Connect with us

Politica

Marano, Reddito di Cittadinanza M5S: la Giunta Visconti sta attuando la fase due?

Published

on

Municipio di Marano

Il gruppo del Movimento 5 Stelle di Marano interroga il Sindaco Visconti e la Giunta comunale a fornire risposte alla cittadinanza.

Con la pubblicazione del decreto del Ministero del lavoro 22 ottobre 2019, nella Gazzetta ufficiale dell’8 gennaio 2020, si è dato ufficialmente il via alla “Fase 2 del Reddito di cittadinanza (RDC)”. Nello specifico, i percettori del RDC sono tenuti a svolgere i cosiddetti PUC ovvero i progetti utili alla collettività, presso il Comune nel quale risiedono.

Gli aventi diritto dovranno, dunque, fornire la loro disponibilità per almeno 8 ore settimanali e, nell’ambito del Patto per il lavoro e del Patto per l’inclusione sociale, impegnarsi a svolgere attività in svariati ambiti. Il catalogo spazia dall’ambito culturale a quello sociale, passando per: ambiente, attività, artistiche, formazione e tutela dei beni comuni.

Spetta ai Comuni gestire tali attività socialmente utili nel momento in cui, in un determinato settore, si riscontrino delle esigenze specifiche (e a Marano siamo certi che non manchino).

Per poter avviare il processo è necessario, però, che ogni Comune effettui preliminarmente una serie di passaggi per i quali è richiesta, anzitutto, una mappatura completa dei percettori del RDC.

Invitiamo, dunque, il Comune di Marano a muoversi nella direzione di attuazione della “Fase 2 del RDC”; pertanto, il Movimento 5 Stelle Marano di Napoli, protocolla una richiesta urgente di interrogazione rivolta alla giunta Visconti per ricordarle di rispettare gli impegni previsti nel Decreto Ministeriale 22 ottobre 2019 n. 149.

Con la presente il Movimento 5 Stelle Marano di Napoli interroga Visconti e la giunta comunale:

  1. Su cosa stia facendo il Comune di Marano per dare concreta attuazione alla “Fase 2 del Reddito di Cittadinanza”.
  2. Se ha risposto alla mail istituzionale che il Ministero ha inviato a tutti i sindaci, attuando la convenzione con il Ministero del Lavoro.
  3. Se ha effettuato la registrazione alla piattaforma GePi, progettata e sviluppata per semplificare il lavoro degli assistenti sociali nell’accompagnare i beneficiari del RDC convocati dai servizi sociali dei Comuni. Tale piattaforma consente, infatti, di attivare e gestire i Patti per l’inclusione sociale e di avere un immediato accesso ai dati rilevanti.
  4. Quali e quanti progetti ha presentato il Comune di Marano e quante persone prevede di impegnare?

Riteniamo, infatti, che i progetti riqualificanti e socialmente utili alla comunità comportino dei benefici sia per i soggetti percettori del RDC, in quanto potranno sentirsi realmente parte attiva nel “Patto per l’inclusione sociale” sia per l’intera collettività del territorio di Marano che potrà vivere in un territorio pronto ad erogare maggiori servizi.

Nota stampa M5S Marano di Napoli

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Pozzuoli, Nuovo bando Rifiuti da: decide tutto Figliolia by-passando il Consiglio Comunale

Published

on

L’opposizione di Pozzuoli sul Bando da 49 milioni insorge: “I Consiglieri di opposizione chiedono l’annullamento del bando per vizi di legittimità delle procedure”

Scadrà il 12 Giugno il termine per la partecipazione al nuovo bando quinquennale per la gestione integrata del ciclo dei rifiuti, deliberato dalla Giunta Comunale il 24 Marzo scorso. La base d’asta per le offerte economiche è di circa 49 milioni di euro, ovvero quasi 10 milioni di euro annui contro gli 8 milioni corrisposti all’attuale gestore, in virtù dell’appalto scaduto lo scorso febbraio. Attualmente il servizio è ancora svolto, in proroga di 6 mesi, dalla De Vizia S.p.A.

Per i Consiglieri Comunali di opposizione, l’iter seguito per l’indizione della nuova gara sarebbe però caratterizzato da diversi profili di illegittimità e pertanto ne è stato chiesto l’annullamento.

«Quanto accaduto è inaccettabile oltre che essere palesemente contro le norme. Il Sindaco Figliolia e la sua Giunta hanno mostrato ancora una volta di non avere nessun rispetto per il Consiglio Comunale e per il ruolo e le prerogative dei Consiglieri. La legge attribuisce al Consiglio e non alla Giunta la competenza sugli atti riguardanti l’organizzazione dei pubblici servizi riferiscono i Consiglieri Comunali, Antonio Caso e Domenico Critelli del M5S e Raffaele Postiglione di “Pozzuoli ORA!”, Lydia De Simone e Vincenzo Daniele del Gruppo Misto, Pasquale Giacobbe di Forza Italia – Invece, senza alcuna discussione, né nelle commissioni né in Consiglio, e in assenza di indicazioni specifiche nei documenti di programmazione vigenti, Sindaco e Assessori hanno deciso d’imperio di dettare nuove linee di indirizzo che stravolgono l’attuale gestione del ciclo dei rifiuti. Pertanto, abbiamo ufficialmente chiesto l’annullamento del bando e se non saremo ascoltati ci rivolgeremo nuovamente al Prefetto.»

Le nuove linee di indirizzo “dettate” dalla Giunta, infatti, prevedono l’esternalizzazione dell’attività di spazzamento, attualmente svolta internamente con il supporto dei lavoratori socialmente utili, e il passaggio dal modello di raccolta differenziata “pesante” a quello “leggero” (con il vetro a parte). I centri di raccolta, l’area di trasbordo, i mezzi e le attrezzature per lo spazzamento, realizzati e acquistati con fondi pubblici, saranno dati in gestione al nuovo affidatario a cui verranno ceduti i ricavi derivanti dalla vendita del multimateriale, a fronte di compenso economico.

«Modifiche sostanziali di cui si sarebbe dovuto discutere approfonditamente in sede di Consiglio. A ciò c’è da aggiungere una strana coincidenza che stiamo approfondendo: il 15 Maggio scorso, con una Delibera di Giunta, si è proceduto a riconoscere alla De Vizia la cifra di 1,3 milioni di euro attraverso un accordo bonario per la definizione di una controversia pendente in giudizio e risalente agli anni 2006-2008. Perché proprio e solo ora?» concludono i consiglieri di opposizione.

Nota stampa Consiglieri di Opposizione di Pozzuoli

Antonio Caso (M5S)
Domenico Critelli (M5S)
Raffaele Postiglione (Pozzuoli ORA!)
Lydia De Simone (Gruppo Misto)
Vincenzo Daniele (Gruppo Misto)
Pasquale Giacobbe (Forza Italia)

Continue Reading

Politica

Saviano, Nappi: “De Luca e Dema non siano complici, condannino episodio”

Published

on

severino nappi

Severino Nappi: “Le affermazioni di Saviano pronunciate ieri sera da Fazio, sulla tv di Stato e senza contraddittorio sono vergognose”

“Le affermazioni di Saviano pronunciate ieri sera da Fazio, sulla tv di Stato e senza contraddittorio sono vergognose. Un episodio che va assolutamente stigmatizzato perchè criminalizzare un’intera categoria di professionisti, il cui ruolo in questo momento è fondamentale per aiutare imprese e cittadini a districarsi nel labirinto normativo dello Stato, è profondamente sbagliato. L’episodio non merita l’ambiguità del silenzio delle istituzioni, meno che mai di quelle locali. Chiediamo al governatore De Luca e al sindaco De Magistris di assumere una posizione chiara di condanna dell’accaduto, perché in episodi così vergognosi la neutralità non è consentita. O si prende posizione o si è complici”. Lo scrive in una nota Severino Nappi, presidente del Movimento Civico Il Nostro Posto.

Nota stampa Severino Nappi (Il Nostro Posto)

Continue Reading

Politica

Sanità, Beneduce: “Si approvi velocemente Ddl anti-aggressioni”

Published

on

Consigliera Regionale Flora Beneduce (FI)

Beneduce: “Buona notizia l’approvazione alla Camere e il passaggio in terza lettura al Senato del Ddl Anti-aggressioni, ma si faccia di tutto per chiudere iter legislativo”

“L’approvazione alla Camera e il passaggio in terza lettura al Senato del Ddl anti-aggressioni, che punta a tutelare gli operatori sanitari durante l’esercizio delle loro funzioni, è una buona notizia. Ora però si faccia di tutto per chiudere l’iter definitivamente e dotare la legislazione italiana di una norma che ridia dignità ai camici bianchi e a chi presta la propria opera tutti i giorni in ospedale e nei presidi del territorio per salvare vite umane”.

Lo dichiara la consigliera regionale Flora Beneduce, componente della Commissione Sanità della Campania.

“Già nel marzo del 2018, oramai due anni fa, mi resi promotrice di una mozione in Consiglio regionale che impegnava il presidente della Giunta regionale a fornire indicazioni ai Direttori generali per varare un piano di sicurezza per i presidi del territorio, in particolare per le ex guardie mediche. Quella mozione fu approvata all’unanimità e ora ha anche più valore”, spiega Beneduce.

“La pandemia ha invertito una tendenza che sta diventando pericolosa, consentendo alle persone di apprezzare di più e meglio il lavoro fatto in corsia, ma la strada da fare per garantire la sicurezza del nostro personale medico e sanitario è ancora molto lunga”, aggiunge.

“Serve – conclude – un’azione di sensibilizzazione verso la figura del medico e di chi opera in strutture sanitarie, mettendo al centro il valore scientifico ed il patrimonio di conoscenze che queste figure rappresentano e la scelta di mettere al servizio delle comunità ciò che hanno appreso durante il corso di studi e sul campo. Anche l’Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli operatori sanitari e socio-sanitari sarà uno strumento utile per il monitoraggio ed una conoscenza ancora più approfondita del fenomeno. È un primo passo ma può avere un effetto rilevante per la tutela dei professionisti della sanità se compiuto velocemente con una rapida approvazione del testo in Parlamento”.

Nota stampa Flora Beneduce Consigliera Comunale (FI)

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy