Quantcast
Connettiti con noi

News

Raccolta fondi a sostegno di Sara Pia Cotugno

Pubblicato

il

Condividiamo su segnalazione, la campagna fondi a sostegno della giovane calabrese Sara Pia Cotugno, lanciata dalla madre Antonella Scorda

Sara Pia Cotugno, nata il 26/07/2000 a Reggio Calabria, residente in un paese della Calabria precisamente a ( Bovalino Marina), è nata con una cardiopatia congenita al cuore per la quale è stata sottoposta, fin da piccola, a tre interventi a cuore aperto all’ospedale di Bologna.

Pubblicità

All’età di tre anni le hanno diagnosticato la distrofia muscolare di Duchenne una malattia muscolare che purtroppo l’ha obbligata alla sedia a rotelle già all’età di nove anni.

«Ma nonostante tutto io ho avuto la forza di andare avanti nonostante la mia malattia. Per la mia famiglia non è stato affatto facile e nemmeno per me ma ho pensato che nella sfortuna ci sono malattie più brutte della mia è questa cosa mi ha fatto riflettere tanto nonostante tutto io sorrido lo stesso».

La raccolta fondi nasce perché, da novembre 2019, Sara è a letto senza potersi alzare a causa degli atroci dolori causati dalla schiena senza però sapere da cosa dipendano.

Ha bisogno di andare a Bologna sia per i controlli sia per le cure:

Pubblicità

«Dovrei viaggiare in ambulanza dalla Calabria a Bologna ma sarebbe un viaggio di ben 12/14 ore in barella che sarebbe per me una sofferenza esagerata per il dolore che proverei durante il viaggi.o L’alternativa  sarebbe andare con un Eliambulanza  che i miei genitori hanno già contattato ma ci hanno chiesto una cifra abbastanza elevata di ben 16.000 euro cosa che io ovviamente  non posso affrontare in quanto i miei genitori non lavorano perché mia madre è dedicata a me 24/24 h e mio padre ha perso il lavoro da un bel po’ di tempo. Quindi tiriamo avanti con la mia pensione di 900 euro cosa non facile perché ho sempre bisogno di cure . Io non ho mai chiesto aiuto a nessuno perché evito di lamentarmi  ma questa volta ho davvero bisogno perché voglio ritornare a sorridere e a vivere la mia vita con un po’ di serenità è un po’ di spensieratezza come una ragazza di 21 anni con una vita davanti che non può rimanere allettata quando fuori c’è una vita che l’aspetta».

Se Sara non riuscirà a raggiungere la cifra di 16.000 euro, non potrà raggiungere Bologna e così curarsi.

«Voglio ritornare ad uscire con la mia famiglia i miei amici, vedere il sole o prendere anche un po’ di aria, per me ogni piccola cosa è una cosa grandissima io vi chiedo solo un po’ di comprensione niente più so che molte persone non mi crederanno ma io posso fornire le dovute informazioni del costo del viaggio a chiunque me lo chiederà».

Pubblicità

Grazie dell’attenzione ❤️Con affetto Sara .

https://www.gofundme.com/f/ritornare-a-sorridere?member=12968791&sharetype=teams&utm_campaign=p_na+share-sheet&utm_medium=social&utm_source=whatsapp

Pubblicità