Connect with us

News

Bando Buoni Spesa Qualiano, nessuna polemica: era sbagliato

Published

on

ComuneQualiano

Il Sindaco ammette dopo un colloquio con la Prefettura la necessità di riaprire il bando

Aveva ragione il dottor Puzo. Certe cose bisogna dirle tonde e sintetiche in modo da evitare che si possa far confusione o rimanere con il dubbio. Specie se penso a qualche commento, diciamolo chiaramente decisamente fuori luogo e ingrato verso chi chiede spiegazioni e sottolinea problematiche sempre con garbo e ragion veduta. Visti anche tutti gli errori e correzioni del passato.

Avevamo già avuto modo di trattare questa mattina un aspetto che ha generato polemiche riguardo la determina delle forniture alimentari sollevando le incertezze del caso. Nel pomeriggio, facendo seguito ad una segnalazione sintetizzata dal primo post del dottor Antonio Puzo (tra l’altro nel gruppo Sei di Qualiano se… che ha scatenato tantissimi commenti da parte di cittadini qualianesi e vicini all’amministrazione) dal titolo “Qualiano aiuta chi ha fame … ma solo fino alle 24,00 del 3 aprile“:

Qualiano aiuta chi ha fame … ma solo fino alle 24,00 del 3 aprile Quando ho letto il bando che identificava i…

Pubblicato da Antonio Puzo su Mercoledì 1 aprile 2020
IL POST PUBBLICATO SULLA PAGINA DEL DOTTOR ANTONIO PUZO

In particolare un passaggio va sottolineato: poi leggo che se sei straniero … anche spagnolo , bulgaro o polacco … e vivi da meno di due anni a Qualiano …niente? Non oso commentare

Questo passaggio è determinante evidentemente perché la dottoressa Anna Nigro Vice Prefetto ha contattato il Sindaco Raffaele De Leonardis per chiedere delucidazioni. Abbiamo quindi chiesto allo stesso Sindaco una dichiarazione in merito al post del dottor Puzo e alla relative chiamata ricevuta dalla Prefettura.

«La differenza dei due anni era solo per 20-30 famiglie da come risulta all’anagrafe perché abbiamo al 31 marzo 2018 372 nuclei familiari mentre al 31 marzo 2020 sono 403 quindi teoricamente sarebbero state escluse anche se di errore materiale si sia trattato, 28 famiglie. La dottoressa Nigro mi diceva che probabilmente era discriminatorio e le ho detto che non c’era nessun problema visto che lunedì riapriremo perchè le domande sono giunte al momento sono circa 650 – 700 quindi ovvieremo a questo problema senza nessun ostacolo. Lungi da noi l’idea di voler discriminare qualcuno in questo momento ci mancherebbe» quindi dalle parole del dottor De Leonardis si comprende che la dottoressa Nigro ha sollevato dubbi su eventuali aspetti discriminatori del bando, come lo stesso dottor Puzo aveva due giorni fa anticipato e raccolto non poche invettive oltre che commenti di cittadini increduli.

«L’intervento persecutorio per così dire era rivolto a 25 famiglie (28 giusto per amore dei numeri dai dati che ci ha fornito il Primo cittadino ndr), è un numero irrisorio anche perché prima di fare il bando, l’ho spiegato anche nel mio video, abbiamo fatto eliminare sia le persone sopra i 67 anni che erano titolari di pensione, i circa 1.300 percettori di reddito di cittadinanza, circa 2.000 lavoratori dipendenti e i cittadini sotto i 18 anni. Usciva una platea potenziale di circa 1.500 nuclei familiari. Gli extracomunitari erano ripeto circa 400 famiglie però ci siamo fatti fuorviare da questo bando dove era prevista questa cosa (il riferimento ai due anni come limite di residenza ndr) che nella prima stesura addirittura erano 5 anni e sono io che li ho fatti scendere a 2 anni di questi nuclei extracomunitari. Poi mi ha chiamato la dottoressa Nigro e l’ho rassicurata che sicuramente in questo nuovo bando avremo questo tipo di attenzione per le fasce più deboli. Ma stiamo parlando di 25 famiglie non di più».

Sarà quindi riaperto in bando nei prossimi giorni. «A mezzanotte avremo il dato definitivo. Domani se consideriamo le prime proiezioni di 700 domande orientativamente possiamo consumare sui 100mila euro quindi abbiamo ancora ampia disponibilità. Abbiamo fatto questo per cercare di aiutare chi non mette il piatto a tavola. Abbiamo fatto anche controlli presso l’anagrafe tributaria e stanno uscendo diverse posizioni anomale di possessori di reddito di cittadinanza che sono anche possessori di Partita Iva. Ci sono persone che hanno contratti a tempo indeterminato, tutti braccianti. L’agenzia delle Entrate dispone già delle certificazioni uniche del 2019 quindi siamo in grado di conoscere le giornate che hanno lavorato in campagna più la disoccupazione. Gli assistenti sociali stanno lavorando anche domani e domenica per cercare di distribuire i buoni tra lunedì e martedì e permettere di fare la spesa. Questo era l’obiettivo, giusto o sbagliato che sia ma questo era il target che avevamo dato».

