Connect with us

News

Camorra, sequestro beni per 20milioni a commercialista clan Mallardo

Published

on

Il Sequestro è avvenuto tra Campania e Lazio; ha interessato terreni, quote societarie, autovetture e numerosi rapporti finanziari

Un altro colpo alla camorra nel giuglianese. Finiti sotto sequestro beni per oltre 20 milioni di euro tra Lazio e Campania.

Tali beni sono riconducibili, infatti, a un commercialista (e al suo nucleo familiare) ritenuto dagli inquirenti vicino al clan camorristico Mallardo.

Il commercialista è Alfredo Aprovitola, condannato dal Tribunale di Napoli a sette anni di reclusione.

I finanzieri del Comando Provinciale di Napoli, al termine di indagini coordinate dalla DDA di Napoli, hanno sequestrato un ingente patrimonio. Si tratta di 89 fabbricati, 10 terreni, 8 quote societarie, 2 autovetture e numerosi rapporti finanziari.

I fabbricati e i terreni ubicati tra le province di Napoli, Caserta, Frosinone e Latina.

Secondo una nota della Guardia di Finanza e indagini della Procura di Napoli avevano evidenziato come le risorse accumulate nel tempo sarebbero state favorite dal rapporto della famiglia del commercialista con il clan Mallardo.

Le evidenze investigative emerse nel corso degli anni, avrebbero fornito elementi determinanti circa la partecipazione dell’uomo al sodalizio criminale egemone nella zona di Giugliano in Campania.

A queste si sono aggiunte le dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia.

Tali dichiarazioni avrebbero fornito indicazioni chiare e circostanziate della possibile gestione dei capitali illeciti del clan da parte dello stesso.

Il commercialista, inoltre avrebbe anche svolto un ruolo attivo nelle attività estorsive poste in essere da soggetti affiliati all’organizzazione criminale.

Arrestato dagli stessi finanzieri del G.I.C.O. nel 2012 per estorsione aggravata dal metodo mafioso e nel 2013 per concorso esterno in associazione camorristica.

A conclusione delle numerose attività investigative eseguite nei confronti del clan Mallardo, la Quarta Sezione Penale del Tribunale di Napoli lo ha condannato a 7 anni di reclusione per estorsione con sentenza emessa nel settembre 2020.

Secondo la nota della Guardi di Finanza, le ulteriori indagini di natura economico-patrimoniale, che hanno portato ai sequestri di oggi, hanno fatto emergere un’incapienza patrimoniale del nucleo familiare.

Esso è, infatti, risultato privo di fonti lecite di guadagno in grado di giustificare il valore economico del patrimonio accumulato nel tempo.

News

Quartieri spagnoli: rimossi 26 scooter e 4 auto abbandonati in strada

Published

on

Foto Nota Stampa

Rimossi 30 mezzi in tutto: 26 ciclomotori e 4 auto. I veicoli erano in stato di abbandono o rubati

Continuano i servizi dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli e della Polizia Municipale di Napoli – Nucleo veicoli abbandonati – incentrati nella lotta all’abbandono dei motocicli e delle auto.

I mezzi – in evidente stato di abbandono oltre che essere senza assicurazione o rubati – intralciano le strade restando per mesi accantonati risultando uno sfregio per la città.

Le operazioni – svolte ne giro di 24 ore dai Carabinieri della compagnia Napoli centro e dal nucleo veicoli abbandonati della polizia municipale – si sono incentrate in via Santa Caterina da Siena e in salita Vetriera dei quartieri spagnoli. Rimossi 30 mezzi in tutto: 26 ciclomotori e 4 auto. I veicoli erano in stato di abbandono o rubati.

Questo servizio ha permesso di ripulire le strade del quartiere e continuerà nei prossimi giorni e nelle altre zone della città.

I Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli e la Polizia Municipale di Partenopea invitano tutti i cittadini a rivolgersi alle forze dell’ordine per segnalare la presenza di mezzi abbandonati per le strade spesso privi di assicurazione.

Nota Stampa Carabinieri Comando Provinciale di Napoli

Continue Reading

News

Napoli, non si fermano all’alt: arrestati dopo un lungo inseguimento

Published

on

Foto Nota Stampa

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Napoli hanno arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale 2 persone – un pregiudicato e un incensurato di Casoria

Sono le 8:30 di domenica mattina ed i motociclisti dell’Arma intimano l’alt ai 2 a bordo di un suv in transito a via Caracciolo. L’auto non si ferma e parte l’inseguimento. Il conducente – già noto alle forze dell’ordine e risultato sprovvisto della patente di guida – dopo aver svoltato a forte velocità e in controsenso su piazza vittoria – via Chiatamone urta e danneggia un palo della segnaletica stradale sui gradini che danno accesso a via Partenope.

Tentano di proseguire con l’auto nonostante il pneumatico forato ma alla fine lasciano il veicolo e si danno alla fuga. Il passeggero viene subito bloccato mentre vengono diramante le ricerche per il conducente.

L’uomo viene rintracciato poco dopo a piazza Bovio. Era a bordo di un autobus di linea. I Carabinieri sono entrati nel pullman e lo hanno attestato.

