Quantcast
Connettiti con noi

News

Finti rapimenti: CODACONS presenta esposto a Corte dei Conti

Pubblicato

il

Codacons

Se pagati riscatti danno per la collettività. Servizi di intelligence coinvolti drovranno rispondere di danno erariale

Sul caso dei finti sequestri ai danni degli imprenditori bresciani Alessandro Sandrini e Sergio Zanotti il Codacons – che si costituisce parte offesa nell’inchiesta della Procura – presenta oggi un esposto alla Corte dei Conti per verificare se la vicenda abbia arrecato un danno economico alla collettività.

È necessario appurare se lo Stato Italiano abbia pagato riscatti o versato somme di denaro per ottenere la liberazione dei due cittadini al centro dei presunti rapimenti – spiega il Codacons – I sequestri, secondo quanto apparso in queste ore sui media, avrebbero sollevato da subito i sospetti dei servizi di intelligence italiani, ma c’è riserbo assoluto su eventuali pagamenti a fantomatici terroristi per il rilascio di Sandrini e Zanotti.

Proprio su tale punto la Corte dei Conti dovrà ora fare chiarezza – spiega il Codacons – perché in caso di pagamenti di riscatti per la liberazione dei due imprenditori ci troveremmo di fronte ad un evidente uso illegale dei fondi pubblici, di cui dovranno rispondere i funzionari del Ministeri degli Esteri e dell’Interno che hanno seguito la vicenda, per il possibile danno erariale prodotto.

Nello specifico si dovrà accertare come sia stato possibile non accorgersi che i due sequestri erano in realtà una finzione, allo scopo di escludere qualsiasi ipotesi di leggerezza colpevole e concorso omissivo nella truffa aggravata – conclude l’associazione.

Nota stampa Codacons

Trending