Quantcast
Connettiti con noi

Esteri

Ritorno a scuola in Francia: Divieto dell’abaya e dibattito crescente

Pubblicato

il

Ritorno a scuola in Francia
Foto dal web

Ritorno a scuola in Francia sotto tensione: Divieto dell’abaya e dibattito sulla laicità scuotono il primo giorno di lezioni

Il 4 settembre in Francia, circa 12 milioni di studenti sono tornati a scuola, ma il clima è dominato da controversie riguardanti il divieto per le giovani musulmane di indossare l’abaya, il tradizionale abito lungo che copre il corpo. Questa misura, promossa dal governo francese in nome della laicità, ha scatenato un acceso dibattito sulle libertà individuali e la convivenza multiculturale.

Dichiarazione del ministro dell’Interno, Gérald Darmanin

Il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, ha inviato un messaggio alla polizia, sottolineando “la natura delicata di questo ritorno a scuola” e mettendo l’accento sugli attacchi alla laicità nelle scuole. Il governo ha identificato 513 istituti come potenzialmente interessati dalla questione all’inizio dell’anno scolastico.

Pubblicità

Il divieto riguarda anche l’uso del qamis, la versione maschile dell’abito, e rappresenta un tentativo dell’esecutivo di rafforzare la difesa della laicità nella società francese. Tuttavia, questa decisione è stata oggetto di critiche e preoccupazioni.

Dichiarazione di Sophie Binet

Sophie Binet, segretaria generale del sindacato Cgt, ha definito “molto pericoloso tornare a scuola con questo annuncio,” sottolineando che esso “stigmatizza una parte della popolazione.” La legge del 2004 già vieta l’uso di simboli religiosi vistosi nelle scuole, ma questa nuova misura sembra intensificare ulteriormente il dibattito sulla libertà di espressione religiosa.

Secondo la legge, gli studenti che sfidano il divieto saranno accolti dall’istituto, ma non potranno partecipare alle lezioni, avviando così una fase di dialogo tra la famiglia e l’Educazione nazionale.

Pubblicità

Il governo francese sta cercando di incarnare una linea di fermezza in materia educativa, in particolare sulla questione della laicità, seguendo l’iniziativa del presidente Emmanuel Macron, che ha posto l’educazione al centro della sua agenda politica. Questo contesto si sviluppa a pochi mesi dalle rivolte che hanno scosso il Paese, creando un clima di tensione e un acceso dibattito su come la Francia debba gestire la diversità culturale e religiosa all’interno della sua società.

Lascia un like su Facebook e seguici su Twitter

Pubblicità