Quantcast
Connettiti con noi

Cronaca

Sospesa attività di ristorazione nell’avellinese: una denuncia

Pubblicato

il

Un lavoratoro in nero, nessuna formazione e DVR non aggiornato: sospesa attività di ristorazione. I Controlli dei Carabienieri del NIL e del NAS

Sospesa attività di ristoriazione. In un’azione congiunta, i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Avellino e del N.A.S. di Salerno, hanno ispezionata un’attività di ristorazione e confezionamento pasti che fornisce cibi alle scuole della provincia di Avellino.

L’obiettivo principale dell’operazione contrastare il lavoro sommerso e verificare il rispetto delle normative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e sulla salute.

Per le irregolarità riscontrate, il legale rappresentante dell’azienda è stato deferito in
stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

In particolare, uno degli otto lavoratori controllati è risultato non regolarmente assunto.

All’esito delle verifiche, inflitte sanzioni amministrative e impartite prescrizioni in materia di lavoro ai sensi del D. Lgs. 81/2008, riguardanti la mancanza di visite mediche di idoneità, la mancata formazione dei lavoratori e il mancato aggiornamento del D.V.R.. Circa diciannovemila euro l’importo complessivo di circa 19.000 euro.

L’attività imprenditoriale è stata sospesa per aver impiegato manodopera in “nero”.
Tali controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni nell’intera provincia.

Trending