Connect with us

News

Camorra, arrestate 4 persone vicine al clan Contini

Published

on

Carabinieri-Polizia-mod

Sono indagati per violenza privata, violenza o minaccia per istigare un reato, intralcio alla giustizia ed estorsione, aggravati dal metodo mafioso

Nelle prime ore della mattina odierna, nell’ambito di un’articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, i Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Napoli – Stella e personale della Squadra Mobile di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dall’Ufficio GIP presso il Tribunale di Napoli, nei confronti di quattro soggetti, ritenuti appartenenti al clan Contini, indagati, a vario titolo, per violenza privata, violenza o minaccia per costringere a commettere un reato, intralcio alla giustizia ed estorsione, tutti delitti aggravati dal metodo mafioso.

Il provvedimento scaturisce da acquisizioni investigative dei citati Reparti che hanno permesso di contestare, a vario titolo, agli indagati, negli anni dal 2012 al 2018, di aver:

  • avvicinato, minacciato ed usato violenza nei confronti dei familiari di un collaboratore di giustizia al fine di scoprire la località protetta dove si trovava, nonché influenzare e far ritrattare la sua collaborazione in modo da salvaguardare gli interessi del sodalizio di appartenenza, intralciando il regolare percorso della giustizia;
  • – consumato cinque estorsioni in danno di: o un cittadino costretto ad acquistare effetti cambiari da corrispondere periodicamente al fine di non essere “mandato all’ospedale”;
  • un imprenditore costretto a pagare 13.000 euro mensili a titolo di “pizzo” per poter continuare a svolgere la propria attività imprenditoriale, obbligando infine la vittima a chiudere la propria attività, a cedere le apparecchiature delle società e a versare un’ultima quota al sodalizio per il ritardo nei pagamenti;
  • un impresario, dedito alla commercializzazione delle apparecchiature da intrattenimento da sala (slot machine, videopoker ecc.) nonché poker on-line e raccolta scommesse in relazione ad eventi sportivi,costretto a pagare migliaia di euro a scadenze mensili a titolo di “pizzo” per poter continuare a svolgere la propria attività imprenditoriale, arrivando infine ad obbligare un suo fornitore a versare la quota per conto dell’estorto;
  • il titolare di un distributore di carburanti, costretto a versare a titolo estorsivo la somma di euro 10.000,00 quale “pizzo” sulla propria attività di impresa; o una famiglia, legata a un collaboratore di giustizia, costretta a lasciare il proprio domicilio e a consegnare l’immobile ad affiliati al sodalizio.
  • Il provvedimento cautelare documenta la pericolosità delle condotte delittuose perpetrate dagli affiliati al clan.

Contini in danno di cittadini ed imprenditori dell’area di influenza del sodalizio camorristico. L’odierno provvedimento si inquadra in una più ampia strategia di contrasto nei confronti del clanContini posta in essere dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli che, come si ricorderà ha già portato all’esecuzione di altre misure cautelari nei confronti di altri affiliati, tra queste quella di marzo 2016 a carico di 34 soggetti e quella di giugno 2019 a carico di altri 126 affiliati. Già nel corso delle citate investigazioni si erano raccolti elementi in relazione a:

  • la gestione e il controllo delle piazze di spaccio, anche con l’utilizzodi“vedette armate” nel centro della città;
  • l’operatività di canali di approvvigionamento dello stupefacente, in particolare del tipo cocaina e marjuana dall’Olanda;
  • l’esistenza di una “cassa comune” nella quale confluivano i proventi dell’attività di spaccio, utilizzati in seguito per l’acquisto di ulteriori partite di stupefacenti, per il sostentamento delle famiglie degli associati detenuti, nonché per il pagamento delle “mesate” agli affiliati in libertà;
  • l’organicità al sodalizio imprenditori operanti nei più svariati settori. I pregressi provvedimenti cautelari avevano permesso di raccogliere importanti acquisizioni per documentare la permanente operatività del gruppo Contini.

