Quantcast
Connettiti con noi

News

Agenzia delle entrate: Contributo per sostenere le edicole fino a 3mila euro

Pubblicato

il

foto da Ansa

Contributo straordinario per sostenere le edicole: fino a 3mila euro di aiuto dall’agenzia delle entrate

L’Agenzia delle Entrate ha lanciato un contributo straordinario per sostenere le edicole italiane, evidenziando l’importanza di queste attività per il tessuto commerciale e culturale del Paese. Questa iniziativa è parte di un piano più ampio volto a preservare la vitalità delle edicole, che negli ultimi anni hanno affrontato sfide significative

Il contributo, una tantum e forfetario, può raggiungere fino a 2mila euro e aumenta a 3mila euro per i punti vendita esclusivi situati nelle aree interne del paese. Un elemento distintivo di questa misura è che il sostegno economico è riconosciuto indipendentemente dal numero di punti vendita gestiti

Per essere idonei al contributo, gli edicolanti devono aver realizzato almeno una delle seguenti attività nel periodo compreso tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2023:

  1. Realizzazione di progetti di consegna a domicilio di giornali quotidiani e periodici.
  2. Apertura domenicale per almeno il 50% delle domeniche su base annua.
  3. Fornitura di pubblicazioni agli esercizi commerciali limitrofi. Inoltre, è richiesta l’attivazione di uno o più punti vendita addizionali.

Secondo una recente rilevazione del Sindacato Nazionale Autonomo Giornalai, le edicole in Italia ammontano a circa 12mila. Una considerevole percentuale di esse svolge attività aggiuntive oltre alla vendita di giornali e periodici. Nonostante una contrazione del 3,5% tra il 2021 e il 2022, il trend negativo si è notevolmente attenuato rispetto agli anni precedenti, grazie alle misure di sostegno del settore che hanno contribuito a ridurre la perdita di imprese.

Tuttavia, persiste un rischio significativo di desertificazione nelle aree più fragili, dove la presenza di edicole è esigua o addirittura inesistente. Circa il 25% dei comuni italiani non dispone di un’edicola, mentre il 30%, equivalente a circa 2mila e 500 comuni, ha solo una rivendita. Questo sottolinea la necessità di interventi mirati per garantire la presenza e la vitalità di questi importanti centri culturali e commerciali nei contesti più vulnerabili.

Il contributo straordinario dell’Agenzia delle Entrate si presenta come un sostegno significativo per le edicole italiane, offrendo un aiuto finanziario mirato a preservare la diversità e la vitalità di questi punti vendita. La combinazione di incentivi economici e attività culturali innovative può contribuire a rafforzare ulteriormente il settore, assicurando che le edicole rimangano un elemento essenziale della vita quotidiana e della cultura locale. Gli edicolanti hanno ora l’opportunità di presentare le domande entro l’8 marzo, aprendo la strada a un futuro più sostenibile per queste preziose istituzioni.

 

Trending