Il passeggero, perquisito, è stato trovato in possesso di 1 coltello da “sub” di 26 centimetri.
Sono in corso indagini circa la presenza dei due in quella zona.

Nota Stampa Carabinieri Comando Provinciale di Napoli

Continue Reading

News

Ladri di marmitte a Quarto, arrestato 45enne

Published

on

Foto: Archivio

I Carabinieri della tenenza di Quarto lo hanno sorpreso mentre smontava la marmitta da un’auto di un cliente

Continuano i furti del prezioso catalizzatore che si trova all’interno delle marmitte e continuano incessanti i servizi di prevenzione da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli.

Questa volta la ricerca del palladio avviene a Quarto in un parcheggio di un centro Commerciale di via Masullo Il fatto è accaduto alle 19:00 del 25 settembre. A finire in manette per furto un 45enne di Pozzuoli già noto alle forze dell’ordine.

I Carabinieri della tenenza di Quarto lo hanno bloccato mentre smontava la marmitta da un’auto di proprietà di una cliente del centro commerciale.

Sequestrati gli arinesi atti allo scasso in possesso all’uomo e la vettura con la quale ha raggiunto il centro commerciale per operare il furto. L’uomo attualmente L’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di giudizio. A diffondere l’arresto il Comando Provinciale Carabinieri Napoli

Continue Reading

News

Napoli, metal detector alle uscita metro del Vomero

Published

on

“Dobbiamo poterci difendere”, così hanno risposto 4 giovani denunciati dai Carabinieri che li hanno trovati in possesso di coltelli a serramanico, passandoli al metal detector

Sono semnpre di più i giovani che girano armati. Per mettere un freno alla recrudenscenza di questo odioso fenomeno, intensificati i controlli dei Carabinieri della Compagnia del Vomero.

Sotto stretto controllo le stazioni della metropolitana della Linea 1. Centinaia infatti sono i giovani che prendono d’asssalto il quartiere collinare.

Posti militari provvisti di metal detector ad ogni uscita. Hanno controllato le tasche dei viaggiatori per assicurarsi che non vi fossero armi.

Quattro sono i giovani scovati dai Carabinieri tutti in possesso di coltellini a serramanico. Identiche anche le giustificazioni fornite: “Dobbiamo poterci difendere!”. Tale gioustificazione, però, non li salverà dalla denuncia per porto abusivo di armi.

Diverse persone, invece, sono state segnalate in prefettura per possesso di stupefacenti destinati all’uso personale.

Controllati anche 96 persone e 32 veicoli: elevate migliaia di euro in caontravvenzioni.

Fanno sapere dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli che i controlli continueranno anche nel week-end.

Continue Reading

News

Contrada, trovate 7 piante di marijuana con fertilizzante

Published

on

Sono in corso indagini volte all’individuazione dei responsabili dell’illecita coltivazione di marijuana

I Carabinieri della Stazione Forestale di Forino, nel corso di un servizio finalizzato ad effettuare alcuni accertamenti tecnici su aree boscate percorse da incendi, hanno rinvenuto 7 piante di “cannabis indica”, coltivate in località boschiva di Contrada.

Unitamente alle piante (avente un’altezza di circa un metro e mezzo e recanti infiorescenze già idonee alla produzione di marijuana) i Carabinieri hanno sequestrato anche due bottiglioni in plastica da 5 litri, contenenti del liquido fertilizzante, occultati nei paraggi.

Dell’attività svolta è stata data comunicazione alla Procura della Repubblica di Avellino.

Sono in corso indagini volte all’individuazione dei responsabili dell’illecita coltivazione.

Nota Sala stampa Comando Provinciale Carabinieri di Avellino

Continue Reading

News

Ubriaco alla guida provoca incidente ad Avellino e scappa

Published

on

L’uomo, un 40enne già noto alle forze dell’ordine, dovrà rispondere di guida in stato di ebbrezza e resistenza ed oltraggio a pubblico ufficiale

I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Avellino hanno denunciato un 40enne, già noto alle Forze dell’Ordine. L’uomo è ritenuto responsabili di guida in stato di ebbrezza con l’aggravante di aver provocato un sinistro stradale, resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale.

Il fatto è accaduto di sera e nel pieno centro cittadino. L’uomo alla guida della propria vettura ha causato un sinistro stradale. Non solo urtando ben tre veicoli e non curandosi dei danni causati a cose e persone ha tentato è fuggito.

Raccolti i primi indizi, i Carabinieri lo hanno intercettato poco dopo l’accaduto e lo hanno bloccato. L’uomo in evidente stato di ebbrezza ha inveito contro i militari che invitandolo alla calma lo hanno sottoposto al test dell’etilometro. L’esito ha riscontrato un tasso alcolemico superiore a quanto previsto dalla legge per poter guidare.

Oltre alla denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino, ritirata la patente al 40enne e sequestrata l’auto. A diffondere l’accaduto una la Sala stampa del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino.

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2021 - Punto! il Web Magazine | Privacy