Connect with us

News

Qualiano, volano gli stracci tra Comandante Polizia Municipale e Sindaco

Published

on

Una vicenda molto triste dove ognuno dei protagonisti racconta la propria verità nel frattempo tutto finisce sui social e a perdere è solo la Città di Qualiano

Una brutta vicenda che doveva essere tutta interna al Comune di Qualiano purtroppo è venuta fuori. Una vicenda fatta di veleni incomprensioni mista a politica di basso livello che, ha messo in imbarazzo la parte civile della città. Ne ha tuttavia galvanizzato la parte più politicizzata, l’indomani della pubblicazione anche sulla stampa nazionale.

Protagonisti di questa triste storia sono il Sindaco di Qualiano De Leonardis e il Comandante della Polizia Municipale D’Onofrio, ormai prossimo al ritiro da circa 40 anni di servizio.

Cercheremo di ricostruire la vicenda dall’inizio.

Tutto parte dal 7 aprile giorno dell’apertura delle scuole. Il giorno successivo iniziano a venir fuori i primi casi positivi. Il sindaco De Leonardis, evidentemente preoccupato, annuncia di dar mandato alla Polizia Municipale di controllare gli arrivi fuori i plessi scolastici. Nelle mani del primo, infatti, cittadino vi era una la segnalazione di persone che accompagnavano a scuola oltre ai propri anche bambini di altri nuclei familiari.

Comunicazioni e direttive inviate dal Sindaco al Comandante della Polizia Municipale

De Leonardis dà seguito al suo annuncio ed invia al Comando della Polizia Municipale una lettera con “Comunicazioni e direttive”, come egli stesso spiegherà in un video. Ma procediamo con ordine, di seguito il documento inviato dal Sindaco. Siamo al giorno 8 aprile

Nota inviata dal Sindaco al Comando della Polizia Municipale

Fin qui nulla di strano agli occhi di tutti. Non c’è nulla da eccepire per far fronte all’epidemia che dilaga nel Comune di Qualiano e che colpisce le scuole ad un giorno dall’apertura.

Richiesta informazioni inviata dal Consigliere De Luca al Comando di Polizia Municipale

Il giorno 19 aprile il Consigliere De Luca, nell’esercizio delle sue funzioni di controllo, invia una “Richiesta di informazione” indirizzata al Comandante della Polizia Municipale D’Onofrio. In tale comunicazione il consigliere di opposizione chiede quali provvedimenti siano stati adottati a seguito della nota del Sindaco. Di seguito la richiesta di De Luca:

Richiesta di informazione inviata dal Consigliere De Luca al Comando di Polizia Municipale

A tale comunicazione D’Onofrio manda una pec a De Leonardis per informarlo della richiesta. La richiesta del Comandante, lascia intendere il non aver ricevuto nulla, altrimenti perché chiedere al Sindaco. A questo punto si sono interrotte le comunicazioni tra il Comando della Polizia Municipale e gli uffici del Sindaco, dato che il primo cittadino era certo di aver inviato le direttive 10 giorni prima.

Risposta del Sindaco De Leonardis ai Cittadini di Qualiano

Il primo cittadino di Qualiano, come egli stesso dichiara, non risponde al Comandante della Polizia Municipale ma ai cittadini attraverso un video durissimo su Facebook nei confronti del dirigente. Nel video ha spiegato, tra l’altro, che le comunicazioni erano state inviate al Comando. Ecco il video.

Dal 21 aprile nella città di Qualiano scoppia la polemica sull’opportunità del video e la città si spacca tra i “tifosi” dell’una e dell’altra parte della vicenda che doveva essere tutta interna al palazzo del comune. Ne parla, invece, addirittura il “Mattino”.

Risposta del Comandante della Polizia Municipale

Nel frattempo dal Comandante D’Onofrio nessuna parola fino al 23 aprile, quando lo stesso risponde alla nota del Consigliere De Luca. Indirizza la risposta “per conoscenza” a tutto il personale del Corpo della Polizia Municipale di Qualiano e al Sindaco.

Siamo in grado di poter fornire la risposta del dr. D’Onofrio. In una e-mail indirizzata al Direttore, lo stesso dà autorizzazione alla pubblicazione. La risposta, tuttavia, è corposa e dettagliata: ben 5 pagine di cui forniamo diversi estratti e la lasciamo in download per coloro che vogliano approfondire.

Si legge: «In riscontro alla Sua citata in oggetto, la informo che non avendo informazioni al riguardo, ho girato al Sig. Sindaco la richiesta di ragguagli, trattandosi di una sua nota, mai giunta allo scrivente. Purtroppo, mentre attendevo risposta, sono stato informato che il Sindaco ha postato sul suo seguitissimo profilo face-book un video inerente proprio la predetta richiesta, nel quale esplicitamente dichiara di non volermi rispondere, preferendo piuttosto di rispondere direttamente ai suoi cittadini-elettori. Poiché ritengo legittimo e doveroso che la S.V. consegua comunque una risposta, ho proceduto a visionare il video in questione e ad accertare ogni verità inerente quanto da lei richiestomi». Così ha esordito il Comandante ed ha proseguito prima di rispondere con una premessa sulle condizioni del Corpo.

Poi entra nel merito della risposta a De Luca. «Il sottoscritto non ha mai ricevuto la nota del Sindaco del 10.04.2021, ancora oggi che Le scrivo non mi è giunta predetta nota; Non risponde al vero che il vicecomandante mi abbia mai mostrato predetto documento e mi risulta che lui medesimo a tutt’oggi non lo ha ancora visionato».

Si legge ancora: «Tutto ciò è avvenuto per una ragione semplice e chiara, ovvero che se una lettera non si spedisce, o non si sa spedire, questa non giunge a destinazione. Questa semplice verità il Sindaco, in data 19.04.2021, alle ore 13,00 ed a seguire, tra urla pazzesche, lo ha accertato senza ombra di dubbio, insieme al responsabile del CED, al vice comandante della Polizia Municipale ed alla Sua Segretaria che maldestramente (ma è assolutamente scusabile) aveva commesso l’errore del mancato inoltro della comunicazione di che trattasi».

Ma il comandante approfondisce ancora incalzando sul video del Sindaco: «Il Sindaco come capo dell’amministrazione svolge un ruolo anche più importante di un mio eventuale superiore gerarchico. E non si senta per nulla sminuito se gli preciso che dal punto di vista giuridico-amministrativo, non è un mio superiore gerarchico, né io posso essere definito un suo subalterno. Infatti siamo preposti a funzioni diverse: il Sindaco alla funzione di indirizzo, il sottoscritto a quella di gestione, che sono funzioni contigue, collaborative ma rigorosamente separate. E poiché nel diritto amministrativo, lo sanno già gli studenti del primo anno di giurisprudenza, il rapporto gerarchico sussiste proprio in presenza del potere di avocazione del superiore, è fuor di dubbio che in Sindaco per legge non può avocare a sé anche la funzione gestionale. Il Sindaco non può dire agli uomini dell’Arma o alla Polizia Municipale, di svolgere controlli di Polizia stradale fuori le scuole, però “non in modo repressivo”, perché quando un agente o un ufficiale di Polizia stradale accerta violazioni di sorta, non ha la discrezionalità, bensì l’obbligo di procedere in maniera repressiva. E non gli varrebbe ad escludere l’incriminazione di omissione in atti d’ufficio la circostanza che un Sindaco gli abbia detto di non fare repressione. Non risponde a nessuna verità la dichiarazione del Sindaco che il sottoscritto ha interrotto il servizio di prolungamento dell’orario serale. Tale servizio è stato interrotto alla data del 31 marzo 2021, cioè 10 giorni prima del tragico incidente di Via Campana, unicamente dal Sindaco e dalla Giunta Comunale. Questo è chiaramente scritto nella Delibera di Giunta Comunale n. 134 del 27/11/2020».

La delibera secondo il racconto di D’Onofrio da lui scritta e recepita salvo per due modifiche: «Anticipazione della conclusione del progetto al 31 marzo anziché il 30 giugno; Precisazione che eventuali proroghe andavano stabilite con delibera di Giunta, testualmente: “Di stabilire che per il prosieguo del progetto verrà sottoposto all’ approvazione della Giunta Comunale”».

Lasciamo di seguito la risposta integrale del Comandante D’Onofrio.


Scarica la risposta del Comandante


Ribadiamo una brutta vicenda che produce brutti strascichi a Qualiano dove, a quanto sembra, tutti si sentono in diritto di commentare e dire la propria. Argomentare senza conoscere i fatti non aumenterà l’autorevolezza di chi scrive.

Si tratta di una storia molto delicata che, come lasciano intendere i protagonisti, non finirà certamente con lo scambio di accuse. Avrà infatti ben altri percorsi affrontati in ben altre sedi.

Una vicenda che non fa bene a nessuno e che non restituisce vincitori, ma lascia trasparire astio e odio che dovevano essere sopiti attraverso chiarimenti e dialogo. Risulta evidente che non siano avvenuti, lo si nota dai modi di agire.

Una vicenda che, per noi che abbiamo raccontato tanto la città di Qualiano, non ha precedenti. Abbiamo detto che non ci sono vincitori in questa storia ma un perdente c’è: Qualiano.

News

Decumani: Controlli al centro storico, identificate 36 persone

Published

on

Polizia di Stato
Foto Archivio

Nel corso dell’attività sono state identificate 36 persone, di cui 3 sanzionate poiché intente a consumare bevande in luogo pubblico oltre l’orario consentito

Giovedì pomeriggio gli agenti del Commissariato Decumani hanno effettuato servizi tesi al rispetto delle norme anti Covid-19 nel centro storico e nelle zone della “movida”.

Nel corso dell’attività sono state identificate 36 persone, di cui 3 sanzionate poiché intente a consumare bevande in luogo pubblico oltre l’orario consentito.

Inoltre, i poliziotti hanno controllato 3 esercizi commerciali, di cui due in piazza Bellini ed uno in via Cisterna dell’Olio, e hanno sanzionato i titolari per inottemperanza alle misure anti Covid-19 poiché sorpresi a somministrare bevande oltre l’orario consentito; infine, è stata disposta la chiusura dei locali nella stessa giornata.

Nota Stampa Questura di Napoli

Continue Reading

News

Vomero, sorpresi in strada di notte: sanzionati 9 ragazzi

Published

on

Foto Polizia Repertorio
Foto Archivio

I 9 ragazzi sono stati sanzionati per inottemperanza alle misure anti Covid-19 poiché trovati fuori dal proprio domicilio senza valida motivazione

Ieri notte gli agenti del Commissariato Vomero, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Filippo Palizzi hanno sorpreso 9 ragazzi, napoletani tra i 22 e i 27 anni di cui 6 con precedenti di polizia, che si stavano intrattenendo in strada e li hanno sanzionati per inottemperanza alle misure anti Covid-19 poiché trovati fuori dal proprio domicilio senza valida motivazione.

Nota Stampa Questura di Napoli

Continue Reading

News

Sequestrato Macaco giapponese delle nevi: denunciato il proprietario

Published

on

Il macaco appartiere ad una rara specie in via di estinzioni era tenuto una gabbia in condizioni incompatibili con la vita dell’animale

Montecorvino Rovella – Militari del Nucleo Carabinieri C.I.T.E.S. di Salerno, in data 06/05/2021, a conclusione di pregressa mirata attività di indagine rivolta alla individuazione di fauna selvatica (autoctona e non) illecitamente detenuta, inizialmente avviata su segnalazione della “Lega Nazionale per la difesa del cane di Salerno”, hanno provveduto a deferire all’Autorità Giudiziaria, il possessore di un esemplare del raro Macaco giapponese delle nevi (Macaca fuscata), specie minacciata di estinzione e, pertanto, tutelata dalla Convenzione CITES, nonché ritenuta pericolosa per l’incolumità e la sicurezza pubblica, detenuto in gabbia in condizioni incompatibili con la specie e produttive di gravi sofferenze, nonché lesive del benessere, in quanto collocato in ambienti privi di arricchimenti ambientali, inadeguati dal punto di vista delle dimensioni, della salubrità e delle condizioni etologiche.

I Carabinieri Forestali hanno pertanto anche proceduto, al fine di evitare il perdurare dello stato di sofferenza del piccolo primate al sequestro dell’esemplare.

