Quantcast
Connettiti con noi

News

Gestaccio Martinez: da campione a cafone mondiale è un attimo 

Pubblicato

il

Gestaccio Martinez

La finale dei Mondiali 2022, Argentina contro Francia non sarà ricordato solo per le prodezze in campo ma anche dal gestaccio di Emiliano Martinez

Ricordata anche per il gestaccio di Martinez, Argentina contro Francia, rappresenta una delle parite più incredibili della storia, in cui tutto sembrava già segnato e cristallizzato fino al minuto 80.

L’Argentina conduceva una partita ormai assopita, convinta di avere tutto in pugno. Contro aveva una Francia praticamente irriconoscibile. Poi il rigore, Mbappè segna e si desta lui stesso e tutta la squadra. Inizia un’altra partita fatta di colpi di scena e botta e risposta tra due campioni con la tripletta di Kylian Mbappé da una parte e la doppietta di Lionel Messi dall’altra. Tempi supplementari di fuoco, avvincenti anche i calci di rigore per determinare la selezione Campione del Mondo. 

Pubblicità

La finale del Coppa del Monto di Calcio 2022 non sarà ricordata solo per la sfida tra due grandi campioni e due grandissime squadre di calcio, ma anche per un gesto da villano di Emiliano Martinez. 

Il portiere dell’argentina si è dimostrato oltre che un vero fuoriclasse in campo anche nelle figure barbine. Con il suo gesto, con il suo gesto, non solo ha imbarazzato la sua Nazionale di Calcio, ma anche la FIFA.

Il fatto è accaduto durante la premiazione del capocannoniere (Kylian Mbappé), miglior portiere (Emiliano Martinez), miglior under 21 (Enzo Fernandez), il miglior giocatore (Lionel Messi) dei Mondiali di Calcio del 2022. 

Pubblicità

Davanti all’Emiro del Qatarm al presidente della FIFA e al Presidente francese Macron, che lo avevano appena insignito del “Guanto d’Oro”, Martinez di pronta risposta lo accosta ai genitali a mo’ di fallo.

Non è chiaro cosa abbia voluto dimostrare con un gesto simile per giunta in mondovisione. Allo stesso modo non è chiaro a chi fosse indirizzato, forse ai i tifosi della Francia che lo hanno fischiato tutto il tempo? Sta di fatto che una cafonata del genere al mondiale poteva risparmiarsela, bastava solo un segno di silenzio se proprio necessario. Ha rovinato la cerimonia culminato con l’azata della coppa del Mondo al cielo da parte di Lionel Messi.

Tra l’altro, non è la prima volta che accade. L’estremo difensore dell’Argentina si lasciò andare in un gesto simile anche in occasione alla premiazione della Coppa America nel 2021 lo fece con la Colombia. Recidivo, quindi, il portierone dell’Argentina che passa da campione mondiale a cafone mondiale in un attimo, facendo tutto da solo.

Pubblicità

Chissà se esistano richiami o sanzioni per tali comportamenti. Di certo gli sarà perdonato, resta però la magra figura e il cattivo esempio fornito alle nuove generazioni. Campione lo si è quando lo si sa anche fare. Peccato occasione mancata. 

Se ti va lascia un like alla nostra pagina Facebook

Pubblicità