Venerdì, 04 Agosto 2017 20:30

16 Comuni, tante testimonianze e nessuna parola per il video #BastaRoghi

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il video è stato fortemente voluto dall'On. Micillo del Movimento 5 Stelle

Si tratta di un condensato di quanto accaduto sul nostro territorio nell’ultimo periodo, il video fortemente voluto dall’ on. Salvatore Micillo del Movimento 5 Stelle, prodotto con il contributo di semplici cittadini, attivisti e chiunque abbia voluto partecipare, con foto video e piccoli reportage.

Il prodotto è stato un video dirompente che mostra uno spaccato reale di quanto i cittadini abbiano dovuto sopportare in questa estate bollente, resa purtroppo rovente da incendi, piromani e criminali che appiccano roghi tossici il tutto racchiuso in un #BastaRoghi che ripercorre l'incendio del Vesuvio fino all'innesco di roghi tossici nella più sperduta periferia dell'area nord di Napoli.

Alcune parti rappresentano incendi altre parti riportano innesco pronti per essere incendiati. Unico comune denominatore sono le periferie abbandonate, troppo lontane dai centri urbani o difficili da monitorare nonostante gli sforzi e il lavoro encomiabile delle forze dell’ordine e l’estenuante sacrificio dei Vigili del Fuoco e i controlli predisposti dai Sindaci.

Ancora si attendono in molti Comuni le telecamere dei progetti della “Terra dei Fuochi” che tardano ad arrivare. I cittadini, la politica e le forze dell’ordine però, ognuno per le proprie competenze, non abbassano la guardia. Lo hanno dimostrato e lo stanno tutt’ora dimostrando.

La lotta contro i roghi non deve assolutamente essere appannaggio di singole parti, ma di tutti coloro che hanno una vera e sincera voglia di combatterla, cercando di superare incomprensioni e posizione ideologiche perché si rischia di fare il gioco di coloro che, al grido di “dividi et impera”, si battono affinché non cambi assolutamente nulla.  

Letto 1332 volte
Vincenzo Perfetto

Direttore Editoriale

www.puntomagazine.it | This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.