Martedì, 03 Luglio 2018 13:35

Passano al Ministero dell'ambiente nuove competenze ad esso strettamente collegate

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Passano al Ministero dell'ambiente nuove competenze ad esso strettamente collegate Passano al Ministero dell'ambiente nuove competenze ad esso strettamente collegate

Passano al ministero guidato da Costa "Terra dei Fuochi", Dissesto idrogeologico ed Economia circolare.

La notizia è di ieri sera. Alcune competenze competenze passate al Ministero dell’Ambiente perché ad esso strettamente collegate.

Dal Dicastero dell’Agricoltura, infatti, passano a quello guidato da Sergio Costa le competenze sulla Terra dei Fuochi. Questo è un importante passo avanti per mettere in sicurezza non solo la “Terra dei Fuochi” campana ma tutte quelle zone che sono nelle medesime situazioni in tutta Italia.

Non solo passano al Ministero dell’Ambiente le competenze sul Dissesto Idrogeologico che nel 2014 andarono alla struttura di missione di Palazzo Chigi. Passano quindi nelle “mani” di Costa anche i relativi fondi che andranno a tutelare le zone più fragili d’Italia.

Leggi anche: INCENDIO SAN VITALIANO, MICILLO M5S: PRIORITÀ È LA SICUREZZA DEI CITTADINI E FARE IN MODO CHE QUESTI ROGHI NON ACCADANO PIÙ

Rientrano nelle competenze dell’Ministero dell’Ambiente anche l’Economia circolare, settore che finalmente potrà essere trattato in maniera organica per dare maggiore impulso all'imprenditoria dell'economia circolare. Non sarà di certo una cosa semplice perché bisognerà demolire gli ostacoli burocratici e trovare gli spunti giusti al fine di agevolare la nascita di un nuovo paradigma economico basato proprio sul minimo spreco delle risorse e dedito al riuso delle materie che altrimenti andrebbero perse.

«È una serata bellissima. L'abbiamo detto e lo abbiamo fatto: l'ambiente prima di tutto. - ha commentato il ministro Sergio Costa - Adesso si lavora con i gruppi parlamentari ma sono persuaso che non troveremo ostacoli perché l'ambiente non ha colori e il benessere dei cittadini e del nostro Paese sono priorità».

Letto 1082 volte
Redazione

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.