Nota stampa, Comando Provinciale Carabinieri Napoli

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Comune di Pozzuoli e Unicef Campania: uniti per infanzia e adolescenza

Published

on

Comune di pozzuoli e Unicef campania

Comune di Pozzuoli e Unicef Campania uniti su infanzia e adolescenza si incontrano per una riunione programmatica

Comune di Pozzuoli e Unicef Campania uniti per infanzia e adolescenza. Oggi, nella Sala Giunta del Municipio, il sindaco di Pozzuoli Gigi Manzoni e l’assessora alle Pari Opportunità e Politiche Sociali, Lucia Coppola, hanno incontrato la dottoressa Emilia Narciso, presidente di UNICEF Campania. L’incontro per una riunione programmatica sul tema dell’infanzia e l’adolescenza. Ad annunciaro una nota stampa giunta in redazioone.

“Abbiamo gettato le basi per un lavoro congiunto e coordinato su un tema fondamentale per il nostro futuro. Le bambine e i bambini sono la nostra ricchezza. Appare sempre più evidente che si debba lavorare, tutti insieme, per fornire opportunità e ridurre le disuguaglianze soprattutto dei nostri concittadini più giovani”, Cosi il ha dichiarato il sindaco Gigi Manzoni nel comunicato.

“Il tema va affrontato con consapevolezza e onestà – ha proseguito l’assessora Lucia Coppola – La Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza ha molti punti sui quali c’è bisogno di maggiore attenzione, per garantire a tutti i minori di poter godere dei propri diritti. Le politiche per i minori vanno adeguate alla continua evoluzione della condizione delle bambine, dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi, e devono garantire un effettivo miglioramento delle loro condizioni di vita”.

Se ti va lascia un like alla nostra pagina facebook

Continue Reading

News

Sorpresi con 167mila euro e diversi telefoni cellulari, denunciati

Published

on

Sorpresi con 167mila euro

Sorpresi con 167mila euro e diversi telefoni cellulari a Vasto. A finire in manette due due napoletani di 27 e 28 anni

Sorpresi con 167mila euro, due ragazzi nei guai. Martedì mattina gli agenti del Commissariato Vasto-Arenaccia, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Ettore Bellini hanno notato due persone cedersi qualcosa con fare sospetto e li hanno controllati.

Gli operatori hanno accertato che si trattava di un mazzo di chiavi di un magazzino in uso ai due dove hanno rinvenuto e sequestrato complessivamente circa 167mila euro, diversi fogli manoscritti riportanti dettagli contabili, due stecche di tabacchi lavorati esteri, privi del marchio del Monopolio di Stato, e 10 telefoni cellulari.

Gli agenti hanno denunciato per riciclaggio due napoletani di 27 e 28 anni, il primo con precedenti di polizia.

Se ti va lascia un like alla nostra pagina Facebook

Continue Reading

News

Controlli a Castellammare e Gragnano, sequestrata legna

Published

on

Controlli a Castellammare e Gragnano
Foto repertorio

Controlli a Castellammare e Gragnano, sequestrate 26 tonnellate di legna destinati per l’accensione dei falò dell’Immacolata

Controlli a Castellammare e Gragnano. Ieri gli agenti del Commissariato di Castellammare di Stabia e personale della Polizia Locale, con il supporto del Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio in occasione delle operazioni di recupero di materiale legnoso utilizzato per l’accensione dei falò dell’Immacolata nei comuni di Castellammare di Stabia e Gragnano dove hanno sequestrato 26 tonnellate di legna. 

Inoltre, nel corso dell’attività, gli operatori hanno identificato 180 persone, di cui 43 con precedenti di polizia, controllati 113 veicoli, di cui 3 sottoposti a sequestro amministrativo ed uno a fermo amministrativo, e contestate 8 violazioni del Codice della Strada per guida con patente revocata, mancata revisione periodica, mancata esibizione dei documenti di circolazione, utilizzo di telefono cellulare durante la guida e sosta vietata.

