Connect with us

Cronaca

Mugnano del Cardinale “truffa dello specchietto”: 35enne denunciata

Published

on

Auto Carabinieri

La donna di Casalnuovo di Napoli è stata deferita alla competente Autorità Giudiziaria poiché ritenuta responsabile di tentata truffa.

Credeva di poter mettere a segno la famigerata “truffa dello specchietto” e garantirsi così, in modo impunito, un illecito profitto. Ma non è andata come sperava.

A finire questa volta nella rete dell’Arma una 35enne di Casalnuovo di Napoli che è stata deferita alla competente Autorità Giudiziaria poiché ritenuta responsabile di tentata truffa.

La donna, vagabondando nel Mandamento baianese a bordo di un’utilitaria presa a noleggio, sceglieva con cura la sua vittima.

Attuando un piano seriale aveva simulato il danneggiamento dello specchietto del veicolo, accusando l’anziano malcapitato che, subodorando l’inganno, non “abboccava”: ricordando i consigli dell’Arma in merito a tale tipologia di reato divulgati sia grazie agli organi d’informazione sia con apposite locandine affisse in paese, non esitava a segnalare l’accaduto al “112”.

L’immediata attività d’indagine sviluppata dai Carabinieri della Stazione di Baiano, estrinsecatasi attraverso l’acquisizione di utili informazioni nonché di video dalle telecamere di tutta la zona e l’analisi degli elementi raccolti, permetteva di individuare la presunta responsabile, già gravata da specifici precedenti di polizia.

Alla luce delle evidenze emerse, a carico della donna è quindi scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Quella dello “specchietto” è un tipo di truffa molto noto: un famoso raggiro per ottenere soldi facili dagli automobilisti e che non smette di mietere vittime: la dinamica delle truffe è molto simile e la richiesta di immediato risarcimento in denaro per il “danno” al fine di mettere a tacere la controversia sia aggira solitamente tra i 50 ed i 200 euro. Tutto inizia con un colpo secco all’auto della vittima prescelta, spesso appena percettibile, seguono suoni di clacson o luci abbaglianti. Per semplice cortesia e non comprendendo cosa accade, ci si fermerà per ascoltare di cosa il conducente dell’altro veicolo vuole avvisarci con tanta urgenza. Nella truffa il sedicente danneggiato accuserà di aver subito un danno alla sua auto e cercherà di dare maggiore credibilità al raggiro mostrando lo stato (naturalmente il danno all’auto è stato appositamente fatto in precedenza).

I truffatori contano sulla convenienza per l’automobilista di chiudere la questione istantaneamente o di compilare, in alternativa, il modello di contestazione amichevole attendendo la risposta dell’assicurazione.

Qualora si abbia sentore di truffa è opportuno avvisare subito le Forze dell’Ordine: l’intervento, oltre a sventare la truffa, consentirà di mettere a verbale eventuali danni arrecati all’auto.

Nota Stampa Carabinieri

Continue Reading
Advertisement

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Vico Equense, vanno in giro con 50 g di marijuana: coppia di fidanzati finita in manette

Published

on

Carabinieri
Foto Archivio

A casa dei fidanzati è stato trovato dai Carabinieri un bilancino di precisione e vario materiale utilizzato per il confezionamento della droga

A Vico Equense i Carabinieri del nucleo radiomobile hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio M.G. e V.L.F., entrambi 31enni e di Piano di Sorrento.

I due –fidanzati e conviventi – sono stati fermati mentre percorrevano a bordo della loro auto la strada statale 145 in località Seiano.

I carabinieri hanno notato che M.G. ha esitato alla loro vista e hanno deciso di controllare quell’auto.

Perquisiti, i militari hanno trovato nelle tasche della donna 50 grammi di marijuana. Il controllo è stato esteso anche a casa dei fidanzati.

Lì è stato trovato un bilancino di precisione e vario materiale utilizzato per il confezionamento della droga.

Arrestati, i due sono stati collocati agli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

Nota Stampa Carabinieri

Continue Reading

Cronaca

Sant’Antonio Abate, nascondeva 200 grammi di droga in casa

Published

on

Ad insospettire i Carabinieri la presenza di troppe persone sospette nei pressi dell’abitazione del 52enne di Sant’Antonio Abate

A sant’antonio abate i carabinieri della locale stazione hanno arrestato per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente c.s., 52enne del posto già noto alle forze dell’ordine.

I militari hanno notato troppe persone sospette aggirarsi nei pressi dell’abitazione dell’uomo e quindi hanno deciso di controllare casa sua. Perquisito, i carabinieri hanno trovato 200 grammi di marijuana. Era sul piano cottura, in cucina, insieme a un bilancino di precisone.

Sequestrata anche la somma in contante di 190 euro ritenuta provento del reato.

L’arrestato è agli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

Nota stampa, Comando Provinciale Carabinieri Napoli

Continue Reading

Cronaca

Atripalda, rubano capi d’abbigliamento al centro Appia

Published

on

I tre di origini georgiane avevano staccato il sistema antitaccheggio per eludere il controllo all’uscita, ma sono stato bloccati dai Carabinieri

Furto aggravato: è il reato di cui dovranno rispondere tre giovani extracomunitari, denunciati dai Carabinieri della Compagnia di Avellino.

Prosegue senza sosta la lotta alla piaga rappresentata dalla criminalità predatoria, condotta dal Comando Provinciale di Avellino e che ogni giorno vede impiegati i Carabinieri in un capillare controllo del territorio teso a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

Nel pomeriggio di ieri, la pattuglia della Sezione Radiomobile è intervenuta al Centro Commerciale Appia di Atripalda dove gli addetti alla sicurezza avevano segnalato la presenza di tre stranieri che, dopo aver tolto i dispositivi antitaccheggio da numerosi capi d’abbigliamento, tentavano di rubarli occultandoli nelle loro borse, al fine di eludere i controlli all’uscita del negozio.

Grazie alla tempestività dell’intervento, i Carabinieri hanno bloccato i tre (di origini georgiane e di età compresa tra i 20 ed i 30 anni) che all’esito della perquisizione, venivano trovati in possesso della merce appena rubata.

Alla luce delle evidenze emergenti dalla flagranza di reato nonché da quanto emerso dai consequenziali accertamenti, a carico sia della giovane donna che dei suoi due connazionali, è scattata la denuncia in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria.

La refurtiva recuperata è stata restituita all’avente diritto.

Continue Reading

Trending

"Punto!" il Web Magazine - Fondato nel 2011 da Vincenzo Perfetto (Direttore Editoriale) e Carmine Sgariglia (Direttore Responsabile). Edito dall'Associazione Culturale PuntoGiovani Qualiano. Registrazione Tribunale di Napoli n° 31 del 30 marzo 2011. Copyright © 2020 - Punto! il Web Magazine | Privacy