Non commento questi ultimi passaggi perché lascio ai lettori la dovuta interpretazione e il tirar le somme ognuno per conto proprio come è giusto che sia. Sono solo contento che cittadini che ne abbiamo diritto, grazie al passaggio del dottor Puzo e alla attenzione della dottoressa Nigro, siano di nuovo in corsa in un momento così delicato e difficile da spiegare. Abbiamo terminato anche le parole ormai.

Chi salva una vita salva il mondo intero

Talmud di babilonia

Continue Reading
Advertisement
1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: Qualiano bando buoni spesa, possibile non cambiarlo garantendo il diritto di tutti? -

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Aquilonia, RCA a prezzo conveniente: finto broker assicurativo denunciato

Published

on

Carabinieri-Archivio-Vettura

L’uomo denunciato dai Carabinieri di Aquilonia è un 50enne di Boscoreale. Aveva proposto una polizza assicurativa per 400 euro da accreditare su una prepagata

L’attività dell’Arma finalizzata alla prevenzione e repressione dell’odioso fenomeno delle truffe, continua in maniera incessante. Dopo l’azione di contrasto eseguita con l’iniziativa del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino “Difenditi dalle truffe”, la Compagnia Carabinieri di Sant’Angelo dei Lombardi ha proceduto a deferire all’Autorità Giudiziaria numerosi soggetti ritenuti responsabili di tale tipologia di reato.

Questa volta le indagini avviate dai Carabinieri delle Stazione di Aquilonia, hanno permesso di fare luce su una truffa messa a segno ai danni di una persona del posto e deferire alla competente Autorità Giudiziaria un 50enne di Boscoreale (NA), già noto alle Forze dell’Ordine.

Nello specifico, il predetto proponeva alla vittima la stipula di un contratto R.C.A. ad un prezzo conveniente, convincendola a farsi accreditare sulla sua carta prepagata circa 400 euro.

Ma, ricevuta la somma pattuita, il sedicente “broker assicurativo” si rendeva irreperibile.

Solo a questo punto il malcapitato non aveva più alcun dubbio del raggiro in cui era incappato e non indugiava a denunciare l’accaduto ai Carabinieri che, attraverso una serie di accertamenti, sono riusciti ad identificare il malfattore per il quale, alla luce delle evidenze emerse, è scattata la denuncia in stato di libertà in quanto ritenuto responsabile del reato di truffa.

Si ricordano ancora una volta gli utili consigli riportati con l’iniziativa “Difenditi dalle truffe”, nata per forte volontà dal Comando Provinciale Carabinieri di Avellino ed attuata in modo capillare sul territorio da parte di tutti i reparti dipendenti, per la specifica prevenzione di tale reato predatorio. È importante saper riconoscere le situazioni più a rischio e, di conseguenza, i comportamenti da assumere, diffidando sempre delle offerte oltremodo convenienti.

Nota stampa Comando Provinciale Carabinieri Avellino

Continue Reading

News

Napoli, Posillipo: Rapina 93enne ma viene fermato dal vigilante: arrestato

Published

on

Carabinieri

Il 20enne è stato bloccato dal vigilantes adetto alla guardiania del condominio che si era accorto della fuga del giovane truffatore

A Napoli, nel quartiere Posillipo, i carabinieri del nucleo radiomobile hanno arrestato per rapina f.s., 20enne napoletano già noto alle forze dell’ordine.

Il giovane – all’interno di un appartamento del centralissimo parco residenziale Comola Ricci – ha dapprima tentato di truffare una 93enne con la tecnica del parente in difficoltà per poi rapinarla dei gioielli.

Aveva convinto la “nonnina” a farsi consegnare mille euro in contanti per aiutare il nipote in difficoltà ma poi, quando le ha chiesto anche i gioielli, l’anziana ha incominciato a sentire puzza di bruciato ed ha tentennato.

Il giovane non si è accontentato e, bloccando la donna, le ha tolto la pochette contente i gioielli di una vita per poi darsi alla fuga.

Altissimo il senso civico dell’uomo addetto alla guardiania del condominio che – accortosi del giovane in fuga – lo ha bloccato e chiamato il 112.

