Quantcast
Connettiti con noi

News

Bond greci. Codacons: Banca condannata alla restituzione di 200mila euro

Pubblicato

il

Bond greci codacons

Bond greci. Importante sentenza del Tribunale di Salerno. Codacons: “Condannata Banca di Credito Cooperativo Campania Centro – Cassa rurale alla restituzione di circa duencentomila euro

Tutti ricorderanno la vicenda dei Bond Greci il cui acquisto – poco prima del default – causò danni economici a migliaia di risparmiatori, ebbene la sentenza del 13 aprile 2024 del Tribunale di Salerno nella persona del Giudice dott. Taraschi è di fondamentale importanza soprattutto per coloro che ancora devono essere rimborsati.

Circa dieci anni or sono un cittadino che aveva visto volatilizzarsi la gran parte dei propri risparmi si rivolse all’Avv. Matteo Marchetti dell’ufficio legale della sede regione Campania del Codacons.

Dichiarata la risoluzione del Contratto di investimento per violazione degli obblighi di informazione

«[…] tra rinvii, covid ed altro ci sono voluti dieci anni ma la soddisfazione è tanta oltre che per l’assistito anche per tanti altri soggetti che hanno visto depauperarsi il loro risparmio, Il Giudice ha accolto la domanda di parte attrice e, per l’effetto, ha dichiarato la risoluzione, per inadempimento della banca convenuta agli obblighi informativi di cui al d.lgs. n. 58/98 ed al reg. Consob n. 16190 del 29/10/07, dell’ordine di acquisto dei bond greci», così l’avv. Marchetti in una comunicazione.

Codacons: sono ancora vive le speranze per migliaia di risparmiatori in tutta Italia

«Dalla sentenza emerge chiaramente che nell’ambito dell’investimento in titoli, la banca assume con il cliente non solo l’obbligazione di custodia e deposito dei titoli, ma anche quella di “consulenza di base”. Vi è un dovere della stessa di non rendersi “spettatore
passivo” delle scelte, eventualmente errate, dell’investitore, ma di consigliarlo e, se del
caso, dissuaderlo dall’acquisto e, successivamente, nel caso di repentino rialzo della
rischiosità dell’investimento, consigliarlo per il celere disinvestimento al fine anche di
evitare la perdita del capitale investito».
Ha ancora continuato l’avvocato del Codacons

«L’omessa, tempestiva, comunicazione agli attori dell’intervenuto “downgrade” dei titoli
costituisce grave inadempimento della convenuta, avendo privato gli investitori della
facoltà di decidere consapevolmente se mantenere le obbligazioni greche nel proprio
portafoglio, per la loro maggiore redditività, nonostante il rating nel frattempo raggiunto
dai titoli greci»
. Conclude Marchetti.

Se ti va lascia un like su Facebook, seguici su X e Instagram

Trending