Le pianificate operazioni tecnico-veterinarie volte ad assicurare il prelievo in sicurezza, la manipolazione, le prime cure, il contenimento ed il trasporto, la custodia giudiziaria presso idonea struttura ospedaliera veterinaria attrezzata che possa, nel contempo provvedere alla osservazione in quarantena ed alla esecuzione degli esami clinico diagnostici, nonché alla microchippatura dell’esemplare sono state eseguite con il coordinamento della Facoltà di Veterinaria dell’Università Federico II di Napoli, ed il supporto dei medici veterinari dirigenti dell’ASL di Salerno, dello Zoo delle Maitine di Pesco Sannita (BN), del C.R.I.U.V.(Centro di Riferimento Regionale per Igiene Urbana Veterinaria – Presidio Ospedaliero Veterinario) ove verrà ospitato inizialmente il primate in custodia giudiziaria, fino al suo trasferimento presso il C.R.A.S.E. (Centro di Recupero Animali Selvatici) di destinazione, e della ditta Dog’s Town, che si è offerta di eseguire gratuitamente il trasporto.

La Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione, nota come  CITES (Convention on International Trade of Endangered Species), è un accordo internazionale firmato a Washington il 3 marzo del  1973 e divenuta esecutiva nel 1975, nata con l’obiettivo di tutelare  le specie  di  animali e vegetali  minacciate di estinzione, regolamentandone il commercio. Lo sfruttamento commerciale è, unitamente  alla distruzione degli ambienti naturali, una delle principali concause dell’estinzione e rarefazione in natura di numerose specie ed il commercio clandestino e/o illegale di specie selvatiche è ancora oggi uno dei traffici illeciti più importanti e redditizi al mondo, dopo quello di droga, armi ed esseri umani.

Nota stampa Carabinieri Forestale Salerno – Gruppo CITES

Continue Reading

News

Napoli, 816 grammi di hashish in garage: arrestato

Published

on

All’interno del garage in uso ad un 37 enne napoletano già noto alle forze dell’ordine, i Poliziotti hanno rinvenuto 5 cilindretti di hashish

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato San Carlo Arena hanno effettuato un controllo in un garage in uso ad un uomo in via Michele Guadagno.

Il controllo nell’ambito di un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti. All’interno del garage in uso ad un 37 enne napoletano già noto alle forze dell’ordine, i Poliziotti hanno rinvenuto 5 cilindretti di hashish del peso di 816 grammi circa.

Davanti a quanto rinvenuto, l’uomo è finito in manette per spaccio di sostanza stupefacente. A diffondele l’arresto la Questura di Napoli

Continue Reading

News

Ignora alt Carabinieri e getta droga dal finestrino: arrestato

Published

on

Dovrà rispondere di detenzione illecita di stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale il 34enne di Lioni arrestato dai carabinieri

Detenzione illecita di stupefacenti” e “Resistenza a Pubblico Ufficiale”: sono queste le accuse di cui dovrà rispondere un 34enne di Lioni.

Continua incessante l’opera di prevenzione e repressione al contrasto di attività illecite legate al fenomeno dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti. In tale contesto, un’altra attività è stata condotta questa notte dai Carabinieri della Compagnia di Sant’Angelo dei Lombardi.

La pattuglia del Nucleo Operativo Radiomobile era impegnata in un servizio disposto dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino al fine di garantire sicurezza e rispetto della legalità, quando non è passata inosservata un’autovettura guidata da un soggetto già noto alle Forze dell’Ordine.

Alla vista dei militari che gli intimano l’“Alt”, per tutta risposta l’automobilista si dà alla fuga innescando un inseguimento durante il quale, nel maldestro tentativo di disfarsene, lancia dal finestrino un involucro (prontamente recuperato dai Carabinieri) con all’interno 50 grammi di cocaina e un panetto di hashish del peso di 100 grammi.

L’inseguimento termina dopo qualche chilometro in agro di Caposele, sulla SS 691.

Condotto in Caserma, per il 34enne (tra l’altro sprovvisto di patente perché revocata) è scattato l’arresto e, su disposizione della Procura della Repubblica di Avellino, è stato associato alla Casa di Reclusione di Sant’Angelo dei Lombardi.

Droga e autovettura sottoposte a sequestro.

Nota stampa Carabinieri Comando Provinciale di Avellino

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy