Quantcast
Connettiti con noi

News

Annullate Giornate FAI: Uniti per Pozzuoli stigmatizza la decisione

Pubblicato

il

Uniti per pozzuoli

Annullate le Giornate FAI a Pozzuoli. Uniti per Pozzuoli: “L’annullamento degli eventi non è certo un segnale di distensione”

Annullate Giornate Fai a Pozzuoli È con grande frustrazione e profonda delusione che oggi ci troviamo a dover apprendere dell’annullamento delle giornate FAI (Fondo Ambiente Italiano) a Pozzuoli, in questo prossimo autunno. Questa decisione è stata presa a seguito della recente crisi bradisismica che ha colpito la nostra regione, giustifcandola al fine di evitare panico ed evitare di mettere a rischio la sicurezza dei visitatori. Lo annuncia Uniti per Pozzuoli in una nota inviata in redazione.

Pur comprendendo il momento difficile che sta attraversando la città di Pozzuoli e l’intera area flegrea per il progressivo ritorno del fenomeno bradisismico, “Uniti per Pozzuoli”, stigmatizza con fermezza la decisione presa dall’importante organizzazione no-profit che ha deciso di annullare gli eventi previsti in calendario.

Pubblicità

L’annullamento degli eventi non è certo un segnale di distensione per i turisti e visitatori che vogliono raggiungere le nostre mete turistiche, anzi, in questo modo non si fa altro che alimentare una campagna mediatica che già di per sé sta facendo i primi danni al tessuto economico locale.

Al contrario di quanto deciso dal FAI, le iniziative per promuovere l’immenso patrimonio museale e archeologico, andrebbero realizzate, maggiormente programmate, poiché la crisi bradisismica ci ha messi di fronte a una realtà in cui dobbiamo convivere , probabilmente per molto tempo, e non è pensabile tenere fermi dei comparti economici come quello turistico e commerciale, linfa vitale per il territorio.

Ciò detto, “Uniti per Pozzuoli”, si attiverà in sede istituzionale per chiedere spiegazioni in merito alla decisione del FAI e si attiverà maggiormente sul territorio per tenere alta l’attenzione al fine di evitare un collasso economico che le aziende flegree in questo momento non possono permettersi.

Pubblicità

Lascia un like su Facebook e seguici su Twitter

Pubblicità