Quantcast
Connettiti con noi

News

Nuovo Coronavirus 2019-nCoV: Ecco cosa raccomanda l’OMS

Pubblicato

il

rappresentazione del nuovo coronavirus 2019-nCoV

A Roma e nel Sannio i casi più emblematici di panico e preoccupazione per il nuovo Coronavirus 2019-nCoV. Si rischiano fenomeni da caccia agli untori

Era solo questione di tempo prima che il panico e la preoccupazione da nuovo Coronavirus 2019-nCoV iniziassero a mostrare il loro lato peggiore.

Ogni giorno, in tutte le trasmissioni televisive, approfondimenti e quant’altro si invita la cittadinanza a stare calma e non discriminare locali e cittadini di origini cinesi perché tale pratica non ha senso e nel caso certamente non preserverà nessuno eventualmente dall’ammalarsi.

Le precauzioni per difendersi dal nuovo Coronavirus

Tutti i medici e l’Organizzazione Mondiale della Sanita (World Health Organization) sono concordi sul fatto che anche in questo caso bisogna usare le stesse precauzioni igieniche riservate alle normali influenze:

  • lavare le mani più volte al giorno strofinandole bene con soluzioni alcoliche o con acqua e sapone;
  • coprire con il gomito flesso naso e bocca quando si starnutisce o si tossisce;
  • evitare contatti ravvicinati con chi ha tosse e febbre;
  • se si riscontrano febbre, tosse e difficoltà respiratorie ricercare cure mediche;
  • evitare contatti con animali in aree mercatali;
  • evitare il consumo di carne e prodotti animali crudi o poco cotti;
  • gestire con attenzione carne cruda, latte e organi animali per evitare episodi di contaminazione incrociata con cibi crudi;
  • evitare luoghi molto affollati.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (World Health Organization), inoltre, sul suo sito ufficiale pubblica ogni giorno un rapporto, l’ultimo risale al 31 gennaio 2020. Sono scritti in inglese ma nulla di impossibile da comprendere nel 2020.

Attualmente vi sono ben 11 report sui quali è riportato tutto quanto è necessario sapere sulle evoluzione contagi e novità sul nuovo coronavirus 2019-nCoV.

Non bastano le rassicurazioni

Ma non basta, il panico e la preoccupazione diffondono a colpi di fake news ed allarmismi vari. Il livello di attenzione è altissimo lo ha spiegato sia il Ministro della Salute Speranza e il Presidente del Consiglio dei Ministri Conte.

A Roma spuntano i cartelli con tanto di scuse che spiegano che “non è permesso entrare a chi viene dalla Cina” come riporta anche il Corriere della Sera nell’edizione di Roma. Comprensibile la preoccupazione e la paura ma arrivare ad interdire l’ingresso in un pubblico locale sembra essere tornati alla peste del ‘600 con la caccia agli untori.

Forse il caso accaduto invece in Campania nel Beneventano precisamente a Telese Terme è ancora più emblematico.

Bimba cinese torna dalla vacanze passate in Cina con i genitori e gli alunni per paura del contagio disertano la scuola. La dirigente è stata costretta a scrivere una nota invitando, come riporta Repubblica nell’edizione on line di Napoli, “a superare paure irrazionali e psicosi collettive che rischiano di sfociare in una anacronistica caccia all’untore”. Spiegando che anche l’ASL di Benevento attraverso il presidio di Telese Terme Telese Terme e l’unità operativa complessa di Epidemiologie e Prevenzione di Benevento, un monitoraggio capillare. Tali attività hanno escluso la necessità di qualunque forma di quarantena.

A nulla valgono le rassicurazioni continue che spiegano che l’Italia è una nazione all’avanguardia per tutto quanto concerne la Sanità pubblica e le misure di prevenzioni. A nulla vale nemmeno il sitoweb dedicato al nuovo coronavirus 2019-nCoV e il numero di pubblica utilità dedicato 1500.

La popolazione è preoccupata, ma tutto quello che è possibile fare per scongiurare e rendere la vita difficile al virus è innalzare il nostro livello di igiene e cercare di frequentare il meno possibile luoghi affollati.

Ora sperando di fare una azione da myth busters sul nuovo coronavirus 2019-nCoV, ecco cosa chiarisce l’OMS (WHO)

Gli animali domestici possono diffondere il nuovo coronavirus 2019-nCoV?

Come riporta il sito dell’OMS (WHO) non risultano evidenze che il virus possa essere trasmesso dagli animali d’affezione; in ogni caso lavare bene le mani dopo aver avuto contatto con un animale è sempre una buona pratica.

Il nuovo coronavirus colpisce le persone anziane o anche i più giovani sono sensibili?

Come spiegato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), riguarda il contagio delle persone anziane e dei bambini. Secondo quanto riportato il Coronavirus 2019-nCoV può contagiare tutte le persone. Le persone anziane e le persone con condizioni mediche preesistenti come: asma, diabete, e malattie cardiache, sembrano essere più vulnerabili e potrebbero avere serie complicazioni se fossero contagiate. L’OMS (WHO) consiglia alle persone di tutte le età di prendere provvedimenti per proteggersi dal virus, ad esempio seguendo una buona igiene delle mani e respiratoria.

Gli antibiotici sono efficaci nella prevenzione e nel trattamento del nuovo coronavirus?

L’OMS (WHO) spiega che nessun antibiotico ha effetto sui virus, ma solo sui batteri. Il nuovo coronavirus 2019-nCoV è un virus e, pertanto, gli antibiotici non devono essere usati come mezzo di prevenzione o trattamento.

Nel caso una persona contraesse il coronavirus 2019-nCoV e venisse ricoverata in ospedale solo in quel caso verrebbe trattata con antibiotici perché è possibile che subentrino anche infezioni batteriche.

Esistono medicinali specifici per prevenire o curare il nuovo coronavirus?

Ad oggi, spiega l’OMS (WHO) sul suo sito ufficiale, non esiste un medicinale specifico per il nuovo coronavirus 2019-nCoV. Le persone infette dal virus, tuttavia, dovrebbero ricevere cure adeguate per alleviare e trattare i sintomi e le persone con malattie gravi dovrebbero ricevere cure di supporto ottimizzate. Alcuni trattamenti specifici, è riportato sul sito dell’OMS (WHO), sono in fase di studio e saranno testati attraverso studi clinici. L’OMS (WHO) sta contribuendo ad accelerare gli gli sforzi di ricerca e sviluppo con una serie di partner.

Trending