Quantcast
Connettiti con noi

News

Lesioni personali aggravate da discriminazione e odio razziale: arrestato 24enne

Pubblicato

il

Lesioni personali aggravate

Lesioni personali aggravate da odio razziale e discriminazione di questo è ritenuto responsabile un indagato 24enne a Benevento

Lesioni personali, discriminazione ed odio razziale. Questa mattina, all’esito di intensa attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento, i Carabinieri della locale compagnia Compagnia hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari.

Ad emettere il provvedimento il GIP del Tribunale di Benevento su richiesta della locale Procura della Repubblica.

A finire ai domiciliari per effetto della misura cautelare un indagato ventiquattrenne, gravemente indiziato dei delitti di lesioni personali con l’aggravante dell’aver commesso il fatto per finalità di discriminazione ed odio razziale.

L’attività d’indagine è partita dall’episodio verificatosi la notte 13 maggio 2023 nel centro storico di Benevento, all’esterno di un locale pubblico. In quell’occasione quattro persone di nazionalità cinese subivano un’aggressione, sia fisica che verbale, da parte di un giovane.

L’uomo, in quella circostanza, avrebbe anche pronunciato espressioni discriminatorie a sfondo razziale nei loro confronti. Trasportate presso il locale ospedale “Fatebenefratelli”, il personale medico ha diagnosticato loro contusioni in varie parti del corpo con un prognosi dai due ai tre giorni.

Le indagini svolte, fin da subito, dai militari della Stazione Carabinieri di Benevento e del Nucleo Operativo e Radiomobile, hanno consentito di di ricostruire quanto accaduto e di identificare il ventiquattrenne indagato, già noto alle forze dell’ordine, che aveva aggredito le vittime.

L’uomo era in compagnia di altre persone, poi allontanatesi a bordo di una vettura poco prima l’intervento delle forze dell’ordine. Fondamentali ai fini dell’indagine l’analisi delle immagini delle telecamere della zona e dei video registrati dalle vittime e l’escussione dei testimoni, compresi abitanti della zona.

Sulla scorta degli elementi raccolti, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento, condividendo la richiesta di questa Procura, emetteva il provvedimento cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del ventiquattrenne, in considerazione del pericolo di reiterazione di reati della stessa specie di quelli accertati.

La misura oggi eseguita è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari. Contro di essa sono ammessi mezzi di impugnazione, e il destinatario della stessa una è persona sottoposta alle indagini e quindi presunto innocente fino a sentenza definitiva.

Se ti va lascia un like su Facebook, seguici su X Instagram

Trending