I carabinieri – intervenuti nel parco residenziale – hanno perquisito il ragazzo: rinvenuta e sequestrata l’intera refurtiva che è stata restituita alla vittima che, commossa, ha ringraziato. L’arrestato è stato tradotto al carcere di Poggioreale in attesa di giudizio

Nota stampa Comando Provinicale Carabinieri Napoli

Continue Reading

Esteri

Cozzolino (Pd): “Pronti 100 miliardi di euro nella cooperazione Ue-Africa

Published

on

(in senso orario Amadeu De Jesus Alves Leitao Nunes, Alfredo Cestari, Andrea Cozzolino e Maria De Fatima Domingas Jardim)
in senso orario Amadeu De Jesus Alves Leitao Nunes, Alfredo Cestari, Andrea Cozzolino e Maria De Fatima Domingas Jardim

Alves Leitao Nunes (Repubblica Angola): “Ok Agenda 2020/2025 per favorire investimenti”. Cestari (ItalAfrica): “Mezzogiorno hub naturale per sviluppare l’interazione commerciale”

NAPOLI – “C’è la necessità di riavviare, su basi nuove, la cooperazione tra Europa e Africa. Tuttavia ci troviamo ancora nel pieno dell’emergenza Covid. Se il 15 giugno avremo lo sblocco delle frontiere torneremo a connetterci tra noi, un passaggio necessario per riprendere la cooperazione con i Paesi degli altri continenti per riaccendere i motori delle nostre società e verificare gli effetti sul piano economico e sociale. La nuova Europa investirà più di 100 miliardi in Africa in aggiunta alle iniziative dei singoli stati”.

Lo ha detto Andrea Cozzolino, europarlamentare (Pd) presidente della Delegazione per le relazioni con i Paese del Maghreb,nel corso del webinar di presentazione del progetto ‘Sud Polo Magnetico’ promosso da Alfredo Cestari, presidente della Camera di commercio ItalAfrica, l’unica struttura italiana capace di coinvolgere nelle sue attività i 19 Paesi dell’Africa Continentale, che ha visto la partecipazione dei rappresentanti diplomatici di Angola e Congo.

Di quanto l’Africa abbia bisogno dell’Europa è emerso dall’intervento di Amadeu De Jesus  Alves Leitao Nunes, sottosegretario al Commercio della Repubblica dell’Angola: “Serve un raccordo di informazioni sul progetto ‘Sud Polo magnetico’ che avrà un forte impatto sull’Africa e consoliderà i rapporti tra l’Europa e il nostro continente. Stiamo vivendo tutti una situazione particolare e dovremmo scambiarci informazioni sull’emergenza virus trovando nuove soluzioni che rafforzino la crescita e le relazioni di amicizia e solidarietà tra i nostri popoli. Dobbiamo continuare la cooperazione, ognuno può imparare dagli altri. L’Angola ha compiuto passi concreti con la nuova legge per l’agevolazione di investimenti e programmi operativi sostenuti dall’Agenda nazionale 2020/2025”.

I dettagli del progetto, finalizzato al rafforzamento della cooperazione economico-sociale tra Italia e Africa, che individua nel Mezzogiorno l’hub naturale per sviluppare l’interazione commerciale e produttiva tra Europa e continente Africano, sono stati illustrati dal presidente Cestari: “La Camera di commercio sta attivando tutti i canali indispensabili per avviare un tavolo di confronto con questi paesi che veda protagoniste le imprese del Sud con il sostegno e il coordinamento dei  ministeri del sud, dello sviluppo economico, del turismo e degli esteri. Il nostro obiettivo è quello di orientare una cospicua fetta dei 100 miliardi per la cooperazione rafforzata tra Unione Europea e Africa verso i rapporti tra il Mezzogiorno d’Italia e i paesi dell’Africa centrale”.

“Abbiamo deciso di intervenire – ha proseguito il numero uno della Camera di commercio ItalAfrica – guardando al sud del mondo affinché si mettano sul tavolo risorse economiche, competenze e sinergie. E’ necessario farsi trovare pronti in vista delle riaperture delle frontiere per creare nuove opportunità di sviluppo e investimento per le aziende italiane in grado di creare valore sull’altra sponda del Mediterraneo in particolare nei settori della mobilità aerea, la siderurgia, l’energia, il turismo con reciproci vantaggi”.

Europa e Africa devono avvicinarsi, specie dopo la pandemia del Covid19 come sottolineato da Maria De Fatima Domingas Jardim, ambasciatore della Repubblica dell’Angola in Italia: “Italia e Angola vantano un’antica amicizia che deve rafforzarsi alla luce della nuova emergenza sanitaria che ha colpito il mondo intero. Il nostro governo assicura la massima disponibilità nel promuovere nuovi percorsi di sviluppo economico che coinvolgano l’Europa nella piena consapevolezza che solo con il vostro aiuto possiamo rilanciare i nostri programmi per lo sviluppo sostenibile, la produzione agricola, il potenziamento dei trasporti, il turismo e nuova occupazione”.

Le opportunità fornite da un continente ricco di risorse come quello africano sono state rimarcate da Donatien Nzangba Du Lita, Ministro delle finanze della Provincia del Nord Ubangi nel Congo: “L’Italia e l’Europa sono le benvenute per intraprendere percorsi comuni che siano in grado di rilanciare l’economia del nostro Paese e ampliare il mercato delle imprese italiane. Il nostro territorio è ricco di materie prime, risorse naturali e ha enormi potenzialità di sviluppo se consideriamo i dati anagrafici e di popolazione. Le nuove opportunità si trovano qui da noi e siamo pronti a coglierle assieme nel rispetto reciproco e nell’interesse comune”.

Nota stampa Andrea Cozzolino Europarlamentare (PD)

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy