Connect with us

Business

Allarme di Confesercenti: Giù mani da turisti troppe tasse statali e balzelli comunali

Published

on

Il presidente Vincenzo Schiavo: «È ora di promuovere il nostro territorio e invece le Istituzioni confermano le tasse del passato e aggiungono oboli per i viaggiatori»

Grido d’allarme di Confesercenti Campania sulla ripresa del turismo in regione.

Il Presidente Vincenzo Schiavo è netto: «Dopo i lunghi stop e la crisi dovuta alla pandemia non è possibile mantenere lo stesso carico di tasse che c’era nel 2019. Come se non bastasse diversi comuni della nostra regione continuano ad applicare tasse di soggiorno o nuovi balzelli simili: emblematico il caso di Amalfi, dove è operativa una delibera di marzo 2019 che prevede un obolo di dieci euro a vettura per la sola salita e discesa passeggeri in piazza Flavio Gioia. E’ come se ci fossero pezzi di Stato che ritengono che nulla sia cambiato nel mondo del turismo».

I dati della crisi del comparto sono gravi e sotto gli occhi di tutti. Confesercenti Campania rivela che nella nostra regione il mondo del turismo nel 2020 ha perso oltre 800 milioni di euro di fatturato, mettendo in ginocchio circa 63mila imprese, ferme e senza lavoro. Quasi 400mila lavoratori sono stati lasciati a casa, visto che hanno lavorato solo 42 giorni nel corso dell’estate 2020.

«Finalmente ripartono tutte le attività del turismo– sottolinea Vincenzo Schiavo -, dagli alberghi, affittacamere, B&B alle agenzie di viaggio, dalle guide turistiche ai bus turistici e agli NCC e a tutta la filiera. È per questo inconcepibile che questa ripresa del turismo venga ancora frenata. In questo momento Stato, Regione e Comuni dovrebbero sostenere e favorire questo comparto con una promozione strategica, sburocratizzando e alleggerendo la pressione fiscale. Bisogna anche varare la de-stagionalizzazione del turismo, per andare oltre questa breve stagione che ci aspetta. I danni dovuti alla pandemia sono noti, il coprifuoco delle 22 iper pubblicizzato ha messo in fuga i turisti verso Grecia, Croazia e altri paesi europei. Ora che l’abolizione è vicina iniziamo di nuovo con tasse e balzelli vari? Confesercenti dice basta! I turisti vanno attratti e messi in sicurezza e non scoraggiati o “spremuti”. Le Istituzioni si impegnino piuttosto a promuovere le bellezze dei nostri territori garantendo il covid free con vaccinazioni anche nei luoghi turistici».

Nota stampa Confesercenti Campania

Business

Bezos alla conquista della luna: offerti 2 miliardi alla NASA

Published

on

Una offerta monstre secondo la BBC potrebbe far riconsiderare l’esclusione dalla costruzione di un veicolo per l’atterraggio lunare

Jeff Bezos si è offerto di coprire la bellezza di 2 miliardi di dollari per essere riconsiderato nella costruzione di un veicolo per lo sbarco sulla Luna. Il tutto con una delle sue società, la Blue Origin.

A riportarlo è la BBC sul proprio sito ufficiale. Sembrerebbe infatti che l’uomo più ricco del mondo, soldo più soldo meno, stia cercando di rientrare nei giochi. Il tutto andando a colmare il gap economico che si era creato nel budget della missione spaziale da parte della NASA.

Gap che aveva di fatto impedito la possibilità di poter far partecipare due aziende diverse alla missione che si dovrebbe concludere nel 2024. Chi è l’altra società attualmente vincitrice? Semplice, si tratta della SpaceX del mitico Elon Musk.

Alla fine molti pensano che l’offerta del capo di Amazon sia più che allettante. Potrebbe quindi nascere una collaborazione (sempre in chiave competitiva) con l’altro gigante tecnologico della nostra epoca.

Continue Reading

Business

Confersercenti Campania, rieletto Presidente Vincenzo Schiavo

Published

on

Vincenzo Schiavo: «Turismo, Cultura, e utilizzo fondi del PNRR. 50mila imprese regionali a rischio chiusuara, lo Stato riduca pressione fiscale e burocrazia»

Si è tenuta questa mattina, presso lo “Starhotels Terminus” di Napoli, l’”Assemblea Elettiva 2021 Confesercenti regionale della Campania”: confermato presidente, per la quarta volta consecutiva, Vincenzo Schiavo, anche delegato nazionale per le politiche del Mezzogiorno di Confesercenti. Nel corso dei lavori un lungo applauso è stato dedicato dai delegati a Emanuele Melillo, l’autista deceduto ieri a Capri.

Vincenzo Schiavo ha ringraziato gli oltre 150 delegati presenti che lo hanno votato: «Negli ultimi 15 anni ho messo a disposizione la mia passione, il mio entusiasmo, le mie conoscenze, il mio tempo, e ricevere dopo così tanto tempo di affascinante e duro lavoro la  riconferma per i prossimi 4 anni mi riempie il cuore di gioia ed entusiasmo». Ha inoltre stilato un breve bilancio delle attività di Confesercenti Campania tracciando, soprattutto, le linee programmatiche per il futuro delle imprese della regione. «Siamo orgogliosi di poter dire che Confesercenti Campania è stata sempre al fianco delle imprese in questi in questi 16 mesi e 501 giorni di pandemia e di sofferenza. Confesercenti rappresenta il corpo Intermedio tra lo Stato e l’Impresa: in tal senso abbiamo sempre avuto un numero verde attivo in tutto il lockdown, uno staff di 40 professionisti per offrire supporto a tutti i nostri imprenditori e commercianti, aiutandoli anche a ottenere finanziamenti e ristori».

Le Criticità

Sull’utilizzo rafforzato del green pass Schiavo è critico: «Dobbiamo esserlo perchè in questa fase il Governo non dovrebbe alzare l’asticella della difficoltà per le nostre attività, ma supportarle con aiuti concreti e sgravi fiscali. Tutti devono vaccinarsi, ma non è giusto continuare a discriminare, con ulteriori ostacoli, i ristoranti e i locali, già vessati dalla crisi legata al Covid». La pressione fiscale rappresenta uno dei temi più sentiti dalle imprese campane. «E’ un’ulteriore dramma per le nostre attività: la pressione fiscale del 60% è inaccettabile, è troppo anche pagare il 110% dello stipendio riconosciuto al lavoratore tra tasse e contributi. Lo Stato deve abbattere questi costi, ma anche velocizzare la “burocrazia”, resa ancora più lenta dalla pandemia. Basti pensare all’aumento degli adempimenti consequenziali, 92 l’anno, per un costo di circa 9mila euro all’anno per ogni piccola impresa. L’allarme è quantomai serio: senza sostegno dello Stato al rilancio della nostra economia, dopo la pandemia più di 50mila imprese in Campania saranno costrette ad alzare bandiera bianca».

Il Futuro

Vincenzo Schiavo ha ribadito come il rilancio dell’economia delle imprese campane passi attraverso l’utilizzo intelligente dei fondi Pnrr: «Per la Campania si tratta di una partita unica per cambiare pelle, da non fallire perchè è un treno che passa una sola volta. Dobbiamo dare forza al mondo del turismo, che è l’unico volano che consente di rilanciare il Mezzogiorno, ridurre il gap atavico con il Nord, fare in modo che la nostra regione diventi l’hub principale del Mediterraneo per attrarre investitori esteri: queste le opportunità per rilanciare la nostra economia. Inoltre bisogna investire nella tecnologia e nell’innovazione, senza perdere la nostra magnifica ed atavica tradizione. Dobbiamo capitalizzare di più nel Turismo e nella Cultura: questo binomio farà ripartire l’economia dell’Italia».

