Quantcast
Connettiti con noi

Politica

Inchiesta Liguria. Rixi: Per Toti difficile governare così per due anni

Pubblicato

il

Inchiesta Liguria
Di Daderot - Opera propria, CC0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=33000649

Inchiesta Liguria. Rixi: Quest’opera (La nuova diga di Genova), come il ponte sullo stretto, ha degli interessi che vanno oltre i politici locali ma anche i politici nazionali

Inchiesta Liguria. Dopo la custodia cautelare per il Presidente della Giunta della Regione Liburia Giovanni Toti, sul tema è intervenuto a Mattino 24 di Radio 24 il viceministro alle infrastrutture, Rixi.

“Deciderà Toti, quando c’è un processo è il soggetto quello che si sceglie la posizione difensiva quindi non è più una scelta politica ma diventa anche una scelta di carattere di difesa. Io credo che, o si chiariscono le questioni durante il riesame, oppure ovviamente è difficile pensare di governare per due anni in assenza del governatore. Quindi è abbastanza ovvio però credo che sia prematuro al momento parlare di temi legati alle elezioni regionali”. Lo ha detto Edoardo Rixi, viceministro alle Infrastrutture e mobilità, a 24 Mattino su Radio 24.

Poi ha proseguito sul tema della legge sui finanziamenti ai partiti. “Il tema è Genova, ma il tema è l’intero paese. Bisogna capire e lo si saprà solo quando usciranno tutte le intercettazioni, perché se è solamente legato ai fatti che leggiamo mi sembra abbastanza preoccupante, nel senso che nessuna impresa prenderà più un appalto pubblico, magari dopo essere stata ad una cena elettorale”. Ha aggiunto, Rixi.

“Dall’altra parte c’è un problema di metodo, la prima cosa che emerge chiara, indipendentemente da come uno la pensi, è che l’attuale legge sul finanziamento sui partiti non va bene e va riscritta immediatamente, deve tornare il contributo pubblico o ci deve essere qualche forma di tutela di qualche tipo”. Ha sottolineato a Mattino 24, il viceministro alle infrastrutture e alla mobilità, auspicando un ritorno al finanziamento pubblico, attraverso una nuova.

“Noi siamo passati da atti che risulterebbero secondo gli inquirenti già nulli o viziati nel 2020-2021, siamo nel 2024 e quindi tutti gli atti successivi oggi leggendo le interpretazioni vengono visti sotto una luce diversa questo è il tema. Anche cose che magari di per sé non avrebbero problemi rischiano a loro volta di essere viziate, quindi potrebbe esserci un effetto catena non solo sul porto ma su moltissimi appalti, anche sul retroporto di Alessandria per il Piemonte per esempio o altro. Quello che passa è che si fanno le opere per ingraziarsi un imprenditore che ti da 70mila euro, siamo all’inizio di un ‘cinema’ che durerà anni e che rischia di bloccare tutti i cantieri”. Rimarca ancora Rixi.

Rixi prosegue ancora sulle infrastrutture e i trasporti citando la nuova diga nel porto di Genova.

“La diga, se no non l’avessi sostenuta, è assolutamente utile per evitare situazioni di monopolio nel porto di Genova e per rilanciare il sistema marittimo e portuale europeo non solo quello genovese o italiano”. Così Rixi, spiegando perché è necessaria l’infrastruttura.

“Oggi con la situazione che abbiamo in Ucraina abbiamo la necessità di rafforzare la nostra presenza nella marittimità. Genova e il completamento del terzo valico, il retroporto di Alessandria e le nuove banchine consentirebbe un aumento dei volumi importanti e consentirebbe al nostro Paese ma anche all’Europa di avere nuovi corridori da tenere aperti in qualsiasi condizione”. Prosegue ancora il viceministro.

“Poi c’è anche un secondo tema che si sottovaluta: ovvero se questo sia un attacco, come al solito, della magistratura o della politica a livello locale, o se ci sia qualcosa di molto più grosso e d’inquietante”. Continua Rixi, bollando come un attacco l’inchiesta che la magistratura conduce da diversi anni ed arrivata al suo epilogo, e prosegue in una ipotesi complottistica: “Quest’opera, come il ponte sullo stretto,  ha degli interessi che vanno oltre i politici locali ma anche i politici nazionali. Negli ultimi mesi c’è stata un’accelerazione in una marea di processi proprio perché se parte quest’opera è tutta l’area geografica del nord ovest in Italia che diventa qualcosa di completamente diverso. Quindi ridurla alla sola banchina di Spinelli… Parlo d’interessi geopolitici, perché leggendo le 9000 pagine, ci sono cose interessanti”.

Prosegue ancora:“Parlano i più grandi al mondo, non parlano solo quelli del rione portuale. Parlano persone che hanno visioni, che vanno dalla Cina fino agli Stati Uniti. Io spero che queste cose qua vengano tenute in considerazione. Il mio dubbio è che un’inchiesta così lunga abbia consentito a queste persone a leggersi le loro intercettazioni prima di vederle pubblicate e questa è una cosa che a me inquieta molto”.

Ai microfoni di Radio24 nel programma Mattino 24 Rixi parla anche di tangenti, che non vedrebbe, ma a loro posto solo forti pressioni.

“Una cosa come questa bisognava bloccarla subito nel 2021, appena si era manifestato il reato. Da viceministro non ci sto capendo nulla della portata che potrebbe avere anche su altri scali, non solo su Genova, perché gli equilibri di Genova condizionano altri scali come Livorno, Trieste, Napoli, quindi non so, lo saprò solo alla fine dell’indagine. Al netto della vicenda di Toti, dei politici locali, di chi è implicato, io stesso mi sono incontrato con Spinelli, la cosa che preoccupa è una cosa limitata qua, o no? Non vedo un tema di grandi tangenti, vedo un tema di grandi pressioni. Io tratto questi argomenti, conosco la mia città Genova, il problema vero è capire se la portata è genovese e basta o no. Questa è la mia suggestione, non sono un inquirente. Io incontro persone e parlo di Genova, Miami, Singapore e la cosa mi lascia così” Così conclude il viceministro Rixi.

Trending