Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Purple weed sequestrata sui Monti Lattari

Pubblicato

il

purple weed

Monti Lattari: la purple weed tra i sequestri durante il blitz dei carabinieri che utilizzano il drone nella Giamaica italiana

Purple weed sequestrata sui Monti Lattari. Ritorna l’estate e con lei, prepotentemente, anche la Giamaica italiana.

I carabinieri della Compagnia di Castellammare di Stabia lo sanno bene e monitorano 24 ore su 24 la zona dei Monti Lattari.

Pubblicità

Ogni cambiamento della vegetazione può essere fondamentale e anche il colore delle piante può favorire eventuali avvistamenti. I militari studiano la zona dal paesaggio unico palmo dopo palmo.

Si procede con pattugliamenti e rastrellamenti fino a vedere tutto dall’alto con elicotteri e ormai anche droni. È proprio grazie al piccolo dispositivo alato che i carabinieri hanno arrestato C. B., 68enne di Sant’Antonio Abate già noto alle forze dell’ordine e con precedenti specifici.

I militari avevano adocchiato la zona e previsto un servizio ad hoc. L’arrivo dell’uomo ha sbloccato l’operazione con i carabinieri che sono intervenuti. Inizialmente il 68enne non si è arreso cercando di sfuggire mimetizzandosi nella vegetazione.

Pubblicità

Peccato per lui che il drone dall’alto seguiva ogni suo passo e i carabinieri hanno potuto bloccarlo e arrestarlo.

Le perquisizioni estese nell’area hanno permesso di rinvenire e sequestrare 15 piante da un metro e 80 l’uno in perfetta fioritura.

Nel sequestro però emerge un dato allarmante e significativo. I narcotrafficanti stanno rispondendo alle richieste del mercato, specie quello più giovane.

Trovata la purple weed, chiamata anche purple haze come cantava il grande Jimi Hendrix. I carabinieri hanno trovato diverse piantine della marijuana viola tanto cara alla generazione Z.

Pubblicità

Le piantine erano piccole, probabilmente appena piantate e lontane dal produrre germogli ma il dato resta oggettivo e quella droga è ancora più pericolosa di quella tradizionale.

Se ti va lascia un like su Facebook, seguici su X e Instagram

Pubblicità