Infine, gli operatori hanno sanzionato una persona amministrativamente per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale poiché trovata in possesso di 3 involucri contenenti cocaina.

Se ti va lascia un like alla nostra pagina Facebook

Continue Reading

News

Evade dai domiciliari per chiacchierare con un pusher, arrestati

Published

on

Evade dai domiciliari per chiacchierare
Foto repertorio

Evade dai domiciliari per chiacchierare con un pusher, arrestati entrambi a Sant’Antimo dai Carabinieri della locale Tenenza

Evade dai domiciliari per chiacchierare con un pusher. A Sant’Antimo i Carabinieri della locale Tenenza hanno arrestato un 34enne e un 41enne, entrambi del posto e già noti alle forze dell’ordine.

Siamo in Via Sambuci. Il 34enne è poco lontano dalla sua abitazione, chiacchiera con il 41enne. Dovrebbe essere ai domiciliari e i militari lo sanno. I Carabinieri riconoscono il 34enne e decidono di intervenire.

Entrambi vengono bloccati e poi perquisiti: nelle tasche del 41enne i militari hanno rinvenuto e sequestrato 10 grammi di hashish e 1 dose di cocaina. Entrambi sono finiti ai domiciliari in attesa di giudizio.

Il 34enne dovrà rispondere di evasione mentre il 41enne di detenzione di droga a fini di spaccio.

Se ti va lascia un like alla nostra pagina Facebook

Continue Reading

News

Violazioni ambientali a Licola: tre denunce

Published

on

Violazione ambientali a Licola

Violazioni ambientali a Licola di Pozzuoli controllate una officina meccanica con problemi con i rifiuti e una falegnameria abusiva

Violazioni ambientali a Licola di Pozzuoli. I carabinieri della locale stazione e quelli forestali della stazione di Pozzuoli hanno denunciato 3 persone per violazioni alla normativa ambientale.

Il primo è il titolare di un’officina meccanica al cui interno erano stoccati rifiuti senza alcun controllo.

I militari hanno riscontrato una cattiva gestione delle acque reflue e dei registri di carico e scarico dei rifiuti.

A finire nei guai anche il gestore di una falegnameria. L’attività era condotta senza alcuna autorizzazione e il locale era alimentato da un allaccio abusivo alla rete elettrica. Anche in questo caso sono stati rilevati rifiuti smaltiti illecitamente. L’attività è stata sequestrata.

Denunciata anche la proprietaria dello stabile in cui era la falegnameria.

Se ti va lascia un like sulla nostra pagina facebook

Continue Reading

News

Controlli ambientali a Bacoli: sequestrato un autolavaggio

Published

on

Controlli ambientali a Bacoli
Foto repertorio

Controlli ambientali a Bacoli: I militari dell’arma hanno sequestrato un autolavaggio del posto e denunciato il titolare 35enne

Controlli ambientali dei carabinieri anche a Bacoli. I militari della locale stazione hanno denunciato un 35enne del posto, titolare di un autolavaggio in Via Mercato di Sabato.

Riscontrato il mancato tracciamento dei liquami prodotti durante il lavaggio delle auto e lo scarico incontrollato. Un fenomeno diffuso che genera seri danni all’ambiente.
Il locale è stato sequestrato. I controlli continueranno anche nei prossimi giorni.

Ti potrebbe interessare leggere anche: Iniziata la pulizia straordinaria delle spiagge di Bacoli

Se ti va lascia un like alla nostra pagina Facebook

Continue Reading

Trending

Punto! il Web Magazine


"Punto!" il Web Magazine è un giornale Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto e Carmine Sgariglia.

Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano.

Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011.


Direzione


Direttore Responsabile

Carmine Sgariglia

Direttore Editoriale

Vincenzo Perfetto


Copyright


Copyright © 2011 - 2022

Punto! il Web Magazine