Presenti 150 delegati e, tra gli altri, la presidente Confesercenti Nazionale Patrizia De Luise, il presidente di Unioncamere Andrea Prete e gli assessori della Regione Campania Antonio Marchiello e Felice Casucci

Ricchissimo e di prestigio il parterre degli intervenuti, a partire da Patrizia De Luise, presidente Nazionale Confesercenti, collegata in videocall: «L’utilizzo dei fondi del Pnrr sarà fondamentale – ha affermato – e noi di Confesercenti vigileremo sul loro corretto impiego. L’Europa ci ha dato dei paletti al fine di avere questi finanziamenti. Oltre alle riforme essenziali, su burocrazia, fisco e giustizia, occorrono anche il rispetto e la qualità del territorio: temi fondamentali visto che abbiamo problemi notevoli di tenuta in Italia, a causa del cambiamento climatico ma anche del cattivo utilizzo del territorio. Per Confesercenti – ha sottolineato la presidente nazionale – tutte le aziende sono importanti: i nostri progetti riguardano complessivamente tutte le attività, mai mettendole in contrapposizione, ma coinvolgendole tutte nel rilancio dell’economia. In tal senso pensiamo fortemente di puntare sulla ripresa delle imprese di prossimità, quelle che hanno sofferto di più – alimentari a parte- in questa fase. La presenza di queste attività contribuisce anche a mantenere vivo il territorio e la presenza abitativa e residenziale delle nostre città: sono per noi essenziali per la tenuta sociale dei nostri territori. Esprimo le congratulazioni a Vincenzo Schiavo per la conferma del suo mandato e considero quello del mezzogiorno non il problema di una parte d’Italia ma un problema del paese Italia: siamo un’unica nazionale la ripresa ci sarà solo se ci muoveremo tutti insieme, come facciamo noi di Confesercenti».

Presente anche Felice Casucci, Assessore al Turismo della Regione Campania: «Con Confesercenti Campania e con il presidente Schiavo abbiamo instaurato immediatamente un dialogo costante e costruttivo: Confesercenti è stato il primo contatto che ho avuto da assessore. E’ sempre stato un alleato straordinario nelle cose che abbiamo realizzato, ha dato un contributo decisivo anche alla nostra pianificazione turistica con osservazioni puntuali». «Mi complimento con Vincenzo Schiavo-  di rimando Antonio Marchiello, Assessore alle Attività Produttive e al Lavoro della Regione Campaniaper la conferma dell’incarico: si tratta di una persona di notevoli qualità, ho utilizzato spesso la sua capacità di conoscere il territorio come supporto al nostro assessorato: continueremo il percorso insieme per sostenere il rilancio dell’economia della nostra regione».

Prestigiose anche le altre personalità presenti: tra esse Andrea Prete, alla prima uscita da Presidente di Unioncamere Nazionale, Andrea Cozzolino (EuroParlamentare), Ciro Fiola- (Presidente CCIA Napoli), Tommaso De Simone (presidente CCIA Caserta) Maurizio Stefanizzi – Gen. Div. Arma dei Carabinieri, Gen. Di Brigata Gabriele Failla (Comandante Provinciale Guardia di Finanza), Gen. Giuseppenicola Tota (Comando Forze Operative Sud Esercito). Da Mosca si è inoltre collegato in videoconferenza il presidente della Camera di Commercio Italo-Russa Vincenzo Trani.

Nel corso dell’assemblea elettiva è stato ricordato l’autista deceduto ieri a Capri

Al termine della votazione, nel corso dell’intervento del responsabile Assoturismo Roberto Pagnotta, è stato dedicato un lungo applauso in memoria di Emanuele Melillo, l’autista deceduto ieri a Capri a causa dell’indicente del minibus.

Nota stampa Confesercenti Campania

Continue Reading

Business

Confesercenti/Sided Napoli: Eletto Presidente Vincenzo De Pompeis

Published

on

Il Presidente di Confesercenti Schiavo: “L’uomo giusto per rilanciare la categoria”

Il presidente di Confesercenti Campania Vincenzo Schiavo si congratula con la nuova guida dell’associazione dei gestori di discoteche e locali da ballo della provincia di Napoli

Si è riunita oggi la prima assemblea degli associati di SIDED, l’associazione di categoria dei gestori di discoteche e locali da ballo della provincia di Napoli aderenti a Confesercenti.

