiziati due uomini.

L’attività investigativa ha evidenziato che tali eventi delittuosi trovano origine nel clima di forte tensione registrato all’interno del “gruppo della Stadera”, costola del Clan Contini, in seno al quale è maturata una scissione.

Pubblicità

Dagli approfondimenti investigativi è emersa infatti la volontà di uno degli indagati di creare un gruppo criminale autonomo che si è approvvigionato di sostanza stupefacente, a seconda della convenienza economica del momento, sia da canali riferibili a contesti criminali della zona di Scampia sia in quelli della zona del “Cunnolo” quartiere Poggioreale.

Allo stesso tempo la compagine riferibile allo stesso, oltre alla vendita al dettaglio dello stupefacente, effettuata nell’area della “cittadella” tra il comune di Casoria (NA) e Napoli, ha anche fornito sostanza stupefacente a “piazze di spaccio” stanziali nei quartieri Ponticelli e Secondigliano, nella città di Avellino ed anche quella gestita dall’indagato da altro indagato all’interno della Casa Circondariale di Salerno ove era all’epoca recluso.

Nelle occasioni in cui i gestori delle attività di spaccio non onoravano i debiti accumulati, adottavano condotte estorsive.   

Pubblicità

È emerso, inoltre, che il gruppo ha disponibilità di armi ed ha dimostrato la volontà di acquisirne sempre di più al fine di essere pronti ad eventuali scontri armati con altre fazioni criminali.

Durante l’attività investigativa, infine, acquisiti elementi indiziari a carico di altri due soggetti  per il ferimento a colpi d’arma da fuoco avvenuto il 17 dicembre 2019 e da inquadrare nell’ambito dello scontro, in atto all’epoca, tra i gruppi di spacciatori della “stadera” e quelli del “rione bronx”.

Per 13 degli indagati è stata disposta la custodia cautelare in carcere, per i restanti 17 il divieto di dimora nella regione Campania.

Pubblicità

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare, disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunti innocenti fino a sentenza definitiva.

Se ti va lascia un like su Facebook, seguici su X e Instagram

Pubblicità