L’assemblea ha eletto all’unanimità Vincenzo De Pompeis nuovo Presidente provinciale di Napoli. Il Presidente di Confesercenti Campania, Vincenzo Schiavo, intende congratularsi con De Pompeis per l’incarico: «Tutti i nostri “verticali” stanno avendo il privilegio di avere al vertice “uomini del fare”, come in questo caso. Vincenzo De Pompeis è uno degli imprenditori che da sempre ha mostrato di avere importanti capacità e una visuale costruttiva. In questo difficile momento post-pandemico, è sicuramente l’uomo giusto per rilanciare una delle categorie più colpite dalla crisi e dalle chiusure. Mi congratulo con lui, so che ha l’esperienza necessaria per guidare il settore, sostenendone le esigenze presso le istituzioni categorie e nel contempo sarpà dare alle imprese le migliori opportunità».

«Il nostro settore negli ultimi due anni è stato letteralmente messo in ginocchio – spiega il neo eletto Presidente di Confesercenti/Sided – siamo stati i primi a subire provvedimenti restrittivi e ancora ad oggi non abbiamo avuto nessuna indicazione su modi e tempi di riapertura».

Tanti i punti affrontati durante il primo incontro e decise le linee guida che verranno attuate per tutelare i diritti e le istanze del gruppo: lotta all’abusivismo sfrenato, che dilaga in questi tempi di pandemia sotto gli occhi di tutti, tutela dei lavoratori del settore, rappresentanza del ruolo chiave delle attività in oggetto per lo sviluppo del turismo.

«Il nostro settore, pur sempre snobbato dalle istituzioni, rimane cruciale per l’economia italiana. Oltre all’impatto economico con un fatturato che nulla ha da invidiare ad un settore come l’agricoltura, il nostro ruolo risulta fondamentale per il settore turistico. È sempre più evidente infatti come accoglienza, offerta enogastronomica ed intrattenimento notturno siano i tre criteri fondamentali nella scelta delle mete turistiche. Il nostro obiettivo – conclude De Pompeis è quello di essere il punto di riferimento per gli operatori del settore nella provincia di Napoli prevedendo già un ampliamento della rappresentanza al livello regionale e nazionale. Con il contributo di tutti gli associati sono sicuro che usciremo vincenti da questo periodo di grave difficoltà».

Nota stampa Confesercenti/SIDED Napoli

Continue Reading

Business

CCIAA di Avellino: Sostegno Economico per Digitale settore Green

Published

on

Foto di Bruno /Germany da Pixabay

L’obiettivo della Camera di Commercio di Avellino è sostenere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle Medie, Piccole e Micro Imprese di tutti i settori economici

La Camera di Commercio di Avellino ha previsto un sostegno economico per promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle MPMI di tutti i settori economici.

Attraverso il “Voucher Digital I 4.0”, infatti, vengono finanziati progetti innovativi se ispirati a modelli green oriented.

Le agevolazioni previste consistono nel riconoscimento di un voucher (con un importo unitario massimo di euro 5 mila) la cui entità massima dell’agevolazione non può superare il 70% delle spese ammissibili.

Ogni impresa può presentare una sola domanda di contributo.
 

Possono beneficiare dell’iniziativa tutte le imprese di tutti i settori che, alla data di presentazione della domanda di agevolazioni, sono in possesso dei seguenti requisiti: 

  • a) abbiano sede operativa nella circoscrizione territoriale della Camera di Commercio di Avellino; 
  • b) siano attive e in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese;
  • c) siano in regola con il pagamento del diritto annuale;
  • d) abbiano un sito web aziendale attivo.

Sono escluse dalle agevolazioni le imprese ammesse agli stessi bandi emanati nei precedenti anni e che sono state dichiarate “decadute”, nonché le imprese ammesse all’Avviso dell’anno scorso e che non abbiano inviato comunicazione di rinuncia.

Sono ammissibili le spese per:

  1. servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più tecnologie tra quelle previste dal bando; tali spese devono rappresentare almeno il 30% delle spese ammissibili;
  2. acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti.

Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 9:00 dell’08/07/2021, fino alle ore 23:59 del 15/10/2021.

Per qualsiasi chiarimento, potete contattarci alla mail: etconsulting2003@gmail.com

Continue Reading

Business

Confesercenti Napoli, confermato Schiavo: «Meno tasse e Recovery fund: le nostre nuove sfide»

Published

on

All’Assemblea elettiva presenti: il Prefetto di Napoli Valentini, il Generale dell’Arma dei Carabinieri La Gala e l’assessore Galiero.

Schiavo: «La collaborazione con le Istituzioni e con le forze dell’ordine è fondamentale per tutelare a 360° le imprese».

Si è tenuta questo pomeriggio l’assemblea elettiva di Confesercenti Napoli. Confermato presidente Vincenzo Schiavo, eletta all’unanimità la nuova presidenza.

Tavolo assembleale

«Non abbiamo rinnovato solo la presidenza – esordisce Vincenzo Schiavoma anche l’impegno di Confesercenti di essere sempre al fianco delle imprese, specie in questa fase post-pandemica. Nel nostro territorio ci sono 92 comuni, 320.000 imprese, oltre 500.000 occupati. Un elogio va agli imprenditori che in questi lunghi mesi hanno sofferto con dignità e la nostra vicinanza va alle oltre 5.000 imprese che in Campania sono state costrette a chiudere le proprie attività a causa della crisi generata dalla pandemia. Confesercenti ha affrontato questi 18 mesi terribili di pandemia coadiuvando e supportando in toto gli imprenditori: con un numero verde dedicato, mettendo a disposizione consulenze di professionisti, favorendo sia le richieste di rimborsi economici ai nostri imprenditori che l’accesso al credito e la sospensione dei mutui. Siamo inoltre l’unica associazione di categoria che ha una struttura dedicata solo ed esclusivamente al racket e usura con lo sportello “Sos Impresa”. La collaborazione con le Istituzioni, con il Prefetto e con le forze dell’ordine è fondamentale per tutelare a 360° le imprese, per questo li ringrazio per la presenza  qui in assemblea, ma ancor di più per l’impegno profuso». Schiavo ha parlato anche dei progetti per il futuro: «Il nostro mondo associativo dovrà dare ancor più supporto alle imprese, fornendo loro nuove opportunità soprattutto in campo tecnologico, realizzando accordi di sviluppo con sistemi di vendita on-Line per ogni tipo di prodotto, in modo da avere più armi per combattere. Confesercenti chiede alla politica di sgravare le imprese dall’enorme pressioni fiscale: le nostre attività non possono pagare 56% di tasse per competere o per sopravvivere, superando la media nazionale. Sarà fondamentale sfruttare a dovere le risorse del Pnrr: è una sfida che occorre vincere per dare spinta economica, sopperendo alle infrastrutture che non abbiamo. Gli imprenditori di Napoli anelano a essere imprenditori centrali in Italia e non periferici».

Partecipanti

Alla riunione, tenutasi presso il Salone dei Principi dell’Hotel “Napolit’amo”, sono intervenute importanti personalità e rappresentanti delle Istituzioni, quali Marco Valentini, Prefetto di Napoli, Giuseppe La Gala, Generale dell’Arma dei Carabinieri e comandante provinciale, Ciro Esposito, Comandante della Polizia Locale, Rosa Galiero, assessore del Comune di Napoli e il colonnello Luigi Pardi del comando provinciale della Guardia di Finanza.

Prefetto di Napoli – Dr. Marco Valentini

«La cooperazione tra gli uffici di governo e le associazioni come Confesercenti è per noi molto importante – ha riferito nel suo intervento il Prefetto Marco Valentini-,  e il dialogo tra di noi è stato sempre attivo, anche in pieno lockdown, quando abbiamo  ricevuto in Prefettura 40 delegazioni di categoria associate a Confesercenti. E’ stato un termometro importante  per cogliere le angosce e i problemi di tanti che ci siamo premurati di trasferire in modo tempestivo a livello nazionale. In questa fase di rilancio sarà ancora più importante collaborare: uno dei temi significativi resta la lotta al racket e all’usura e in tal senso l’esistenza da 5 anni dello sportello “Sos Impresa” di Confesercenti è di rilievo. Senza denuncia è difficile sfidare questo reato sommerso. I casi però sono in calo e registriamo con fiducia il dato che la Campania è al primo posto in quanto a finanziamenti per supportare le vittime di questi reati. Gli altri due profili di legalità da combattere sono le infiltrazioni della criminalità, che prova ad approfittare della vulnerabilità degli imprenditori o del flusso di finanziamenti in arrivo, e l’abusivismo e il lavoro nero. Ecco perché la collaborazione tra le Istituzioni, le forze dell’ordine e le associazioni come Confesercenti è quantomai essenziali e per questo mi auguro che in futuro sia sempre più stretta».

Generale Giuseppe La Gala

«Il nostro obiettivo è fare in modo che tutti possono affidarsi e fidarsi della forze dell’ordine, siano essi cittadini o imprenditori. La nostra presenza qui oggi – ha riferito Giuseppe La Gala, Generale dell’Arma dei Carabinieri– serve proprio per rafforzare ulteriormente il legame che ci deve essere con le aziende, anche perchè sul territorio di Napoli in particolare abbiamo ben 100 stazioni dei carabinieri».

Assessore alle attività Produttive del Comune di Napoli Rosaria Galiero

Infine l’assessore al Commercio e alle attività produttive del Comune di Napoli, Rosaria Galiero, ha detto: «È un grande orgoglio essere qui. Quando ho ricevuto l’incarico di assessore, la prima associazione di categoria con cui ho avuto contatti è stata Confesercenti. E quando è scoppiata la pandemia, una delle prime telefonate è stata quella del Presidente Schiavo che mi disse: “di cosa avete bisogno?”.  Quello che abbiamo dimostrato in questo periodo di sofferenza è che fare comunità, lavorare insieme, ci dà una forza incredibile. Costruire una rete tra istituzione  e cittadini che credono nel territorio fa la differenza. Durante la pandemia Confesercenti ha svolto un lavoro fondamentale. Con il presidente Schiavo c’è sempre stato un confronto leale e schietto. Anche quando non siamo stati d’accordo, come amministratori abbiamo sempre riconosciuto a Confesercenti grande coerenza».

ALCUNI DATI DEL DOSSIER CONFERSERCENTI – Tra marzo 2020 e marzo 2021 sono stati 119 i giorni di chiusura- a causa della pandemia- delle imprese in Campania, peggio solo 8 regioni in Italia (provincia di Bolzano 154, Abruzzo 146, Toscana 143, Umbria 139, Valle d’Aosta 128, Lombardia e Puglia 123). I ristori assicurati dal Governo sono stati in media di 3mila euro alle aziende: in media 2773 dal Dl rilancio, 3792 da Dl Ristori, 2475 dal Dl Agosto (centri storici). Le imprese a rischio chiusura nel 2021 in Campania sono oltre 7mila: secondo il dossier di Confesercenti sono 5102 quelle a rischio nei pubblici esercizi e 2190 nei settore commercio-moda.

Nota stampa Confesercenti Campania

Continue Reading

Business

Turismo di lusso, Confersercenti: «Sarà un traino per ripresa economica della Campania»

Published

on

Schiavo: «La pandemia ha azzerato i fatturati, puntare su questo segmento turistico è una strategia di rilancio: la Campania abbonda di località meravigliose»

Si è tenuto oggi a Napoli, nell’ambito della 24esima edizione del “BMT- Borsa Mediterranea del Turismo” il convegno organizzato da Confesercenti/Assoturismo Campania dal titolo: “La sfida del turismo di lusso per il rilancio dell’economia della Campania”.

Il presidente di Confesercenti Campania Vincenzo Schiavo ha introdotto il tema dell’incontro: «Occorre coraggio e lungimiranza per rilanciare la nostra economia, azzerata dalla crisi dovuta alla pandemia. Insieme ai responsabili di Assoturismo Roberto Pagnotta, Marco Bottiglieri e Gennaro Lametta, che non smetterò mai di ringraziare per l’eccezionale lavoro che stanno svolgendo, abbiamo varato una strategia, quella di puntare sul turismo di lusso, per fare da attrattiva e traino all’intera filiera turistica della nostra regione e, nel contempo, rilanciando l’economia campana. La crisi economica non ha toccato quasi per nulla chi è ricco e per questo il turismo di lusso può decollare da queste parti. Nel nostro territorio le potenzialità per dare linfa a questo segmento sono infinite. E non parlo solo delle bellezze della costiera, delle isole e legate alla storia e alla cultura dei nostri territori, basti pensare che il presidente Usa Biden anche di recente ha parlato di Capri. Il riferimento è anche alle straordinarie eccellenze nel campo della ristorazione, per le strutture alberghiere e per tutti i servizi connessi, ovvero guide, accompagnatori, tour operator, autonoleggiatori e via discorrendo.  In questo modo contiamo di far ripartire prima l’economia della nostra regione. E’ una sfida strategica che sentiamo di poter vincere, come è stata vincente l’idea delle “isole covid free” da noi promosse e puntualmente realizzate dalla Regione. All’estero tuttavia non hanno avuto subito percezione di essere al riparo dal Covid e per questo i nostri imprenditori si trovano con una stagione più corta e in ritardo rispetto ad altri paesi». La strategia si fonda su rilancio della filiera del turismo, offrendo ospitalità e servizi di primissimo livello, che integrino le straordinarie bellezze naturali della Campania. Ma non basta. «Alle istituzioni, che sentiamo sempre vicine, chiediamo maggiori e migliori infrastrutture – spiega Schiavoper garantire questo segmento turistico. Servono porti, aeroporti, trasporti efficienti e moderni. Occorre promuovere con campagne di marketing i nostri territori e i nostri marchi: solo così possiamo dire al mondo dei “ricchi” che la Campania è pronta ad ospitare. Confesercenti Campania intende giocarsi questa partita con coraggio: contiamo in questo modo in Campania di trascinare il resto del turismo d’Italia».

Al convegno ha  partecipato anche l’assessore al Turismo della Regione Campania Felice Casucci: «La Regione è al fianco di Confesercenti Campania che ha sollecitato il nostro sostegno. Apprezziamo molto queste idee e le elogiamo, attendiamo dati e numeri per poter inserire questa strategia nel piano turistico del 2021-22. Il turismo di lusso è un segmento limitato ma produce dei volumi sproporzionati in termini di ricchezza: è un’opportunità di traino che significa moltissimo in termini di Pil per il nostro territorio. E’ un’occasioni che dobbiamo cogliere: abbiamo aree dedicate al turismo del lusso che sono uniche al mondo, dobbiamo sistematizzarlo, enuclearne tutte le potenzialità organizzative, normative, umane in modo da puntare anche su questo modello di sviluppo. Ci sono tanti imprenditori di primo livello interessati a investire in questo senso: il nostro compito sarà quello di fornire opportunità organizzative e normative per favorirne gli investimenti».

Presenti al convegno anche Roberto Pagnotta, Coordinatore Assoturismo Confesercenti Campania e gli imprenditori Maurizio Marinella, Vincenzo Politelli e Sebastiano Liotta


I DATI . Molto importante il contributo fornito dal professor Antonio Coviello, docente di Marketing del Turismo Università Partenope  e Consigliere Istituto di Ricerca su Innovazione e Servizi per lo sviluppo CNR (IRISS). «Le attività connesse alla filiera turistica – ha spiegato il ricercatore ed economista Antonio Coviello, autore dello studio specifico di settore pubblicato nel XXIV Rapporto sul Turismo italiano,  – sono tra quelle che hanno subito gli effetti più drammatici della crisi economica con -76,3% per le attività delle agenzie di viaggio, -60,5% per il Trasporto aereo e -42,5% per le Attività dei servizi di alloggio e ristorazione. Nel periodo marzo-maggio ed in quello novembre-dicembre 2020, in particolare, circa il 90% degli esercizi ricettivi ha addirittura chiuso i battenti. “Il ‘turismo di lusso’ sta assumendo un importanza crescente, nonostante la crisi provocata dalla pandemia. Grazie alla disponibilità dei “luxury travellers”, questa forma di turismo può essere intesa anche come un veicolo di sviluppo regionale e di crescita economica. “Gli acquirenti del lusso di domani sanno già cosa vogliono. Entro il 2025, la base di clienti del lusso si espanderà a 450 milioni, e l’Italia in primis, oltre la Campania, ha il dovere di cercare di intercettare questo straordinario segmento».

Nota stampa Confesercenti Campania

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2021 - Punto! il Web Magazine | Privacy